martedì 26 aprile 2011

Puoi fidarti di te di Raffaele Morelli

Questo libro, come dice il titolo, parla soprattutto della fiducia in se stessi.

Non ho letto molti libri di psicologia e psicoterapia, anzi, non ne ho letto nemmeno uno (questo mi è stato regalato), ma il volumetto in questione, che si legge tutto d’un fiato, ha un approccio particolare alla psicoterapia.
Raffaele Morelli* spiega come lavora solitamente con i pazienti: lui NON vuole sapere la loro storia, il perché hanno sentito il bisogno di ricorrere alla psicoterapia, quale trauma hanno subito, il rapporto che hanno con gli altri, insomma, lui non ne vuole sapere nulla. Vuole invece che ti estranei da quello che pensi sia il tuo problema. Se un fastidio fisico ti affligge (per es., colite, ansia, attacchi di panico) la prima cosa da fare è non pensarci su tutto il giorno. Quando il dolore arriva, bisogna accoglierlo, come fosse una parte di noi, come se ci stesse dicendo qualcosa. Morelli introduce tanti e diversi esempi dei casi che gli sono capitati durante il suo lavoro, sono esempi di persone come noi, chi è insoddisfatto del proprio lavoro, chi ha problemi nei rapporti con gli altri… i fastidi, i dolori, sono un segnale, secondo lui, che qualcosa non sta andando nel verso giusto nella nostra vita.
Rifacendosi a filosofi e saggi antichi, Morelli pensa che in ognuno di noi esista un’Immagine, un altro “io” diverso da noi, un io che conosce i nostri veri desideri, i desideri dell’anima. Dando un nome a questa Immagine, ascoltandola quando ci invia dei segnali, saremo in grado di vivere al meglio la nostra vita.
Spero di non essere stata troppo contorta, so solo che questo libro, in un periodo particolare della mia vita, mi ha aiutato tantissimo! È molto interessante il suo approccio alla psicoterapia e i numerosi esempi sono d’aiuto, perché riguardano problemi che affliggono la società di oggi.

Ps: esiste anche un suo blog (davvero interessante): http://www.raffaelemorelli.it/.
*Medico, psichiatra e scrittore. Ha svolto i suoi studi principalmente nel campo delle malattie psicosomatiche.


11 commenti:

  1. Non è solo il pensiero di Morelli ma di tutta la Psicologia e la psicoterapia.La psicopatologia esiste come filone a se, e i sintomi non sono altro che manifestazioni di un malessere psichico. Quello che bisogna fare è perciò dare ascolto ai sintomi cercando di agire tramite un pensiero fluttuante che vada oltre le barriere che il nostro io minacciato mette in atto... in poche parole ascoltiamo il nostro corpo senza avere paura della verità che abbiamo sotto gli occhi e che invece tendiamo invano di nascondere ;)

    RispondiElimina
  2. Ah ecco, grazie mille per la precisazione Emy! Come ho già detto, non sono molto pratica di psicologia e psicoterapia, però la filosofia espressa in questo libro mi ha davvero affascinata!

    RispondiElimina
  3. :OOOO Occhio parla la psicologa! io ho fatto giusto un paio di esami all'università, per questo lungi da me entrare nel merito. Penso che, ogni malessere che avverto da quando lavoro in questo postaccio in cui mi trovo(sono finita due volte al pronto soccorso... non ci ero mai stata in 30anni)sia frutto dello stress e del malcontento!

    RispondiElimina
  4. @Chiara di nulla!! è la mia materia :D e mi appassiona!!!
    @Marianna vuoi ancora conferme in tal senso?!?! spero di no per te ahahahhahahah

    RispondiElimina
  5. @Marianna: ahahahah a chi lo dici! Siamo sulla stessa barca! Però all'ospedale fortunatamente non ci sono finita ;-), ma un malessere ogni mese non me lo toglie nessuno (e non sto qui a elencarli perché l'elenco sarebbe davvero lungo!!)

    RispondiElimina
  6. ahahahah LASCIAMO PERDERE va cheèèèèèèèèèèèèèèè meglio!!! :D

    RispondiElimina
  7. e' vero che dovremmo ascoltare un po' di piu' i segnali che il nostro corpo ci lancia,invece che facciamo finta di niente

    RispondiElimina
  8. mmm sembra interessante se mi capita comprerò anch'io un libro di Raffaele morelli ;) E' bello leggere le tue recensioni, vorrei leggerli tutti i libri che proponi.-...purtroppo però sono lentissima, visto che tra mille cose da fare il tempo per leggere è sempre pochissimo...percui sobno costretta a fare una cernita, è bello quindi conoscere blog come questo per poter scegliere bene ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nicoletta, benvenuta nel mio blog e grazie per i complimenti!
      Insomma, tutto il contrario di me, io sono velocissima nella lettura :P
      Questo libro mi ha aiutata molto in un periodo un po' particolare della mia vita... se lo leggi fammi sapere cosa ne pensi!
      Un abbraccio

      Elimina
  9. Ho letto varilibri di morelli e concordo che i suoi approcci sui vari argomenti siano interessanti, peccato che a me non siano mai serviti!
    :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho letto soltanto questo e l'ho trovato interessante... mi dispiace che però i suoi suggerimenti non ti abbiano aiutato :-(

      Elimina

Abbuffiamoci di parole!!!