giovedì 28 aprile 2011

Sono diventata invisibile di Lucy Cavendish

Sottotitolo: “Cercare l’amore, i calzini, se stesse”.

Come promesso (v. sezione “Prossimamente”) vi posto la recensione del primo romanzo di Lucy Cavendish.
Con non poche difficoltà, ieri sera sono riuscita a leggere le ultimissime pagine del romanzo. E’ stata un’impresa ardua perché ero sul treno (dove solitamente alle 8 di sera non vola una mosca) e si sono presentati nell’ordine: 1) un tizio che emanava un odore a dir poco nauseabondo; 2) un altro tizio che, nonostante ci fossero 200 posti liberi sul treno, mi ha costretto a togliere le 2 borse che avevo momentaneamente poggiato su un sedile perché doveva sedersi per forza lì! Non contento di ciò, ha iniziato anche a parlottare da solo, al che mi sono alzata e mi sono seduta vicino a una ragazza “normale”; 3) per finire, una tizia dietro di me ha iniziato a litigare col fidanzato al telefono gridando improperi di ogni genere (ma lui insisteva a chiamarla! @_@).
Insomma, la ragazza “normale”, dopo 2 pagine di “Cent’anni di solitudine” ha gettato la spugna e si è messa ad ascoltare (era inevitabile) la ragazza cafona; invece io, udite udite, ho RESISTITO! E sono riuscita a finire il libro! Di solito non ho problemi a concentrarmi quando leggo, mi isolo del tutto, tanto che a volte (sulla metro) salto la mia fermata!!
Insomma, cari lettori, dopo questo breve spaccato di vita quotidiana veniamo a noi!
Dunque, la prima cosa che mi è venuta in mente, finito il libro, è stata: ma il titolo, che c’azzecca? Questa volta non posso imputare la colpa alla pessima traduzione italiana, perché il titolo è stato tradotto LETTERALMENTE (lo vedete dalla copertina inglese).. cioè, l’unica volta in cui sarebbe stato saggio cambiarlo l’hanno lasciato identico! Misteri della vita.
La protagonista, Samantha, è una mamma di 3 splendidi bambini: Edward, il più grande, l’ha avuto con il suo ex marito, John I; Bennie e Jamie con il suo secondo marito, John II. Vive felicemente con John II in campagna, lavorando come giornalista freelance, scrivendo articoli su quello che mangiano le rockstar, andando a frugare nei loro frigoriferi.
Un giorno però piomba in casa loro una persona inaspettata, John I, l'ex marito, che sconvolgerà questo quadretto familiare apparentemente perfetto.
Non capisco perché Samantha diventi invisibile, anzi, a me è sembrato tutt’altro! E’ sempre al centro dell’attenzione, contesa dai due John, anche se il I è del tutto immaturo e inaffidabile, è alle prese con i guai dell’eccentrica sorella che viene lasciata dal marito e con i guai del suo migliore amico Dougie, senza parlare dei bimbi e delle sue amiche della ludoteca. Insomma, una bella baraonda di personaggi!!!
A parte l’inspiegabile titolo, il libro mi è piaciuto parecchio, era da un po’ che non leggevo un romanzo fresco, frizzante e scorrevole! I bimbi mi hanno fatto morire dalle risate, John II, invece a parer mio, è troppo perfetto, una figura quasi irreale direi (ho avuto questa sensazione soprattutto verso la fine del romanzo). Anche l’amico Dougie è un personaggio curioso, così come le amiche di Samantha, decisamente particolari!
Mi è piaciuto seguire le vicende della protagonista, vedere come riusciva a destreggiarsi nella vita di tutti i giorni, anche perché con 3 figli non è assolutamente facile!
Molto toccante invece la parte in cui Edward (8 anni) deve confrontarsi con la realtà di avere un padre biologico che l’ha abbandonato e che ora vorrebbe ricucire i rapporti con lui, ma dall’altra parte c’è anche il padre che l’ha cresciuto, quindi il bambino è combattutto e la mamma dovrà rendere questa situazione il meno dolorosa possibile per tutti.

14 commenti:

  1. ahhahaha la prima parte la conosco fin troppo bene purtroppo,io però sono quella che si lascia distrarre e parecchio ^_^!
    appena finisco questo me lo presti OK
    Smack

    RispondiElimina
  2. Mi sembra un bel romanzo... andrò a cercarlo anche perchè mi piace ridere quando leggo!
    Da mamma di due birbanti... direi che forse l'invisibilità della protaganista è da riferirsi all'invisibilità della sua vita tutta assorbita dalla quotidianità di chi le sta intorno!
    Cosa ne pensi?

    RispondiElimina
  3. @Marianna: ahahahahah eh sì, sui mezzi se ne vedono di tutti i colori! @_@ devo fare una lista dei libri che ti devo prestare!!!
    @Francesca: anche a me piace farmi due risate quando leggo, per distrarmi dalla quotidianità! Mi hai dato uno spunto su cui riflettere riguardo l'invisibilità della protagonista.. non ci avevo pensato! Grazie!!

    RispondiElimina
  4. ma lo sai che mi sono proprio divertita a seguire le tue imprese sul treno per riuscire a leggere,io non ci sarei riuscita e mi sarei persa ad ascoltare la telefonata(saro' troppo curiosa?)

    RispondiElimina
  5. Potrebbe essere anche un desiderio inespresso della protagonista, diventare "invisibile", proprio per evitare certe situazioni ingarbugliate! Complimenti per la tua splendida recensione, un bacio e felice giornata

    RispondiElimina
  6. @frogghina: hai visto che impresa titanica ho dovuto affrontare?? Non è tanto la curiosità che ti spinge a sentire certe conversazioni, è che, a volte, è proprio inevitabile!!
    @Lady Boheme: grazie anche a te per il tuo prezioso suggerimento, ne farò tesoro.. sono contenta che ti sia piaciuta la recensione! Baci e buona giornata a te! ^_^

    RispondiElimina
  7. Ciao Chiaretta! Grazie per essere passata da me! Da buona amante della lettura mi sa che passerò di qui mooolto spesso! Alla prossima!!!

    RispondiElimina
  8. @Sunshine: figurati, grazie a te!!!! Sei la benvenuta!!!!!!!! ^_^

    RispondiElimina
  9. Magari la donna invisibile, perchè nessuno, nemmeno i suoi due mariti, tiene conto della sua opinione e di quello che lei vuole veramente.

    RispondiElimina
  10. @Emilia: grazie anche a te Emy! E' bello sentire tutte le vostre opinioni riguardo al tema dell'invisibilità della protagonista!!

    RispondiElimina
  11. beh direi che condividiamo la stessa passione per i libri! è molto bello questo blog! ti seguirò volentieri!
    bacio!

    RispondiElimina
  12. @la fenice: ciao, sono contenta di conoscerti! Benvenuta nel mio blog!!

    RispondiElimina
  13. Chiaretta raccontami del film!!!!!!!!!!!! Mi hai incuriosito tantissimo da me! :-) Un abbraccione

    RispondiElimina
  14. @Carolina: ho risposto sul tuo blog! Un abbraccio e benvenuta nel mio blog!!

    RispondiElimina

Abbuffiamoci di parole!!!