mercoledì 11 maggio 2011

La rivincita della donna matura di Elizabeth Buchan

Ieri è stata la giornata delle più che gradite premiazioni e dei relativi e doverosi ringraziamenti! Grazie ancora a tutti coloro che mi seguono e che apprezzano il mio blog... sono contenta di avervi conosciuto e spero di conoscere ancora tanta tanta gente!
Ora però torno a fare il mio “lavoro”!! ;-)
Proprio stamattina ho finito di leggere il romanzo di Elizabeth Buchan, ha scritto diversi romanzi, ma solo questo è stato tradotto in italiano. 
Ho dei sentimenti un po’ controversi riguardo questo libro. Mi è piaciuto? Mmmm NI. E’ scritto molto bene, l’autrice ha uno stile elegante e preciso nelle descrizioni, utilizza metafore originali ed evocative.
Dopo avervi raccontato la trama vi dirò cosa non mi ha convinto:
La quarantasettenne Rose è felice della sua vita. Ha un marito meraviglioso, Nathan, due figli ormai grandi che le danno molta gioia, un bel gattone che le tiene compagnia e un lavoro nel campo dell’editoria (nella stessa azienda in cui lavora il marito) che le dà delle belle soddisfazioni. Dov’è il problema direte voi? Ebbene, Nathan, in evidente crisi di mezza età, lascia la moglie per mettersi con una ragazza più giovane di lei, Minty, che tra l’altro è l’assistente di Rose. Ma non è finita qui: la rubamariti le ruba anche il lavoro come direttrice del supplemento letterario del giornale in cui lavora.
Tutto qui? No, perché a un certo punto, nella vita di Rose, piomba un suo ex, Hal, diventato uno scrittore di fama internazionale, che lei ha amato alla follia in gioventù. Nel corso degli eventi, veniamo anche a sapere cosa succede nelle vite dei figli di Rose e Nathan.
Cosa non mi è piaciuto? Innanzitutto, l’evoluzione degli eventi: scontatissima. Sapevo già fin dall’inizio come sarebbe finita. Un po’ meno scontate, invece, le storie dei figli, Sam e Poppy, molto diversi tra loro, lui pacato e riflessivo, lei più spontanea e istintiva. 
Rose, da quando le è caduto il mondo addosso, mi è sembrata fin troppo remissiva, quando io, al posto suo, probabilmente avrei dato in escandescenze in più di un’occasione. Oltretutto, a mio avviso, ci sono troppi flashback, sicuramente utili in alcune occasioni, in altre esageratamente lunghi.
A parte queste puntualizzazioni, mi è piaciuto il modo in cui l’autrice si è districata nelle situazioni di tutti i protagonisti. Devo dire che sono molto incuriosita dal seguito di questo romanzo, attualmente non tradotto in italiano, “The second Wife”, dove veniamo a sapere come se la sta cavando Nathan nella sua nuova vita con Minty e - immagino - scopriremo com’è andata a finire la storia tra Rose e Hal (a proposito, personaggio che viene evocato molto spesso nel romanzo di cui vi ho parlato, e devo dire, davvero affascinante!).
Ed ora immancabile (o quasi) il link del sito di Elizabeth Buchan: http://www.elizabethbuchan.com/.

17 commenti:

  1. Ciao... E' un piacere conoscere altre persone che condividono la mia stessa passione per i libri. Ti ringrazio per i complimenti e devo dire che anche il blog è ben fatto e molto molto interessante. Farò tesoro dei tuoi suggerimenti, stanne certa! Questo libro, ad esempio, mi è del tutto nuovo... Al momento a dire il vero ho una lunghissima lista di libri in attesa... Comunque prendo nota... E vedremo se anche il mio sarà un NI! A presto ;-)

    RispondiElimina
  2. Non mi fare sbagliare... ma credo di aver visto un film con una trama simile! Vatti a ricordare il titolo però!
    Comunque... torniamo al libro che però non ho letto... a volte essere remissivi è solo un modo per difendere quel poco che rimane della vita che avevamo e da cui non vogliamo staccarci... sui flashback sono d'accordo: possono stancare!

    RispondiElimina
  3. @Stefania: Ciao! Il piacere è tutto mio!! Sono contenta che ti piaccia il mio blog, spero che tu possa trovare suggerimenti per le tue letture future!! A presto!! ^_^
    @Francesca: non mi viene in mente nessun film in particolare, ma è una trama abbastanza trita e ritrita direi! Ti do ragione, sicuramente la protagonista non vuole staccarsi dalla vita che aveva costruito, ma almeno all'inizio un po' di rabbia penso sia concessa... ;-)

    RispondiElimina
  4. mmmm non credo che te lo chiederò in prestito! basta con queste storie trite e ritrite... lei tradita ma che si rifà una seconda vita con un amore del passato...mi sembra una telenovela tedesca che ho visto qualche volta sulla 5 penosa ... la telenovela non il libro, per carità non l'ho letto e non penso lo farò
    kiss

    RispondiElimina
  5. Capito qui per caso e non posso non farti i miei complimenti... adoro leggere e sono sempre a caccia di nuovi titoli e scrittori!
    Un abbraccio e buonissima serata

    RispondiElimina
  6. @Emilia: oddio mi manca sta telenovela!!! ahahhah per carità!!!

    @marifra79: Ciao! E' un piacere conoscerti! Sono davvero felice che ti piaccia il mio blog! Sentiti libera di sbirciare quanto vuoi e di prendere spunto per le tue letture!! PS: ho appena dato uno sguardo al tuo blog.. è delizioso!!!! A presto e buon pomeriggio a te!!

    RispondiElimina
  7. Mi verrebbe da dire..già visto e già sentito. Una trama abbastanza scontata...

    RispondiElimina
  8. @Carolina: in effetti sì, ma lo stile della scrittrice mi è piaciuto!!

    RispondiElimina
  9. Emmm vediamo questo libro l'abbiamo comprato insieme dal nostro "spacciatore" ufficiale, credo che lo leggerò perchè ormai ho quasi finito il club del venerdì... che mi sta rattristando parecchio :(! ma questo poi te lo scrivo sotto il post del libro OK smack

    RispondiElimina
  10. @Marianna: ahahah eh già!! Il libro che citi è un po' triste, lo so, ma comunque bello! baciiii

    RispondiElimina
  11. @ Francesca proprio in questo momento veniamo delucidate su una trama identica ma non di un film bensì di una soap che andava in onda su canale 5 My Life:

    TRAMA:
    il marito preso da una crisi di mezz'età tradisce la moglie con la segretaria 25enne, addirittura chiedendole di sposarlo!
    la moglie tradita e ferita, incontrà il suo primo grande amore e un solo sguardo basterà a riaccendere la passione fra loro, ma lei all' inizio è titubante, poi cederà all'amore.
    I figli la prendono male, all'inizio entrambi i figli poi solo la grande tanto che avrà problemi con il marito ... NON SAPPIAMO COME VA A FINIRE PERCHè L'HANNO INTERROTTA SMACK

    RispondiElimina
  12. Grazie a te che scrivi così bene e sei ricca di spunti interessanti!
    Un bacione! :)

    RispondiElimina
  13. @Le ricette: :"> grazie mille davvero per le tue belle parole! Un bacione a te e buona giornata! ^_^

    RispondiElimina
  14. ciao chiaretta, avrai già fatto incetta di premi ma spero ti faccia piacere sapere che ce n'è un altro in arrivo. passa dal mio blog
    ciao
    martina

    RispondiElimina
  15. @Le ricette: grazie a te per le belle parole! Baciiii

    @MissMartinaB: oddio non so come ringraziarti! E' sempre un piacere ricevere un premio dalle mie amiche blogger... vado subito a sbirciare! Grazie ciaooo

    RispondiElimina
  16. Ciao, sono nuova e per ora nè bloggata nè loggata. Comunque, vi trovo leggendo qua e là recensioni sul libro appena letto. D'accordo in generale sui commenti, solo una cosa: non è facile dare in escandescenze e difendere la propria vita come una leonessa, anche se tali ci si è sempre credute. Queste esperienze, raccontate qui con passo svelto che scavalca quasi totalmente lo scavo psicologico (non ha certo la pretesa di essere un romanzo russo e lo apprezziamo proprio per la sua piacevolezza), in realtà ti feriscono l'anima, a volte molto gravemente e anche il corpo, provocando reazioni psicosomatiche serie. Parola di chi ha vissuto un'identica storia nella realtà, e si sta avviando verso un identico finale. Il mio grande amore di gioventù dopo trenta anni, si trenta, è tornato con me e ora siamo indescrivibilmente felici. a presto Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria, benvenuta nel mio blog! Mi dispiace moltissimo per la tua situazione. Sicuramente il romanzo ricalca storie che accadono se non tutti i giorni, molto spesso nella vita reale. Naturalmente io "giudico" il libro e non le problematiche personali di una persona nello specifico. Non è assolutamente facile affrontare certe situazioni, ma mi fa piacere che tu abbia trovato di nuovo la felicità che sicuramente meriti!

      Elimina

Abbuffiamoci di parole!!!