martedì 31 maggio 2011

Pane cose e cappuccino dal fornaio di Elmwood Springs di Fannie Flagg

Un altro libro della Flagg.. non vi siete stancati di lei vero? I suoi libri sono così adorabili!! ^_^
Già il titolo del romanzo fa sognare... anche se la storia non si svolge interamente in questo bellissimo paesino del Missouri ma, soprattutto nella prima parte, il racconto si svolge a New York.
"Da bambina passava ore a guardare la gente attraverso i vetri delle finestre. [...] guardava la gente dentro le case, e le sembravano tutti felici e contenti. Le sarebbe piaciuto entrare anche lei in una di quelle case, ma non sapeva come fare. Aveva sempre creduto che, se avesse trovato l'appartamento giusto nel palazzo giusto, forse tutto sarebbe cambiato [...] Ovunque andasse a vivere, non si sentiva mai a casa. A dire il vero, non sapeva neppure che cosa volesse dire avere una casa".
Dena è una giovane giornalista televisiva brillante e in carriera, oltreché meravigliosamente bella. Purtroppo deve scontrarsi con la dura realtà del mondo della televisione e di una città difficile e frenetica come New York. Infatti si sente molto sola e ha seri problemi di salute che cerca di camuffare con l’alcool e le pasticche, ma verranno fuori in maniera prorompente, rischiando anche la vita. Andrà da una psicologa che riuscirà ad aiutarla, nonostante sia un soggetto molto difficile da trattare. Così scopriamo che Dena non ha superato l’abbandono da parte della madre quando aveva 15 anni.
Dena tornerà al suo paese d’origine, Elmwood Springs, dove scoprirà di avere dei parenti un po’ schizzoidi ma molto affettuosi, personaggi che ritrovate anche in “Torta al caramello in Paradiso”: la nevrotica Norma, il paziente marito Macky e la simpaticissima Zia Elner. All’inizio Dena è un po’ spaventata, ma pian piano si abituerà alla sua bizzarra famiglia e scoprirà anche cosa è veramente successo alla madre.
Vi assicuro che resterete a bocca aperta!
Devo però dirvi che in questo romanzo sono presenti molti flashback che, anche se non li amo particolarmente, in questo caso sono necessari alla trama per far conoscere personaggi ed eventi fondamentali. Non appesantiscono comunque il racconto e non confondono le idee, parola d’onore!
Mentre leggevo venivo sopraffatta da sentimenti diversi tra loro ma tutti ugualmente forti: rabbia, commozione, felicità, divertimento condito da risate fino alle lacrime!
Mi piace quando ritrovo personaggi a cui mi ero affezionata nei romanzi letti precedentemente... è come se li conoscessi da tanto tempo e facessi ormai parte della loro vita! E poi sono così pieni di vita, soprattutto l'adorabile Zia Elner che vi farà morire dalle risate con le sue uscite apparentemente senza senso!! "Norma è una drogata delle pulizie. 'Norma', le ripeto sempre, 'se ti venisse un infarto dopo colazione, prima di chiamare l'ambulanza aspetteresti di aver lavato i piatti'!".
Ah, una cosa: durante e alla fine della lettura verrete presi dal folle desiderio di preparare le valigie e scappare di corsa a Elmwood Springs!!! ;-)


"A volte mi siedo da sola in cucina e piango... poveri piccoli esseri umani. Si ritrovano scaraventati in questo mondo senza sapere minimamente da dove arrivano e che cosa devono fare, o per quanto tempo dovranno restarci. O dove andranno a finire dopo. Eppure, che il cielo li abbia in gloria, la maggior parte di loro si sveglia al mattino e passa la giornata cercando di dare un senso a tutto questo. E allora non si può fare a meno di amarli. Non è così? Mi chiedo come mai i casi di pazzia non siano molto più numerosi!". (Zia Elner) 

15 commenti:

  1. Deve essere davvero un bel libro!

    RispondiElimina
  2. Un bel libro e la copertina e il titolo fanno proprio sognare!

    RispondiElimina
  3. Bellissimo!!! L'ho letto già diversi anni fa, ma ricordo che mi era piaciuto da morire, uno dei miei preferiti di quest'autrice. Dena è un personaggio davvero speciale. Lo straconsiglio anch'io.

    RispondiElimina
  4. ahahah già quando lessi Torta al caramello avrei voluto trasferirmi in questa ridente cittadina fatta di feste bucoliche e pettegolezzi...
    Non vedo l'ora di leggere anche questo libro! ^_^

    RispondiElimina
  5. Bellissimo, merita una lettura!!!!!

    RispondiElimina
  6. Che bello.
    Poi a me personalmente quello che mi colpisce subito e' la copertina,e questa e' davvero magica.
    Grazie dell'idea non lo conoscevo.
    Appena lo riesco a trovare voglio leggerlo.
    Un bacione e buon pomeriggio.

    RispondiElimina
  7. @Fausta: anch'io vengo colpita dalla copertina in primis.. e quelle della Flagg sono proprio speciali! E' un piacere dare consigli sui libri! ^_^ Buon pomeriggio a te!

    RispondiElimina
  8. Chiara ma anche questo ti tenta con le sue fantastiche ricette di dolci e non solo? ... forse è meglio leggerlo d'inverno :D

    RispondiElimina
  9. @Emilia: ahahahh nono! In questo caso niente ricette cara.. ;-)

    RispondiElimina
  10. che meravigliaaaaa!!! questo non lo conoscevo, ho letto e comperato tutti i suioi libri ma questo mi manca, e quindiiii segnato per il prossimo acquisto! grazie della tua visita ed è un grossissimo piacere per me essere qui! ti metto tra i miei preferiti così non mi perdo una sola recensione! a presto Ely

    RispondiElimina
  11. Hai ragione è proprio un bel libro, sai che fannie Flagg mi piace molto, mi fa piacere leggere che questo è piaciuto anche a te, ma già lo sapevo ; )
    ciao loredana
    http://lacucinadimamma-loredana.blogspot.com/

    RispondiElimina
  12. @Ely: Ciao Ely! Benvenuta nel mio modesto blog! :"> Mi fa davvero piacere averti qui!!! Sì la Flagg è formidabile!!

    @Loredana: ma hai ancora problemi con i commenti?? Mi dispiace... :-( sì questo della Flagg mi è piaciuto tantissimo!!

    RispondiElimina
  13. Io non ho mai letto niente di suo... Dovrò rimediare!

    RispondiElimina
  14. @Stefania: ti consiglio vivamente di rimediare!!! ;-)

    RispondiElimina

Abbuffiamoci di parole!!!