mercoledì 20 luglio 2011

Letture non digeribili @.@

Buon pomeriggio a tutti!
Oggi vi interrogo ^_^ Paura eh? Ihihihih
La domanda non è difficile tranquilli! Ultimamente mi sono imbattuta in diverse persone che sono rimaste deluse dai libri che stavano leggendo.
A me, lo sapete, è capitato con “Libri e amori a Los Angeles”, non vedevo l’ora di finirlo perché non ne potevo più! I motivi sono stati diversi: non scorreva, la trama era a dir poco inesistente e le mie aspettative erano alte. Questo è un esempio recente.
Anni fa, ancora lo ricordo, presi in mano un libro dalla biblioteca di mio padre: “Dell’amore e di altri demoni” di Gabriel García Márquez. Sarà stata l’età, avevo più o meno 14 anni (non spaventatevi, la mia mitica prof di italiano in IV ginnasio ci faceva leggere Dostoevskij, che è diventato uno dei miei autori preferiti!) sarà stato il periodo (l’adolescenza?), sta di fatto che non riuscii a finirlo. Ebbene sì, lo confesso, il primo (e ultimo) libro della mia vita che non riuscii a finire.
Anni dopo, decisi, per una sorta di contorto masochismo mentale, di riprenderlo in mano e indovinate un po’? Sono riuscita a finirlo e mi è pure piaciuto!!
E a voi? Vi è mai capitato di iniziare un libro e di non finirlo? Oppure, vi siete armati di coraggio e buona volontà e siete arrivati fino in fondo? Sono curiosa! Scrivete scrivete scrivete! :-)



22 commenti:

  1. l'ammetto l'ho fatto anche io ho lasciato "Il Giardino dei Finzi Contini" a 16 anni l'ho ripreso a 20 e l'ho rilasciato che ti devo dire??NON GNA POTEVO DA Fà!!!! mi perdoni????

    RispondiElimina
  2. Io ho abbandonato "il fantasma dell'opera"...non ce la facevo proprio!!!!! Ho fatto una fatica tremenda con "cent'anni di solitudine" ma l'ho finito... Adesso ho in stand-by "l'eleganza del riccio" e "il signore delle mosche", me li porterò al mare!!!!

    RispondiElimina
  3. ciao scusa se disturbo,sono in finale in un contest,ve puoi mi voti la ricetta?
    il link del contest e'
    http://blog.giallozafferano.it/ricetteditina
    e la mia ricetta e' la seconda
    Un pizzico di ..q.b. : Cheesecake salata
    basta spuntare sul cerchiolino
    ti ringrazio tanto!

    RispondiElimina
  4. Eccomi, ho mollato bellamente Angelology, è un mattone in tutti i sensi, e dire che io ne leggo di libri!

    RispondiElimina
  5. UUUUUUUUUUU CHIà mi sono dimenticata -3 aajajaj ^_^

    RispondiElimina
  6. Ciao cara!
    Io ho mollato "Cose Preziose" di S. King un bel po' prima della fine e ho faticato a finire "Gai-Jin" di J. Clavell!

    RispondiElimina
  7. Io sto leggendo Povera ragazza ricca....che ti dirò non è male ma vado a rilentissimo....non so se ce la faccio ad arrivare in fondo!!!

    RispondiElimina
  8. mi è capitato (un paio di volte solo, per fortuna!) e mi ha dato parecchio fastidio..ma proprio non sono riuscita ad andare avanti.. uno è ancora lì sul comodino "in cina in vespa" di G.Bettinelli. Sogno di andare in cina e amo le vespe ma non è bastato hehehe

    RispondiElimina
  9. capitato con Un altro giro di giostra di Tiziano Terzano. Non crocefiggetemi ma quel libro mi ha angosciato troppo

    RispondiElimina
  10. Ciao chiara, stavo per andare a dormire, ma mi è capitata la tua domanda sotto gli occhi e non ho resistito...io non sono riuscita a leggere cent'anni di solitudine...ci ho provato diverse volte, ma oggi non ci provo più, dell'amore e di altri demoni , invece mi è piaciuto moltissimo, siccome di libri lasciati a metà ce ne sono diversi ti farò un elenco, ma ci tengo a dirti che fino a una decina di anni fa MAI avrei lasciato un libro...era più forte di me, DOVEVO finirlo...poi ho letto Come un romanzo di Pennac e mi sono sentita, finalmente, autorizzata a leggere i libri come volevo, dalla fine, da metà, saltando le pagine e non finendoli...in realtà li leggo sempre nel modo tradizionale, ma se non mi piaccciono li chiudo e pace.
    NON ho terminato:
    -Arcipelago gulag Solgenytzi
    -Orlando V. Woolfe
    -la regina disadorna Maggiani
    -il coraggio del pettirosso Maggiani( mi erano stati vivamente consigliati!)
    -Baudolino Eco
    -perchè leggere i classici Calvino

    Insomma ce ne sarebbero anche altri, ma l'ora sta avendo il sopravvento...è sempre un piacere passare qui da te!!
    ciao loredana

    RispondiElimina
  11. Ciao!
    Prima di tutto ti saluto, non avevo mai commentato. Il tuo è un blog vispo e pieno di passione, da seguire sicuramente! :)

    Anche a me è capitato di non finire libri: ricordo un'antologia di E. T. A. Hoffmann intitolata "Racconti". Lo stile di scrittura veramente originale e fantasioso, ma richiedente predisposizione, mi ha portato all'abbandono e alla ricerca di momenti migliori per leggerlo.

    Luigi

    RispondiElimina
  12. Io non ce l'ho fatta a concludere la lettura di "Venuto al mondo" della Mazzantini.
    Eppure ho apprezzato altri suoi libri, ma in questo ho trovato pagine ridondanti.
    Ciao buona giornata

    RispondiElimina
  13. mi capita con tutti i libri anche quelli che mi piacciono..ho 2 pesti che nn mi danno tregua hhaha un bacione cara

    RispondiElimina
  14. mi è capitato!!!! di non riuscire a finire un libro e da quel giorno penso sempre a quel libro che ancora devo finire!! La misteriosa fiamma della regina loana di U. Eco, un giorno proverò a finirlo ma non so se ci riuscirò :)

    RispondiElimina
  15. a parte che...questo blog sta sempre più diventando bello....io ho da dire la mia =)
    La mia etica mi impone di portare a termine tutti i libri che prendo in mano prima di rimetterli in libreria...mi devo far coraggio e portar pazienza...in effetti c'è un libro che è rimasto inconcluso.....non ricordo nemmeno il titolo giusto, era "alla luce del giorno i lupi ritornano" una cosa del genere...non ce l'ho proprio fatta. Baci bella

    RispondiElimina
  16. Mi è capitato!!!!! Bacioni Chiaretta!

    RispondiElimina
  17. Mai finito i Malavoglia di Verga, ma il libro che odio di più sono i Promessi sposi! Bleah!

    RispondiElimina
  18. Grazie a tutte ragazze per i vostri commenti!! Non sono l'unica a quanto pare a tralasciare libri che non mi sconfinferano!!!! ^_^

    RispondiElimina
  19. Stavo riflettondo sulla tua domanda: mi è capitato tantissime volte, ma volevo trovare un esempio positivo tra tuti questi libri. Ho riccordato che a scuola non capivo Turgenev, non sono arrivata a metà di "Padri e figli". ci presentavano i classici con tutta questa propaganda sovetica... A trent'anni ho cominciato a legere uno dopo altro i suoi romanzi. Ora è tra i miei scrittori preferiti.

    RispondiElimina
  20. Trovo che sia normalissimo abbandonare un libro che non piace, anzi dovremmo pure chiedere il rimborso. Di soldi e di tempo! :)
    A parte questo devo ammettere che mi sono arenato anch'io (come qualcuna delle precedenti lettrici) sulla Regina Loana di Eco, non perché non mi stesse piacendo ma perché lo trovai davvero faticoso da leggere, e arrivato a un certo punto mi dissi "Ma che me l'ha ordinato il dottore?".
    Poi, per motivi completamente diversi: "V.M. 18" di Isabella Santacroce, autrice dallo stile notevole e folle ma che in quel libro proprio non sono riuscito a mandare giù.
    Poi: La città delle bestie, della Allende: il genere non le si confà. Poi: Le 120 giornate di Sodoma, di De Sade. Poi: La regina dei dannati, di Anne Rice.
    Hai voglia :)

    RispondiElimina
  21. @Ema: ehiii wow ne hai abbandonati di libri eh? ;-) Comunque hai pienamente ragione: non ce lo ordina il medico di finirli!!!

    RispondiElimina

Abbuffiamoci di parole!!!