mercoledì 21 settembre 2011

Le mille luci di Parigi di Anna Davis

Le mille luci di Parigi” è un romanzo che cattura. Immaginate una Parigi degli anni '20, con gli abitini corti alla charleston, le cloches, gli artisti che popolano Montparnasse, scrittori, pittori, poeti, e poi prendete un genio delle scarpe di nome Paolo, Paolo Zachari. Lui crea delle scarpe perfette e uniche per le donne più ricche di Parigi. Le fa camminare avanti e indietro a piedi nudi così che possa riuscire a cogliere la loro essenza: la forma delle caviglie, il collo e le dita del piede, in modo da creare una scarpa unica e inimitabile.
Genevieve, una nobile fuggita dall'Inghilterra, dai suoi genitori freddi e distanti, ma che per questo motivo ha imprigionato se stessa in un matrimonio senza amore (da parte sua), si innamora perdutamente di Paolo. Lei che colleziona scarpe da quando era bambina.
Fino a quel momento non aveva mai tradito il marito, Robert, ma complici la monotonia del matrimonio e la sua bizzarra amica Lulu con i suoi discorsi, finisce nella trappola e va a letto con un poeta e poi con Zachari.
Genevieve è un personaggio che a me ha suscitato ben poca simpatia, nonostante venga fuori un suo terribile e angoscioso segreto. È troppo superficiale e immatura, non affronta come dovrebbe i problemi con il marito che, ahimè, è fin troppo dolce nei suoi confronti.
Mi sono innamorata, invece, delle descrizioni delle scarpe create da Zachari, personaggio tra l'altro ispirato da un calzolaio realmente esistito, Pietro Yanturni; sono rimasta abbagliata dalle mille luci di Parigi, ma io sono un po' di parte, perché è una città che adoro, dove sono stata già due volte ma dove vorrei tornare ancora e ancora.
Il racconto è scorrevole, ben scritto, le vere protagoniste sembrano essere le scarpe, descritte nei minimi dettagli. E’ un romanzo che consiglio a chi ama la Parigi bohemienne, a chi ama le scarpe e le storie un po’ malinconiche.

In quel momento, mentre indossava le sue scarpe nuove perfette e guardava la madre ridacchiare con un attraente americano, Genevieve decise che quello era il giorno più bello della sua vita. chiuse gli occhi, agitò le dita dei piedi dentro le Mary Jane ed espresse un desiderio”.

Immagini liberamente tratte dal web

23 commenti:

  1. Allora questo è un libro adattissimo a me! io AMO le scarpe e ancora di più Adoro Parigi!
    Corro subito a comprarlo Merci! ;)

    RispondiElimina
  2. questo lo compro anche io.....Parigi è la mia città preferita!

    RispondiElimina
  3. Io adoro Parigi è la mia città preferita in assoluto.. quindi non posso farmi scappare questo libro!! Grazie della segnalazione e ottima recensione come sempre!

    RispondiElimina
  4. Io vivo in una zona in cui le aziende calzaturiere rappresentano il settore trainante per la nostra economia... Scarpe da uomo, da donna, da bambino... Anche se non sono una fanatica di calzature è un ambiente che sento molto mio (mi spiace solo che non sia Parigi... sob)... Una lettura così non mi dispiacerebbe affatto...

    RispondiElimina
  5. Consigli libri troppo belli!!!non riesco a starti dietro!!!

    RispondiElimina
  6. ciao Chiara, vado subito a comprarlo!!!!

    RispondiElimina
  7. Adoro Parigi ...grazie della recensione corro su amazon e lo infilo nel primo ordine che faccio!

    RispondiElimina
  8. Ciao, ho letto il tuo commento su Viterbo. Il locale di cui parlo lo gestisce mio figlio che accoglierà con piacere i lettori del mio blog. Un abbraccio, Laura

    RispondiElimina
  9. Bè una shoes addicted come me non può non leggerelo :)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  10. Penso proprio che questo libro piaccia anche a me...grazie del consiglio...bacini e buona notte...stefy

    RispondiElimina
  11. mi piacerebbe leggerlo mi piace!!!grazie

    RispondiElimina
  12. Adoro Parigi, lo devo leggere!!!!

    RispondiElimina
  13. oddio questo libro lo sento già mio tra scarpe perfette e Parigi sento che il cuore avrà un sussulto ad ogni riga e pagina :D

    RispondiElimina
  14. @Marianna: non ne avevo dubbi cara!!! ;-)

    @Madamadorè: vedo che non sono l'unica a cui piace Parigi! ^_^ E' stupenda!

    @Monica: grazie cara, troppo buona!

    @Stefania: come? Vivi in una zona "ricca di calzature" e tu non ci vai matta?? Ahiahiahi ;-) Scherzo naturalmente.. certo per leggere questo libro e immedesimarti nella protagonista devi amare le scarpe ma non esserne ossessionata come lo è Genevieve. Credo che ti piacerà comunque!

    @Adriana: mi piace "Bon"! :D

    @Enza ed Elisabetta: sono contenta che la mia recensione vi abbia catturato!! Correte a fare acquisti allora! Magari ci infilate anche un paio di scarpe, che non guastano mai! :P

    @matematicaecucina: ma daiiii non avevo capito che lo gestiva tuo figlio! Che bello! Quasi quasi ci faccio un pensierino per il mio anniversario di matrimonio che si sta avvicinando!

    @Eva Q.: grandeeee benvenuta nel club allora!

    @stefy, Tina e speedy70: vi piacerà sicuramente ragazze! Baciii

    @Emilia: tesoro, non ho dubbi, il tuo cuore sussulterà a ogni descrizione di quelle scarpe meravigliose e uniche!

    RispondiElimina
  15. E' mio! Mi piace sì sì....messo nella lista. Grazie Chiaretta

    RispondiElimina
  16. leggere la tua recensione mi ha fatto percepire perfettamente l'atmosfera di quel periodo,questo romanzo deve avere una trama intrigante non so' perche' ma mi immagino un finale inaspettato,magari sbaglio,comunque le scarpe sono troppo attraenti per noi donne!

    RispondiElimina
  17. @Ale: metti metti! ;-) baciii

    @frogghina: speravo di riuscire a ricreare l'atmosfera del libro con le mie modeste parole e ti dirò che hai perfettamente ragione! Il finale è davvero INASPETTATO!

    RispondiElimina
  18. Un libro dove le protagoniste sono le scarpe? forse più dei sentimenti a cui questa una donna in effetti sembra, dalla tua descrizione, darne poco peso. Lo leggerei per la descrizione dell'ambiente, dell'epoca, per conoscere lo stile di quest'autrice e ormai .... anche per la curiosità sul finale!!!
    Sei forte a scgliere questi libri! :-)
    ciao

    RispondiElimina
  19. @Tina: buon weekend a te cara!

    @Rita: sì hai percepito in pieno la "situazione" della protagonista.. è una donna superficiale e poco le importa di quello che provano le persone che le stanno intorno! Ps: devo dire che le copertine sono fondamentali per la scelta dei libri! ;-)

    RispondiElimina
  20. Chiaretta, ieri ho finito di leggere questo libro, grazie per averlo consigliato perchè a me è piaciuto tantissimo e mi è costato anche due paia di scarpe ^_^!
    BELLISSIMO Ragazze se non l'avete ancora comprato fatelo è davvero bello!

    RispondiElimina
  21. @Marianna: ahahahah sei monellaaaaa adesso è colpa mia se sei "malata" di scarpe??! Ahhahah comunque è vero, il libro è molto bello!! ;-)

    RispondiElimina

Abbuffiamoci di parole!!!