martedì 11 ottobre 2011

Ed eccolo... il mio secondo GIVEAWAY!!!



Ciao a tutti miei cari lettori!! Allora, vogliamo festeggiare? Siamo arrivati a più di cento followers, e di questo non posso che ringraziarvi se non con il mio secondo Giveaway!
Dunque, ho notato che l’ultimo libro che ho recensito, “La meraviglia delle piccole cose” di Dawn French, ha riscosso parecchio successo, perciò, grazie alla collaborazione con Leggereditore, ho deciso di mettere in palio una copia di questo divertentissimo romanzo. Che ne dite? Vi piace l’idea?

Partecipare è semplice:

1) Dovete essere follower di questo blog, anche perché non sarebbe giusto nei confronti di persone che mi seguono assiduamente e da tanto tempo;

2) Lasciate un commento sotto a questo post che descrive un dettaglio, un particolare della vostra vita familiare di cui non potete fare a meno, quel qualcosa, quella piccola cosa che se venisse meno ne sentireste la mancanza: magari riguarda vostro marito, il vostro compagno, i vostri genitori o i vostri figli! Sbizzarritevi!

3) Prelevate l’immagine del romanzo pubblicandola sui vostri blog rimandando al mio sito (per chi non avesse un blog non ci sono problemi, potete tranquillamente lasciare solo un commento sotto a questo post).




Come per il mio primo contest non utilizzerò metodi come random per decretare il vincitore, ma sceglierò personalmente l’aneddoto che più mi ha colpito. ^_^

La copia verrà spedita al vincitore direttamente dalla Casa Editrice.

Il giveaway scade il 4 novembre 2011

Vi aspetto numerosi!

58 commenti:

  1. Il piccolo particolare di cui non posso fare a meno, credo che sia quando la mattina presto parte la sveglia del telefonino, e pian piano nella stanza si diffondono le note di "Sunday morning" dei Maroon 5(mia canzone preferita, e di mia mamma!)così ci svegliamo(già di buon umore), e lei mi accompagna alla stazione per andare all'università ^^... mi piace perchè ormai è entrato a far parte della routine quotidiana!

    (credo che quando finirò gli studi punteremo comunque la sveglia, anche solo per sentire le prime note iniziali che ci piacciono tanto ♥)

    Ciao ciao! ^__^

    RispondiElimina
  2. Io credo proprio di non poter fare a meno delle mani dei miei bimbi che cercano il contatto con me per dormire... So che quando cresceranno mi mancheranno molto le manine del piccoletto che cerca il mio seno: le sue piccole dita che si appoggiano appena al contatto con la mia pelle e lui che dopo due secondi dorme... E mi mancheranno molto le manine della principessa di casa che cercano le mie orecchie... Eh si, le deve toccare le orecchie... Ogni sera, da quando sono nati, ognuno ha il suo rituale e nella consapevolezza che tutto ciò prima o poi mi mancherà perchè cresceranno, non ho nessuna intenzione di rompere tale rituale per mandarli a dormire da soli in cameretta. Ci addormentiamo tutti e tre sul lettone, con me al centro e loro di lato. Il piccoletto a sinistra e la principessina a destra... quanto tutto ciò verrà meno sono certa che mi mancherà per questo cerco di assaporare ogni attimo il più a lungo possibile ora che sono piccoli.

    RispondiElimina
  3. il mio è un po' stupido e per nulla profondo e/o strappalacrime. Il mio particolare è un piatto di riso bianco.
    Da piccola detestavo ritrovarmelo a tavola, a volte battibeccavo con i miei genitori per la monotonia dei piatti che seppur a random sembrava che ognuno tornasse con fin troppa frequenza sulla nostra tavola. Volevo sempre mangiare piatti differenti, a volte troppo complicati. Ma logicamente come ogni brava figlia quando mi veniva chiesto "Cosa vuoi?" la risposta era "Non lo so" oppure "E' indifferente"
    Ma allora... cosa pretendevo?!
    Da un paio d'anni non vivo più sotto lo stesso tetto di mamma e papà e da quando mangio "quello che voglio" mi rendo conto che non mi soddisfano come faceva il mio semplice piattino di riso a cui accompagnavo secondi e contorni di ogni tipo.
    Quando non c'è per troppo tempo sento una forte mancanza. Sarà che mi ricorda casa, sarà che mi dà una scusa per chiamare mamma e papà per farmi dire come preparare piatti per accompagnarlo. Effettivamente non so perché abbia scelto proprio questo "dettaglio", che tanto dettaglio non è visto che appena sparisce sento un vuoto strano, molto ma molto più ampio di quello che dovrebbe lasciare un dettaglio...
    Ad esempio: se mi togli la carne per tanto tempo non succede niente e dire che non sono assolutamente vegetariana o vegana. Se mi togli il mio bagnoschiuma preferito, pazienza! Ne cercherò un altro. Lo shampoo? idem! La maglietta? Beh prima o poi sarebbe stata troppo rovinata per continuare a fare il suo lavoro. Le scarpe? Ci perdo un anno, ma alla fine ne trovo un altro paio a cui "affezionarmi".

    So che tu suggerivi marito, compagno, famiglia, figli, ma credo che sotto qualsiasi punto di vista marito/compagno e figli sono da raggruppare in "famiglia" e per me la famiglia non è mai un dettaglio.

    Condivido il bannerino sulla sidebar sinistra del mio blog :)
    http://enchantland.blogspot.com/

    RispondiElimina
  4. dunque... il mio piccolo particolare è fare colazione.
    Per me e mia sorella è un rito che si perpetua da anni, da quando la nostra bella mammina ci metteva le tovagliette colorate e le tazze dei cartoni animati con il latte fumante ed il Nesquik! Oggi che viviamo da sole e siamo adulte, le tovagliette le utilizziamo comunque le tazze sono a forma di mucca e nel latte c'è il caffè, ma il rito è lo stesso di sempre...
    Smack!
    P.S. Bellissima idea ;)

    RispondiElimina
  5. Partecipo super volentieri l'unico problema è riuscire a mettere il banner perchè me lo ririuta categoricamente e spero di risolvere il problema , comunque magari faccio un post sul tuo giveaway.....Dunque la cosa a cui non saprei rinunciare sono le serate davanti a un bel film , tutti e cinque assieme a mangiarci la pizza con le mani seduti sul divano , con il rischio che la coca-cola cada in continuazione con piccolina e il gatto che dopo poco si aggirano sul divano sorpassandoci e saltandoci e io che mi arrabbio con me stessa perchè permetto queste cose sul divano che è beige e le risate , le battute , fanciulla che fa domande e ragazzo che si arrabbia dicendo che non capisce nulla e alle fine si finisce con la battaglia dei cuscini...ecco a questo non saprei rinunciare mai.....

    RispondiElimina
  6. @Miharu: il tuo racconto mi ha fatto commuovere sai? Grazie!

    @Stefania: Grazie per aver partecipato! Fai bene ad assaporare questi momenti con i tuoi figli..

    @Lilith: ciao Lilith, benvenuta nel mio blog e grazie della partecipazione! I racconti non devono essere per forza strappalacrime, il tuo calza a pennello! E comunque, riguarda pur sempre la famiglia! ;-)

    @Marianna: ehiii grazie per aver partecipato! Quando vivevo dai miei la colazione era un rituale fondamentale... mia madre mi faceva trovare la tavola apparecchiata con le tovagliette (anche io le uso ancora!) e chiacchieravamo mezz'oretta buona davanti a una bella tazza di latte!!

    @Antonella: grazie, se ti va di partecipare sei la benvenuta! ^_^

    @Elisabetta: ciao e grazie per il tuo contributo! Ho scritto sul tuo blog riguardo al banner.. il tuo racconto mi ha fatto morire dalle risate, davvero divertente, grazie! :D

    RispondiElimina
  7. dunque io non posso fare a meno delle chiacchiere con mia sorella, io e lei chiacchieriamo sempre e di tutto, tanto che i vicini di casa ci dicono " ma che cosa avete da dirvi sempre" non lo so ma è una cosa che mi fa star bene e mi rende felice ^_^ quando lei per un periodo ha lavorato fuori mi ritrovavo a commentare i film da sola poi me ne rendevo conto e ridevo....

    RispondiElimina
  8. grazie :D in realtà ti seguo dalla settimana dell'estrazione del tuo libro, solo che evidentemente mi ero registrata al gfc in maniera anonima °__° non so perché XD non ero per nulla pratica di blogger ed evidentemente ho cliccato qualcosa di strano +.+

    mi fa piacere non essere andata fuori tema :D

    RispondiElimina
  9. @Emilia: ehii grazie per la partecipazione!! Ma in effetti... ma che ve dovete da dì tutto er giorno?? ;-) baciiii

    @Lilith: oooops mi scuso per la gaffe allora! Non sei assolutamente andata fuori tema, tranquilla! un abbraccio ^_^

    RispondiElimina
  10. Ciao Chiaretta...ci hai preso gusto eh???
    E adesso chi ti ferma più?
    Pensa che avevo proprio pensato di acquistarlo, questo libro, magari aspetto, nel caso dovessi essere così fortunata da vincerlo altrimenti dovrò leggerlo!!
    Allora anche per me ci sarebbero diverse cose piccole cose a cui sono legata, tipo svegliarmi prima del tempo per poter godere della mia tazza fumante fissando il muro e con la mente ancora occupata a passeggiare nel mondo dei sogni...ma mentre pensavo a quale cosa proprio non saprei rinunciare mi sono accorta che posso rinunciare a qualunque piccola abitudine e quindi non te ne lascio nessuna!!!
    vado a farti un pò di pubblicità su fb nel gruppo A tutto contest!
    ciao loredana

    RispondiElimina
  11. E' difficile raccontare solo un piccolo particolare.... tutto è essenziale per me, non potrei fare a meno di nulla della mia famiglia.... stiamo nella nuova casa da circa un anno,io e mio marito ci siamo sposati l'anno scorso... e siamo già in 4.... no, non pensate chissà cosa, non abbiamo bambini ancora, ma abbiamo due cuccioli di cane, un maschietto Roby, ed una femminuccia, Mammola. Pensando a loro, quello a cui non posso proprio rinunciare è il loro amore. Un amore incondizionato, ti danno tutto in qualunque momento. Non ti chiedono nulla e ti danno tanto!! A volte anche più di molte persone. Quando rientro a casa, anche se sono uscita solo per cinque minuti, ti saltano letteralmente in collo ed è allora che capisci di non poter fare più a meno di loro, della gioia che ti danno e della gioia che portano in casa. Chi non ha un animaletto in casa non si può rendere conto di quanto li amiamo!!

    RispondiElimina
  12. Sono tante le piccole cose alle quali siamo abituati e che diamo per scontate ma credo che mi mancherebbe tantissimo non poter svegliare i miei figli alla mattina...la loro sveglia sono io...
    Grazie per l'opportunità. Il libro sembra molto divertente...ci vuole ogni tanto un po' di sana allegria.

    Elena Feltri

    RispondiElimina
  13. @Loredana: ahahahah non mi ferma più nessuno!!! Sei troppo forte cara!! Mitica!

    @Laura: ciao Laura, benvenuta nel mio blog! Grazie per aver partecipato... sei dolcissima!

    @Elena: ciao Elena, grazie a te e benvenuta nel mio piccolo mondo! ^_^ Anche mia mamma era la mia sveglia lo sai? :D

    RispondiElimina
  14. Chiaretta cara...il momento che riempie di gioia il mio cuore? Il momento che vorrei vivere in eterno?
    La mattina di Natale con mamma Rosy e papà Romy! Ogni anno da 36 anni appena mi sveglio la mattina di Natale inserisco il cd della Christmas Compilation, accendo l'albero, contollo che Babbo Natale sia passato =) e con mamma e papà apro i doni. Lo facevo da piccola, lo facevo da adolescente, lo facevo quando ero sotto il loro stesso tetto e lo faccio ora da adulta che abita da 8 anni da sola. Mi sveglio, li chiamo e loro (ancora in pigiama perchè abitano vicino a me!) corrono curiosi ed emozionati. Non esiste momento più felice e non posso farne a meno!
    Un abbraccio e complimenti...ti ho vista "nascere" e "crescere"...sei bravissima!

    RispondiElimina
  15. Non me lo potevo certo perdere questo GA!!! Il libro mi ispira tantissimo e ho bisogno di ridere quindi incrocio le dita!

    Per rispondere alla tua domanda .. il momento a cui non rinuncerei mai è la sera dalle 19.30 alle 19.35 .. di solito a quell'ora mio marito arriva a casa, io solitamente sono in cucina a preparare la cena, e mi accorgo che sta arrivando perchè Orazio il nostro cane inizia ad agitarsi (riconosce il rumore della macchina e la porta del garage che si apreXD) .. poi lui entra e Orazio parte a scheggia.. inizia a correre ovunque e si arrotolano insieme sul tappeto.. in quel momento io mi sento al sicuro! Un'altra giornata è passata e loro sono entrambi con me, non chiedo altro che avere la mia famiglia a casa! E' il momento migliore della giornata!!

    In bocca al lupo a tutti!
    Monica
    P.s. condivido sul mio blog!!
    http://monica-booksland.blogspot.com/

    RispondiElimina
  16. @Ale: oddio mi hai fatto commuovere... per tutto, per il Natale, i tuoi dolcissimi genitori e... per l'ultima frase! Grazie mille davvero! <3

    @Monica: grazie per aver partecipato cara! Io e mio marito torniamo a casa insieme tutte le sere, adoro anch'io quando siamo di nuovo a casa insieme, ci prepariamo una bella cenetta e ci godiamo la serata!

    RispondiElimina
  17. che bel contest.
    La cosa più bella che voglio sempre sentire la mattina è la voce di mia figlia. E si può sembrare banale ma è cosi. Ha un anno fatto il 5 ottobre, la amo tantissimo è la mia prima bimba e credimi non pensavo che l'amore per un figlio fosse cosi grande e diverso da tutti gli altri sentimenti che si possono provare in una vita. La amo tanto, forse troppo ma non credo xè non sarà mai troppo. La mattina allora verso le 6 lei si sveglia e dalla sua cameretta sento il suo lamento ne pianto ne parole chiare ma lamento e cosi io apro gli occhi e so che l'amore della mia vita è sveglia. Vado da lei l'abbraccio e la porto nel lettone con me e il mio compagno. Tutto troppo bello e ora come ora non potrei chiedere niente di più.
    baci baci bellissimo blog

    RispondiElimina
  18. Eccomi... mmm, io faccio fatica quando devo ridurre a pochi campioni le cose che mi piacciono... figuriamoci a una!

    Beh, in effetti il mio risveglio è qualcosa di soffice, caldo e sbauscioso! ^.^
    Quando trilla la mia sveglia, il mio Sbirro (e chi se non lui??) sale dalle scale del soppalco zompettando, cerca la mia mano o un piedino rimasti fuori dalle coperte e... con un rooonrooon continuo, mi riempie di coccole calde, appena sfornate! UHUHUHU! Anche se sono le 5.35, non fa nulla, subito compare un sorrisone, che finisce in un bacino leggero sul mio principe azzurro scuro...

    RispondiElimina
  19. A me esce una X invece dell'immagine :(

    RispondiElimina
  20. Pian piano, nella mia vita, ho imparato ad apprezzare le piccole cose che accadono nella quotidianità. Quelle piccole cose che fanno la differenza e che regalano felicità. Oggi è stata una bellissima giornata anche se non è successo niente di particolare: il sole ha illuminato il paesaggio per tutto il giorno, c’è stato un tramonto spettacolare che ho visto con la persona che amo e sto preparando una cena da leccarsi i baffi! Mi piace rendere felice la persona che amo: mi piace essere felici anche con piccole cose. Perciò, non potrei mai fare a meno delle cose più semplici poiché sono quelle che veramente danno più soddisfazione.

    RispondiElimina
  21. Ma che splendida idea hai avuto!!! Mi piace moltissimo questo giveaway! La prima cosa che mi è venuta in mente leggendo il post è stata l'espressione del mio cucciolo la mattina appena sveglio...posa la sua delicata manina sopra la mia faccia e, se non accenno a volermi alzare, mi dice qualcosa con quella vocina lieve "ba-ba, ma-ma, pa-pa...". Poi io apro gli occhi e lui sfodera un sorriso che nemmeno Julia Roberts con tutti i soldi dell'assicurazione!!!

    Ti lascio con queste parole di Maria Montessori che calzano a pennello con questo argomento: "L’adulto passa accanto a questo mistico amore senza riconoscerlo: ma badate, quel piccino che vi ama crescerà e scomparirà. Chi vi amerà come lui? Chi vi chiamerà andando a letto, dicendo affettuosamente ‘Stai qui con me’, anziché dire con indifferenza ‘Buonanotte’? Chi desidererà altrettanto ardentemente starci vicino... mentre mangiamo, soltanto per guardarci?"
    ...Ecco, lo sapevo, mi sono commossa...corro a spupazzarmi il mio ammmmore!!!!

    RispondiElimina
  22. @laura78: Ciao Laura, sei la benvenuta in questo blog! Sono contentissima che ti piaccia! ^_^Non è assolutamente banale il fatto che sentire la voce di tua figlia ti riempia di gioia! Grazie per il tuo contributo! Spero di vederti ancora in giro per la rete.. intanto vado a sbirciare il tuo blog! ;-)

    @saryna: evviva Sbirro!!! Troppo forte!! Grazie per aver partecipato cara! Ps: non preoccuparti per l'immagine, terrò conto del fatto che non sei riuscita a copiarla.. Blogger ogni tanto gioca brutti scherzi! ;-)

    @Daniela: ciao Daniela, benvenuta nel mio blog! Concordo pienamente con te! Anch'io apprezzo le piccole cose... :-)

    @MamminaFortunata: Mi fa piacere che apprezzi questo contest! Cerco sempre di trovare idee "originale"!! Grazie per aver partecipato e per la bellissima frase della Montessori!

    RispondiElimina
  23. @Chiaretta, le piccole cose sono quelle che - a volte - lasciano qualcosa in più rispetto a quelle "grandi". :)

    "Guarda le piccole cose perché un giorno ti volterai e capirai che erano grandi" (Jim Morrison).

    RispondiElimina
  24. Eccomi!
    Non posso fare a meno dell'abbraccio con mia figlia al termine pranzo. Fin da piccola appena finito di mangiare, mia figlia Sara veniva, e viene, a rifugiarsi fra le mie braccia. Un abbraccio nel quale c'è il piacere di ritrovarsi dopo una mattinata di scuola per lei e di lavoro per me ed anche un salutarsi di nuovo prima di affrontare gli impegni del pomeriggio. Il contatto fisico ci conforta e ci da energia.
    Laura

    RispondiElimina
  25. @Chiara non vorrei essere nei tuoi panni.. queste risposte sono una più bella dell'altra *___*

    RispondiElimina
  26. @Daniela: grazie per questa splendida frase del mitico Jim Morrison!

    @matematicaecucina: ehiiii eccotiii! Bellissimo commento, grazie cara!

    @Monica: oddio Monicaaa hai ragione, aiutooo sono in crisi!! @.@

    RispondiElimina
  27. Una delle cose di cui non posso fare a meno, sono i calci di mia figlia durante la notte! :-))) Essendo una mamma separata ed avendo io la bimba a vivere con me, quando lei vuole (e ciò avviene praticamente sempre...), dorme nel lettone con me. Dopo un primo periodo di sobbalzi notturni ad ogni minimo sfregamento, mi son abituata a quei colpetti costanti, con quel piedino che cerca il contatto fisico durante il sonno. Mi son talmente abituata che se una notte lei non scalcia, mi sveglio per controllare!!! C'è chi se ne lamenta dei figli nel lettone, ma secondo me verrà il giorno in cui mi dirà che dorme meglio nel suo ed a me mancherà da morire quel ginocchio conficcato nella schiena o quella gambina sulla mia pancia... :-)
    Una mamma con il maldischiena ;-)
    (Simo)

    RispondiElimina
  28. @simonaskitchen: Ciao Simo! Innanzitutto benvenuta nel mio blog e grazie per aver dato il tuo bellissimo contributo al mio secondo contest!! Ora vado a sbirciare sul tuo blog! ;-)

    RispondiElimina
  29. Ciao Chiaretta,

    la mia piccola cosa preferita accade una volta l'anno, il primo di ogni anno per la precisione.

    Devi sapere che il giorno 01/01 io compio gli anni e, da tutta la vita che io ricordi, in qualsiasi condizione io sia, mi ritrovo con i miei genitori a battere le mani alla fine del concerto di Vienna, durante la Radetzky march. Spesso, a turno, io mia madre e mio padre, balliamo anche un improvvisatissimo valzer sul bel Danubio blu che precede la marcia. Siamo convinti porti fortuna e, le rare volte che sono stata lontana abbiamo battuto insieme le mani al telefono guardando il concerto da televisori diversi. Mio marito si è unito a questa tradizione...lui non batte le mani (il ritmo non gli appartiene) ma ci guarda divertito. Mio figlio invece ha adottato tutto il rito e dovresti vedere com'è felice quando lo prendiamo in braccio per il valzer.
    Non ci rinuncerei mai.
    Quest'anno, per la prima volta mio nonno non batterà le mani...credo che le batteremo anche per lui...piangendo come fontane...ma la vita continua a mi rasserena l'idea di tramandare questo piccolo rito a chi verrà dopo di me.

    Un bacio

    RispondiElimina
  30. @Zia topolinda: ciao Zia topolinda! Innanzitutto benvenuta nel mio piccolo spazio e grazie per aver partecipato! E' bellissima la tua "piccola cosa preferita"! ^_^

    RispondiElimina
  31. Ciao Chiara, complimenti per il blog!
    Io sono diventata tua follower solo una settimana fa,(all'incirca). Ed ovviamente non mi lascio sfuggire questa piccola occasione! =)

    Semplicemente non potrei fare a meno di risvegliarmi tra le braccia dell'uomo che amo e che a sua volta ricambia il mio amore. E' pura estasi, mi fa stare bene. Sicuramente un giorno, quando avremo una famiglia nostra e le nostre "piccole cose meravigliose", scoprirò altri dettagli che se dovessero scomparire mi mancherebbero moltissimo...Però per ora lui è tutto quello che ho e di cui ho bisogno. Per quegli attimi al mattino mi sento al sicuro, amata e serena. Non riesco ad immaginare di perdere questa piccola abitudine!

    RispondiElimina
  32. @tortorina89: ciaooo grazie per i complimenti e per aver partecipato al giveaway! ^_^
    Sai che anch'io non potrei fare a meno dell'abbraccio di mio marito, soprattutto la sera quando ci accoccoliamo a letto, stanchi ma felici, l'uno nelle braccia dell'altro!! Grazie e a presto!

    RispondiElimina
  33. Ciao Chiara, partecipo volentieri al tuo giveaway.

    Ogni mattina prima di uscire di casa, una cosa che non può mancare è mia madre che mi dice "In bocca al Lupo" e io le rispondo "Crepi, Crepi" e nel farlo incrocio le dita ed esco di casa tutta felice ^^
    Una volta è successo che non ci siamo scambiate il nostro saluto ed è stata una giornata orribile (me lo ricordo perché me ne sono capitate di tutti i colori).
    Da quel giorno non esco di casa senza il saluto ^^
    Penso proprio che quando mi trasferirò di casa, la chiamerò apposta perché non posso farne a meno :D

    Colgo l'occasione di invitarti al mio Candy su
    http://divertirsimangiando.blogspot.com/
    A presto, ciau ^^

    RispondiElimina
  34. @Olga: ciao Olga, benvenuta nel mio blog!! Mi piace un sacco questo tuo commento... sei un po' scaramantica!! Anche a me manca tanto il saluto con mia mamma la mattina, da quando mi sono sposata! Però la chiamo tutte le mattine!!! ^_^ Grazie per aver partecipato, vado subito a sbirciare il tuo blog e il tuo contest!

    RispondiElimina
  35. Eccomi! Tra i follower ci sono già e il banner l'ho messo...
    Dunque... la cosa di cui non posso fare a meno è una piccola abitudine nata da quando abbiamo iniziato il "countdown" per il nostro matrimonio, a dicembre. Ogni giorno prendo una foto o un'immagine tenera e ne faccio una specie di bigliettino informatico con la data, quanto manca e magari una piccola citazione tenerosa. Bene, qui la mia aria da "dura" è andata di sicuro a farsi friggere. Non ditelo a nessuno!

    RispondiElimina
  36. @Adriana: sei in regola cara! ;-) Wowwww che romanticheria!!! Grazie per aver partecipato! ^_^
    Ps: manterremo il segreto tranquilla! :P

    RispondiElimina
  37. Partecipo anch'io!!aggiunto il banner!!ho 2 gemellini piccoli..di 3 anni..sono la mia ragione di vita..li ho tanto desiderati e non riuscirei a vivere senza di loro

    RispondiElimina
  38. Congratulazioni per il traguardo raggiunto ^_^
    follower= catymariposina
    Le famiglie di un tempo si ritrovavano al termine della giornata per la cena,noi no,il momento di unione è alla GHIGLIOTTINA,il gioco finale del format l'Eredità che va in onda su rai1,prima del tg!!!Nella fase finale il concorrente deve indovinare una parola collegandole ad altre 5(o 6 che vuoto di memoria)solo così potrà portare a casa il ricco premio. Noi ci ritroviamo tutti insieme a spremerci le meningi,per cercare di indovinare,ognuno tiene per sé la risposta(non c'è bisogno di scriverla si va a fiducia),naturalmente chi crede di averla indovinata,comincia ad esternare una particolare ilarità(va bè..io faccio proprio schifo..ahahahah :) sono incontenibile),alla fine, una volta che Carlo Conti svela il risultato,possiamo dire a quale avevamo pensato,se abbiamo vinto,spesse volte diciamo questa sera mi sono portata a casa 30000 euro,questa sera io mi sono portata a casa 5000,ehehehe XDDDD come se fossimo davvero lì ahahah :))))))))))Riconosco che questo è il massimo momento di unione,coesione e soprattuto di distensione che abbiamo in famiglia,ed è anche un momento molto atteso :)Sono sicura che quando un giorno ciò non ci sarà più mi mancherà moltissimo e lo ricorderò con molto affetto!!!Una "piccola cosa" che riesce ad unire ed a regalarci un sorriso!! Non posso non concludere con una celebre testo di Renzo Arbore,"si la vita è tutto un quiz..noi giochiamo e rigiochiamo..perché NOI NON CI ARRENDIAMO fino a quando non vinciamo.."
    post sulla mia sidebar
    http://papaverierose.blogspot.com/

    RispondiElimina
  39. @Tina: ehiii grazie per aver partecipato!

    @caty: grazieeee! Ahahahah mi hai fatto sorridere, post originale!!! Grazie mille per aver partecipato!

    RispondiElimina
  40. Cara Chiara eccomi qua, innanzitutto grazie per essere passata da me, senza immaginarlo sei entrata in una classifica che potrei intitolare Tre è il numero perfetto: pochi ma buoni perciò ti ho "dovuto" nominare e linkare ufficialmente nel mio blog ;-) Però tu non hai vinto niente.
    Grazie dell'informazione sul giveaway, naturalmente partecipo volentieri perché mi piace troppo leggere, perciò eccomi qua: io sono un tipo solitario, ho sempre desiderato vivere da sola, in particolare lontano dalla mia famiglia, non ho mai avuto nostalgia di casa, mi dimentico di telefonare per far sapere che sono viva, se sono a casa con tutta la famiglia sbuffo, e dopo tre giorni comincio a starci stretta... e per fortuna ho solo una sorella! Quand'eravamo piccole io e mia sorella litigavamo a più non posso, da grandi ci siamo avvicinate lentamente ma sempre più, arrivando a soli tre grandi litigi all'anno, più numerosi litigi medi, e qualche battibecco sporadico, visto che abbiamo caratteri opposti, anche se crescendo ci stiamo avvicinando proprio in questo (non è tolleranza, è proprio un maturare che ci avvicina nei modi di vedere il mondo e di essere). Ciò non toglie che non vado in brodo di giuggiole se mi fa una sorpresa, se mi chiama perché vuole sentirmi, se ha voglia di vedermi: io sono un tipo solitario. Ma ho notato una cosa curiosa: nonostante non siamo inclini alle smancerie fra noi (complice l'educazione ricevuta), quando siamo in giro a piedi, soprattutto se passeggiamo senza fretta, le nostre mani si cercano, e camminiamo sempre tenendoci per mano, non ce le lasciamo nemmeno se ci divide un ostacolo o se la strada si fa più impervia o se ci fermiamo a chiacchierare con qualcuno. Mia sorella è l'unica persona con la quale nella mia vita ho camminato tenendomi per mano, non l'abbiamo mai fatto nemmeno da piccole (allora ci odiavamo), mentre ora, come ho detto, le nostre mani si cercano! Questa cosa mi piace molto, perché anche se io sono un tipo solitario e a volte musone nei confronti di questa famiglia che non mi piace, quando io e mia sorella, senza pensarci, ci prendiamo per mano, quello è il momento in cui so per certo che anche io ho una famiglia, e che la mia famiglia è lei, e che nessun litigio ci dividerà mai.

    RispondiElimina
  41. @Elle: ehiii ma grazie per avermi "nominato"! Sono contenta che hai partecipato! Mi fa piacere che i rapporti con tua sorella siano cambiati.. in meglio!

    RispondiElimina
  42. Nonna...quando ti avevo visto a ferragosto, ti avevo promesso che ti avrei portata al ristorante a festeggiare i tuoi 95 anni e tu avevi risposto si che bello ho proprio voglia.Mi hai domandato non so quante volte a che ora ero arrivata,a che ora ripartivo, dove andavo...ma ci ero abituata e ti rispondevo urlando un po' perchè eri un po' sorda. La settimana dopo ti si è rotto il femore e li è stata la tua rovina. L'infarto dopo l'intervento proprio quello non ci voleva. Hai incominciato a peggiorare.Ma la cosa peggiore è stato l'altalenarsi delle giornate buone con quelle cattive....come ci stavo male nonna.La dottoressa che ha risposto che tanto la tua vita l'avevi fatta,cosa si pretendeva....come l'ho odiata quella donna per questa risposta. Come se fosse giusto visto che tanto eri vecchia...
    Domenica scorsa ti sono venuta a trovare di nuovo. Quando ti ho vista nel letto mi si è stretto il cuore. Sembravi un uccellino spennacchiato con quei radi capelli bianchi. Sparivi nel grande letto.Ti ho stretto la mano e tu hai ricambiato la stretta e hai aperto gli occhi.Parlavi ma le tue parole erano un sussurro.Ti parlavo ma tu non sempre mi rispondevi. che sofferenza vederti cosi! Cercavo di ricordare il tuo viso di una volta ma davanti a me c'era un volto scavato.
    Siamo andati a mangiare e il mio pensiero era sempre rivolto a te.Cosi prima di ripartire ho voluto salutarti ancora una volta.Avrei voluto stringerto tra le mie braccia ma eri cosi fragile,avevo paura di farti male.Avrei voluto sdraiarmi accanto a te e darti un po' del mio calore,come eri fredda nonna. Avrei voluto chiederti ancora una volta di quando eri giovane ,di come si fa la torta sbrisolona,i tortelli, un sistema per farti parlare e ricordare....sai nonna che sei finita su una rivista web con la tua ricetta del budino che mi facevi quando ero piccola?Non ho fatto in tempo nemmeno a dirtelo. Ma tu che hai fatto la terza elementare non sai cosa è il web.Prima di andare via mi hai detto portami a casa.E mi è venuto da piangere ma non potevo farlo davanti a te,dovevo essere forte se no tu capivi.Ci siamo stupiti della tua resistenza.Un cuore trafitto dai dolori di tante perdite e dolori doveva cedere subito.Invece hai resistito fino alla fine,anche se dicevi che non volevi piu' vivere e che eri stanca di stare qua.(segue).....

    RispondiElimina
  43. (continua)....Ieri l'infermiera ha telefonato dicendo che ti eri aggravata.Sono partita alle tre e sono arrivata alle sette.Una lotta contro il tempo,io che dicevo nonna resisti ti voglio salutare.Il traffico di chi andava in vacanza per il ponte,valige,sci,borsoni.Il mio viaggio era cosi diverso dal loro! Quando sono arrivata e ti ho vista...bè ho capito che ormai sarebbe stata davvero l'ultima volta che ti avrei vista.Ti ho stretto la mano ma tu non hai ricambiato.Ti ho parlato ma non hai aperto gli occhi.Quanti pensieri e ricordi.Mi ritornavano come una pellicola davanti agli occhi.Sono stata con le tue mani tra le mie fino a quando le infermiere me lo hanno permesso.Ti ho acacrezzato il viso ma tu nemmeno ti sei accorta.Sono uscita piangendo chissenefrega se mi vedevano.Poi ancora verso casa.un lungo viaggio tra i ricordi e le lacrime che mi tenevo dentro.Quando sono uscita all'aperto ho visto un cielo stellato stupendo e ho pensato che quel cielo stellato tu non l'avresti visto mai piu'.Stamattina la notizia...lo sapevo che prima o poi sarebbe arrivato il momento ma per la miseria se è dura!Uno che ha il privilegio di nascere dovrebbe avere il privilegio di non morire mai. Non c'è rassegnazione.Quando muore una persona giovane è una tragedia per la sua etä,per quello che avrebbe potuto fare.Quando muore un anziano è uguale.Un vissuto alle spalle e tanta saggezza.Non so dove tu sia ora.Non ti penso nè all'inferno nè in paradiso.Inferno e paradiso ce li creiamo noi in terra con le nostre azioni.Tu sei nel mio cuore.Per questo parlo cosi',come se mi ascoltassi.Sei nel mio cuore e io sto parlando col cuore.Quindi per forza mi senti.Chissà,magari hai giä incontrato il nonno,magari starete già bisticciando come Sandra e Raimondo,che spasso eravate nonna.Ci sto da schifo.Sono stata la tua prima nipote quindi sono la piu' vecchia tra tutti i nipoti.Ho piu' ricordi rispetto agli altri.
    Sai nonna...stamattina alle quattro e mezza mi sono svegliata di colpo come se qualcuno mi avesse tirato un colpo al cuore e mi sono sentita come uno strappo allo stomaco.Alle cinque l'infermiera ha chiamato dando la notizia....
    Oggi è una giornataccia.Alterno momenti di normalità e altri di lacrime che non smettono. Continuo a vedere il tuo volto scarno,una volta cosi bello e sorridente.Non sei stata proprio una nonna dai mille baci e carezze e smancerie.Ma con i tuoi gesti e la tua presenza mi hai comunque trasmesso il tuo sapere e il tuo affetto.Tu hai lasciato un segno nel mio cuore.Spero che anche io,per le volte che ti sono stata accanto, di aver reso felice i tuoi di momenti e di essere stata un orgoglio per te.Sono tante le cose che ti vorrei ancora dire ma non ci riesco piu...sei sempre nel cuore. .....continuero' domani....un bacio nonna.....
    Un pensiero mi passa per la mente anche se non mi consola...quando te ne sei andata il cielo era pieno di stelle. Tu non lo potevi sapere ,ma loro vegliavano su di te. Io lo so perchè quando sono uscita ho guardato il cielo e ho pensato che tu non avresti piu' potuto vedere uno spettacolo cosi bello.Una cosa mi addolora.Averti lasciata sola in quel letto. Tu ormai non sentivi piu' nulla. Io si. Te... ne sei andata in silenzio, senza nessuno che ti stringesse la mano.Nel silenzio della notte con un cielo pieno di stelle.Voglio credere che quel colpo al cuore e allo stomaco che ho sentito siano stati un tuo segnale che ci avevi lasciato. Non mi basta sentirti nel mio cuore porca miseria.E domani sarà molto dura....ti salutero' davvero per l'ulitma volta e per sempre.

    RispondiElimina
  44. @antonella: Antonella, ti do il benvenuto nel mio blog e ti ringrazio per aver condiviso con me e con i miei lettori il tuo dolore. Non puoi immaginare quanto ti comprendo, ho una nonna che adoro e che sta poco bene, tremo all'idea che mi lasci da un giorno all'altro. Mi stringo forte a te nel tuo dolore e ti faccio le mie più sentite condoglianze. Chiara

    RispondiElimina
  45. Antonella il tuo racconto risveglia in me un dolore ancora vivo e nelle tue parole rivedo mio nonno che se ne è andato da quasi un anno, le stesse cose ho visto e vissuto io e non posso credere che ci sia tanta forza in noi che ci permette di continuare ed andare avanti dopo che un dolore così forte ti ha lacerato il cuore!
    Ti abbraccio e ti sono vicina nel tuo dolore anche se no ti conosco!

    RispondiElimina
  46. la mia vita quotidiana e' fatta solo di piccole cose che pero' mi gratificano molto e una di queste e' senza dubbio il caldo abbraccio che io e mio marito ci diamo alla mattina prima di uscire di casa e alla sera appena rientriamo,con una piccola curiosita':usciamo e rientriamo sempre insieme perche' lavoriamo insieme e siamo praticamente insieme tutto il giorno ma non potremmo mai rinunciare al nostro abbraccio benaugurante.
    Ciaooooooooooooooooooooooooooooooo

    RispondiElimina
  47. Anch'io volgio lasciare un commento...meglio tardi che mai!
    Dunque uno dei momenti a cui non potrei rinuciare è quello che va dalle 20.30 alle 20.45 quando, dopo avere messo a letto la mia bimba (4 anni), mi stravacco nel lettone a leggere un libro! Premetto che le nostre camere sono confinanti e, grazie ad uno specchio in corridoio, io riesco a vedere lei e lei riesce a vedere me.
    "Maaaaammaaaaa?"
    "Diiiimmiiii!"
    "Io non ho sonno, perchè devo dormire?"
    "Perchè è notte, tutti dormono!"
    "Posso dormire con gli occhi aperti?"
    "Certo!?! Come no!"
    "Ok allora controllo se anche te ti addormenti, mamma"
    "Ok tesoro, prima leggo un pò, d'accordo?"
    "zzzzzzzzzz"
    "Va bene, amore?"
    "zzzzzzzzzz"
    Buonanotte...

    RispondiElimina
  48. wow sono riuscita anche a condividere sul blog!!!http://officinadellefavole.blogspot.com/

    RispondiElimina
  49. @frogghina: ehiii grazie per aver partecipato cara!! Ma lo sai che anche mio marito e io ci alziamo alla stessa ora e torniamo insieme (non facciamo lo stesso lavoro però)? Anche noi ci abbracciamo e ci salutiamo sia la mattina che la sera! ^_^

    @silvia: ahahahh oddio ma lo sai che mi hai fatto morire dal ridere??!!! AHAHHAHA troppo forte la tua bimba! Voleva dormire con gli occhi aperti! Fantastica!! Grazie per aver partecipato! Baciii

    RispondiElimina
  50. sarà banale,ma non posso fare a meno,la mattina di sabato e di domenica ( le altre esco alle 5.45 ),appena dopo essermi svegliato,di bermi un caffè,fumarmi una sigaretta e leggere le prime notizie.Mi sento in pace con il mondo.

    RispondiElimina
  51. @Blackswan: ciao! Intanto benvenuto nel mio blog! Grazie per aver partecipato!!

    RispondiElimina
  52. grazie Marianna e Chiaretta...mi dispiace per il vostro dolore. ovvio che ci sono episodi piu' allegri che fanno da base alla mia vita quotidiana, ma questo episodio, che è cmq naturale,ha offuscato tutto quanto. E' la vita mi dicono per consolarmi, dai è vissuta a lungo...ma non è mai troppo a lungo..Ieri sono stata per un tempo interminabile con la mia mano sulla sua bara appoggiata sul carro funebre. Non riuscivo a staccarmi,era troppo doloroso.
    Volevo stare ancora li con lei. Poi mio zio mi ha sussurrato dai lasciala andare ora...e allora ho dovuto prendere la decisione di staccarmi..ma è stato uno strazio per me...e mi manca ancora di piu' adesso....
    già, la vita continua...lo devo per me,per mia figlia per mio marito e soprattutto per mia mamma....quanto si deve sentire sola ora!
    Un abbraccio e grazie di cuore.

    RispondiElimina
  53. @Antonella: hai ragione, non è mai troppo a lungo... con i nonni si ha un rapporto particolare, difficile spiegarlo a parole, ma è un rapporto molto molto speciale e vorremmo che vivessero per sempre!
    Di nuovo ti abbraccio forte e ricordati che qui sei la benvenuta! :-)

    RispondiElimina
  54. Ciao non ho vinto ma il libro l'ho preso ugualmente! Mi è piaciuto e mi ha coinvolto molto ma il finale...che delusione! Scontato e stucchevole, non trovi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!! Hai fatto bene a comprarlo.. diciamo che a me non è piaciuta particolarmente la parte centrale, un po' pesante e anche stucchevole, ma la fine no sinceramente! Insomma, penso sia il finale ideale!

      Elimina
  55. La cosa di cui non posso fare a meno è guardare mio figlio che dorme, adoro la sua pace, ma la cosa più bella è pensare che è mio!ciao

    RispondiElimina

Abbuffiamoci di parole!!!