martedì 18 ottobre 2011

Il sapore della felicità di Nora Roberts

Ed ecco a voi il secondo romanzo che mi è stato gentilmente inviato dalla Casa Editrice Leggereditore: “Il sapore della felicità” di Nora Roberts.
Direi che è un romanzo che può benissimo essere inserito nel genere chick lit.
Laurel, Parker, Emma e Mac sono quattro amiche inseparabili fin dai tempi della scuola. Dopo gli studi le ragazze aprono una ditta di organizzazione di matrimoni, Delizie di Promesse e vivono tutte nella stessa tenuta di proprietà di Parker, nelle diverse dependance. Ognuna di loro ha un compito ben specifico: Laurel si occupa delle torte, Parker è l’organizzatrice per eccellenza e tiene a bada le spose, Emma è bravissima con le composizioni di fiori e Mac con le fotografie.
La protagonista principale però è Laurel, una ragazza solida, in gamba, caparbia e innamorata da sempre del fratello della sua migliore amica Parker, Del. La storia gira intorno alla loro storia di amore e di amicizia, perché anche Del a un certo punto, comincerà a guardarla non più come una sorella, ma come qualcosa di più e le loro vite cambieranno. In meglio.
Il racconto non è originale, ma sicuramente è una lettura leggera, scorrevole e davvero piacevole. Non ci posso fare niente, adoro le storie d’amore a lieto fine!! ^_^
L’autrice è brava nel descrivere le diverse personalità delle amiche. Il personaggio di Laurel è positivo, è una ragazza forte e coraggiosa e tutte e quattro insieme hanno realizzato i propri sogni, grazie alle loro forze. Chi non vorrebbe trasformare la propria passione in una professione redditizia?

Laurel (pag. 64): “[...] Sperimentava dosi e ingredienti, ma alla fine doveva accettare che certe componenti semplicemente non si amalgamavano. Insistere per mescolare ciò che era incompatibile finiva per creare un pasticcio sgradevole. Quando questo accadeva, l’unica cosa da fare era riconoscere l’errore e andare avanti”.

6 commenti:

  1. UUUUUUUUUU a chi lo dici io detesto i libri che finiscono male, a quel punto preferisco un bel giallo almeno il protagonista muore subito senza sorprese ci rimane solo da scoprire l'assassino! ;)!
    ovviamente lo VOGLIO!!!!!

    RispondiElimina
  2. mi piacciono le letture scorrevoli e se sono a lieto fine ancora meglio!!!

    RispondiElimina
  3. Almeno sui libri è bello sognare che la vita sia sempre a lieto fine...e vissero tutti flici e contenti!
    Se abbiamo boglia di orrore basta guardare i tg!!
    ciao e buon we in anticipo!!!
    loredana

    RispondiElimina
  4. Cosa farei io se non ci fossi tu a darmi tutte queste dritte. . . Grazie Chiaretta, un abbraccio!!!!!

    RispondiElimina
  5. Concordo con Loredana, anche a me piacciono i lieto fine! Laura

    RispondiElimina
  6. @Marianna: aahahah hai ragione cara!! ahahahhah me fai morì!

    @Elisabetta: concordo pienamente con te! :-)

    @Loredana: è proprio per l'orrore che c'è fuori ogni giorno che mi butto su questo genere di libri, per sognare almeno un pochino! ^_^ Buon weekend a te!

    @speedy70: grazie a te cara! ;-)

    @matematicaecucina: Sììì evviva gli happy ending!

    RispondiElimina

Abbuffiamoci di parole!!!