martedì 15 novembre 2011

I CLASSICI: “Il fu Mattia Pascal” di Luigi Pirandello

Pirandello è uno dei miei autori italiani preferiti. Avete mai letto “Il fu Mattia Pascal”?
Noooo? Correte immediatamente ai ripari! >.<
Bellissimo romanzo, probabilmente il più famoso dell’autore siciliano.
Mattia Pascal, abitante dell’immaginaria Miragno è sposato infelicemente. Fa un lavoro che trova noiosissimo, il bibliotecario, e conduce una vita piatta.
Un giorno decide di fuggire di casa per vivere un’avventura. Al casino di Montecarlo vince una cifra spropositata, decide così di tornare a casa e riscattarsi, vendicandosi anche della suocera che lo maltrattava.
Mentre però si trova sul treno di ritorno a Miragno legge sul giornale locale che è stato trovato il cadavere di Mattia Pascal, morto suicida.
All’inizio è sconvolto, ma poi realizza che non ha più vincoli quindi può iniziare una nuova vita come Adriano Meis. Inizia a viaggiare in Italia, all’estero, alla fine si stabilisce a Roma. Si innamora di Adriana, la figlia del proprietario di casa.
Ma Adriano Meis non esiste all’anagrafe, non può sposarsi, non può comprare niente, viene persino derubato ma non può denunciare il furto, non può fare nulla. Decide quindi di tornare a casa, ma le cose non sono più come prima. La moglie si è risposata e ha una bambina. Il suo ritorno crea scompiglio, Mattia vuole vendicarsi, ma alla fine rinuncia e decide di tornare alla sua vecchia vita di bibliotecario e andare a visitare ogni tanto la sua tomba.
Direi che è un romanzo che fa riflettere. La libertà di Mattia Pascal è una libertà illuosoria, fugace. Non si può sfuggire alla nostra identità sociale, non si può sfuggire alla leggi e ai nostri doveri. E’ un romanzo bellissimo che consiglio a tutti, una storia davvero originale, raccontato nello stile unico e inimitabile di Pirandello.

Anche qui non può mancare un consiglio goloso: crostata di ricotta con gocce di cioccolato. ^_^

15 commenti:

  1. IO ADORO Pirandello, per mia fortuna al ginnasio avevo un professore con il pallino di Pirandello e così ci ha fatto studiare tutte le sue opere e mentre lo studiavo lo amavo ogni giorno di più!
    La Giara, Uno Nessuno Centomila, Sei personaggi in cerca d'autore, L'uomo dal fiore in Bocca... mi viene la pelle d'oca solo a nominarli che belli!
    smack!

    RispondiElimina
  2. uhhh che ricordi da giovane che ho con questo libro =) buona serata Chiaretta

    RispondiElimina
  3. che bello questo libro, l'ho letto più volte nel corso degli anni! Sono stata fortunata perchè a parte che al liceo avevo un bravissimo professore di italiano, devo la mia passione per i libri a mia nonna, una donna di grande cultura, professoressa di latino e greco che sin da piccolissima mi ha aperto le porte alla sua immensa biblioteca! Su uno scaffale aveva tutte le opere di Pirandello. E io le ho lette e rilette tutte avidamente. Ora che lei non c'è più e ha lasciato a me i suoi libri, associo Pirandello a quei lunghi pomeriggi che passavo da adolescente a leggere e chiacchierare con mia nonna! grazie Chiara :)
    Un bacione!
    Laura

    RispondiElimina
  4. Pirandello mi piace un sacco. A scuola quando siamo arrivati a lui ho tirato un sospiro di sollievo...finalmente!
    "Uno, nessuno e centomila" è sicuramente uno dei miei libri preferiti in assoluto... :)

    RispondiElimina
  5. @Marianna: allora hai avuto un OTTIMO insegnante! ;-)

    @Ale: buona serata a te! :-)

    @bollibollipentolino: che bei ricordi che hai, grazie a te per averli condivisi con noi! Una nonna grandiosa! Mi hai fatto commuovere :')

    @FruFru: ciao FruFru, benvenuta!! Anche per me "Uno, nessuno, centomila" è il preferito in assoluto! ^_^

    RispondiElimina
  6. L'ho letto quando avevo 13-14 anni. Ricordo che l'avevo divorato, mi piaceva molto.
    E' però uno di quei libri che vorrei rileggere, forse ne capirei meglio il significato adesso.
    Un altro di Pirandello che mi ispira è "Uno, nessuno, centomila", mai letto!
    Buona serata!

    RispondiElimina
  7. ..spesso trascuriamo i classici per correre dietro alle novità, che spesso, troppo spesso deludono, mi piace aver trovato questa recensione, mi è tornata la voglia di rileggerlo!
    buona serata loredana

    RispondiElimina
  8. Ho letto il "Fu Mattia Pascal" durante i tempi delle scuole superiori e ricordo che mi piacque tantissimo.

    RispondiElimina
  9. Ciaretta, arieccomi...sempre io ^_^
    Volevo dirti di passare da me , ti ho linkata per un giochino, che spero ti piacerà, a me è piaciuto, è un modo per rimettere in evidenza quei post passati un pò in sordina e di raccontarsi...sentiti libera di pasrtecipare così come di non partecipare!
    Buona giornata loredana

    RispondiElimina
  10. @Chiara: sicuramente rileggere un libro a distanza di anni può arricchirci di nuove emozioni, sensazioni e significati! Se lo rileggi facci conoscere le tue impressioni! ;-)

    @Loredana: sì è vero, è per questo che ogni tanto parlo anche dei classici, perché mi hanno arricchito e voglio condividere questo tesoro con voi! Ps: vado subito a vedere il giochino!! ^_^

    @Ilaria: eh sì anch'io l'ho letto alle superiori!! Bei tempi! ;-)

    RispondiElimina
  11. Pirandello è un bellissimo classico, e Il fu Mattia Pascal non dovrebbe mai mancare dall'elenco dei libri letti: è un MUST. Ho imparato ad amarlo sin dal liceo e l'ho letto più volte negli anni. Magnifico!

    RispondiElimina
  12. condivido pienamente le tue idee su questo romanzo,da leggere anche piu' di una volta

    RispondiElimina
  13. Che ricordi di studi lontani. . . un grande classico!!! Baci Chiaretta!!!

    RispondiElimina
  14. Il romanzo è bellissimo, l'ho letto due volte (la prima per piacere, la seconda per un esame) e lo rileggerei.
    Il fatto di non poter sfuggire davvero però è angosciante. Io ho cercato gradualmente di sottrarmi a tutto, sfruttando la legge sulla privacy ho chiesto la cancellazione dei miei dati da qualsiasi luogo, pensavo di rimanere solo all'anagrafe.
    Poi ho aperto un blog...
    ;-)

    RispondiElimina
  15. @Simona G.: è verissimo!! Sottoscrivo! E' un MUST!

    @frogghina: sìì da leggere e rileggere e rileggere e rileggere ancora! ^_^

    @speedy70: taaaanti ricordi! Vorrei tornare indietro a volte!

    @Elle: in effetti è angosciante... Mattia pensa sia facile poter cambiare vita, identità, tutto, ma alla fine capirà che non è possibile! Sai quanti dati ho cancellato anch'io? Ed ora eccoci qui! ^_^

    RispondiElimina

Abbuffiamoci di parole!!!