lunedì 28 novembre 2011

NO ALL'EDITORIA A PAGAMENTO

Diciamo NO all'editoria a pagamento! Date un'occhiata a questo breve articolo, duro ma veritiero.
Purtroppo è successo anche a me. Mi sono arrivate diverse proposte da case editrici che chiedevano un contributo per la pubblicazione del mio libro, da cifre esorbitanti (più di 2.000 €!) a cifre più basse, proposte che ogni volta mi hanno lasciato con l'amaro in bocca. A quel punto ho deciso che l'avrei autopubblicato, perché non è giusto, non pagate! Non vi faranno pubblicità!
Prima di affidarvi a una Casa Editrice che vi ha contattati, fatevi un giro su internet, prendete informazioni, usciranno cose interessanti, ve l'assicuro. Leggete i forum, i commenti di persone che si sono scontrate con queste realtà, dopodiché potrete prendere una decisione. Potete anche chiedere consigli o farvi valutare il testo da un'Agenzia letteraria i cui servizi hanno un costo, è vero, ma vi daranno una valutazione professionale del testo e possono anche, se il libro, vale, mettervi in contatto con diverse case editrici.

Qualcuno di voi ha avuto esperienze di questo genere? Raccontatecele oppure diteci cosa ne pensate! 

12 commenti:

  1. Credo che speculare sui sogni degli altri sia la cosa più ignobile che si possa fare! Questa cosa dovrebbe essere considerata illegale! maledetti!

    RispondiElimina
  2. Ne avevo sentito parlare di queste case editrici che chiedono soldi per pubblicare.. a un'amica di mia cugina è capitato.. ha speso 1.500 euro.. ma se ti devo dire la verità non so come è andata a finire.. magari mi informo!
    Che tristezza però.. a questo punto hai fatto benissimo ad autopubblicarti!

    RispondiElimina
  3. é la cosa più brutta che possa succedere, ma per fortuna c'è la tanto Amata/Odiata, rete che ci da una mano a scoprire questi maledetti imbroglioni! speriamo solo che la gente si faccia più furba e che non spenda tanti soldi per un libro che magari resterà invenduto!

    RispondiElimina
  4. non ho avuto mai contatti di questi gener, però è sempre bene informare gli altri di eventuali truffatori

    RispondiElimina
  5. Guarda io collaboro con una casa editrice, sono pienamente d'accordo con te...sto correggendo certe cose!!!

    RispondiElimina
  6. oome e' deludente sapere che ci sono degli avvoltoi che si approfittano della buona fede degli altri,e purtroppo questo avviene in ogni campo

    RispondiElimina
  7. Brava Chiaretta, combattiamo gli strozzini!!!

    RispondiElimina
  8. Avendo un blog di cucina vengo contattata da diverse aziende per inserire i banner pubblicitari..e offrono uno sconto ma chi ci guadagna solo solo loro!!!ma che stiamo scherzando?ottimo post!!

    RispondiElimina
  9. @Emilia: sì, è ignobile, hai usato la parola giusta!

    @Monica: è davvero triste guarda! Se riesci ad avere qualche notizia fammi sapere, così portiamo esperienze dirette! Grazie

    @Marianna: sì bisogna farsi furbi, hai ragione e la rete ci aiuta in questo, ma molti magari non ci pensano e dicono subito sì alla prima proposta che gli arriva!

    @secondobinario: purtroppo molte case editrici pur di guadagnare qualcosa pubblicano anche l'IMPUBBLICABILE! Anch'io leggo certe cose cara mia! Da mettersi le mani nei capelli!! @_@

    @frogghina: assolutamente sì, non succede solo con le case editrici, sicuramente!

    @Tina: grazie cara! Hai pienamente ragione, ci guadagnano solo loro!!!

    RispondiElimina
  10. Condivido tutto quel che dici. No all'editoria a pagamento.

    RispondiElimina
  11. Io collaboro con una piccola casa editrice e ti assicuro che se l'editore è serio, non propone mai cose del genere, perchè sa che è come un boomerang che ti torna indietro! Chi lavora seriamente sa che per vendere un libro oggi, il libro deve avere dei contenuti validi, quindi degli autori validi, che vanno pagati come meritano, altrimenti non vendi!
    Simo

    RispondiElimina
  12. @Simonaskitchen: ti ringrazio per la tua testimonianza. Condivido pienamente tutto quello che hai scritto: purtroppo di editori poco seri ce ne sono tanti, ma per fortuna, ce ne sono molti che ancora credono in testi validi e scritti bene.

    RispondiElimina

Abbuffiamoci di parole!!!