giovedì 29 settembre 2011

Che belle News!!!!

Ciao a tutti!
Ho una bellissima novità per voi oggi! ^_^ Ve l’ho tenuta nascosta, ma non posso più resistere!
Ho iniziato una collaborazione con Fanucci Editore e Leggereditore. Quest’ultimo è un bellissimo progetto editoriale, incentrato sulla letteratura femminile.
Ragazzi, non stavo davvero più nella pelle, e finalmente sono arrivati i miei primi due romanzi che escono proprio oggi con Leggereditore:



Il sapore della felicità” di Nora Roberts, un romanzo per chi è innamorato dell’amore e non smetterà mai di crederci (Collana: Narrativa; Pagine: 400; a soli 10,00 euro).

“Non si può mettere sotto vetro il segreto della felicità, ma Nora Roberts
sa di sicuro come metterlo su una pagina.”
The New York Times

“Nora Roberts è l’autrice più amata d’America.”
The New Yorker

Laurel McBane ha sempre fatto affidamento sulle sue amiche, in particolar modo quando il suo sogno di frequentare una scuola di cucina è quasi sfumato a causa dei problemi economici dei genitori. Ora Laurel sta ripagando questo affetto incondizionato con le meravigliose torte che confeziona per rendere ancora più speciali i ricevimenti dei loro clienti.
Laurel crede nell’amore, almeno in teoria... Ma non si sente minimamente attratta da ciò che di solito cattura le altre donne, non le interessano il lusso, né le comodità. Ciò che desidera più di ogni altra cosa è un uomo intelligente e pieno di carattere: tutto ciò che incarna alla perfezione il fratello maggiore di Parker, Delaney. È l’uomo dei suoi sogni da quando era bambina, ma le sembra irraggiungibile. Inoltre, Delaney è protettivo e amorevole nei suoi confronti e lei è convinta che non varcherà mai la soglia dell’amicizia.
E quando riuscirà a fare il primo passo, perdendosi fra le braccia del suo amato, Laurel dovrà far tacere i propri dubbi e decidere di trasformare un momento di passione in una storia intramontabile.

Nora Roberts è considerata universalmente ‘la regina del rosa’. Ha al suo attivo oltre trecento romanzi ed è da sempre presente ai vertici delle classifiche di tutto il mondo. La sua carriera è disseminata di numerosi premi letterari e riconoscimenti ufficiali. Della stessa autrice Leggereditore ha pubblicato "L’amore ritrovato" e i primi due volumi della serie "Il quartetto della sposa": La sposa in bianco e Letto di rose.

L’altra nuova uscita, sempre di Leggereditore, è “La meraviglia delle piccole cose” di Dawn French (Collana: Narrativa; Pagine: 384; 14,00 €; 150.000 COPIE VENDUTE FINO A OGGI IN INGHILTERRA). Già il titolo mi ispira, a voi no?


“Non sopporti le famiglie perfette? Allora adorerai i Battles! C’è una madre sull’orlo di una crisi di nervi, una figlia adolescente e stonata che sogna di fare la cantante, un dandy in miniatura ossessionato da Oscar Wilde, e poi c’è il padre, forse il più normale di tutti, ma quasi senza voce in capitolo... Una famiglia come tante altre, in cerca di una strada da percorrere insieme. Riusciranno a ritrovarsi e a raggiungere un equilibrio?”

“Grazie per aver creato questo splendido personaggio femminile!”
Metro

“Un romanzo impeccabile, un vero gioiello!”
Sunday Times

“Una vera rivelazione: commovente e divertentissimo.”
Sunday Telegraph 

“Non ho smesso mai di ridere dalla prima all’ultima pagina.
Invidio la fantasia illimitata di Dawn French.”
Mail on Sunday

“Dawn French ci offre una visione delicata e estremamente tollerante
sui processi di crescita e di invecchiamento.”
Spectator

Dawn French è nata nel Galles nel 1957. Ha studiato recitazione a Londra per poi entrare in una compagnia con la quale ha lavorato a oltre venti film. È apparsa in molte serie televisive e sketch comici. La sua autobiografia, Dear Fatty, ha venduto un milione di copie, e con La meraviglia delle piccole cose ha conquistato il primo posto delle classifiche inglesi, per un totale di 500.000 copie vendute in soli sette mesi. È in corso di pubblicazione in diversi Paesi.

Naturalmente mi metterò subito al lavoro per voi! A presto con le recensioni di questi splendidi romanzi!

mercoledì 28 settembre 2011

Le voci di Nike di Silvia Mariaelena Damiani

Ciao a tutti!
Sono strafelice di recensire una giovane autrice italiana, Silvia. Ci siamo scambiate, via email, opinioni sulle case editrici che chiedono contributi agli autori esordienti. Insomma, da cosa nasce cosa, alla fine ho chiesto a Silvia di spedirmi il suo libro, incuriosita dal titolo. Dopo varie peripezie finalmente è giunto a casa e l’ho divorato in pochissimi giorni. A essere sincera, il fantasy non è proprio il mio genere, ma ho lasciato da parte i miei sciocchi pregiudizi prima di iniziare la lettura e devo dire che ho fatto bene, anzi, benissimo.
Riporto la breve descrizione della quarta di copertina: “In un’atmosfera goticheggiante fuori da ogni tempo, la principessa Nike fugge gli aguzzini del principe Nabil, nemico e traditore, inseguita da un canto - a lei familiare e alieno insieme - trasportata dal vento.
Avvolta da una spirale di incantesimi, voci e volti seducenti, che sembrano emergere da un passato dimenticato, la protagonista dovrà trovare in sé il potere per salvare, una volta per tutte, l’amore che le è stato violentemente sottratto da una volontà superiore”.

La scrittura di Silvia è fluida, particolareggiata, conduce con sapienza il lettore nei meandri di un mondo oscuro e fantastico, popolato da ombre e fantasmi, le parole dell’autrice coinvolgono dalla prima all’ultima riga, avvolgono il lettore in una spirale di fughe e lotte contro demoni e stregoni; io stessa mi sono immedesimata nella storia, nella principessa Nike, ho corso insieme a lei per fuggire e tornare dal suo amore perduto, perché, in fondo, si tratta di una storia d’amore.
Il lettore verrà avvolto e intrecciato dai nodi della magia:
Sul polso della principessa spiccava un bracciale di velluto rosso sangue. Sei giri, uno per ogni senso da sottomettere, uno per la libertà negata”. 

Ora passiamo alla pubblicità! ^_^ Per chi è curioso, può sbirciare il booktrailer del romanzo su youtube realizzato dalla compagnia di cortometraggi di Silvia, i Non Dati.

Per gli ordini online potete andare sul sito della casa editrice che ha pubblicato il romanzo, ExCogita, e su tutti i portali online, compresa la Feltrinelli.

La cosa più semplice che consiglio, però, è quella di andare a visitare il sito di Silvia: www.levocidinike.altervista.org. Qui troverete informazioni utili sulle librerie dove si può acquistare il libro e soprattutto potete scrivere direttamente all’autrice o lasciarle un commento per avere una copia a un prezzo conveniente.

Buona lettura a tutti!

lunedì 26 settembre 2011

Novità!

Buon lunedì a tutti!! E' difficile ricominciare la settimana vero? Beh, spero almeno che abbiate passato un bel weekend!
Ho una bellissima novità per voi! "Le recensioni di Chiara" da oggi in poi è anche su Facebook!! Per chi ha piacere, può seguirmi anche da lì! Il profilo è appena nato, ci sono ancora pochi post ma lo aggiornerò piano piano! Per chi non mi avesse seguito fin dall'inizio può approfittarne per sbirciare libri che ho recensito mesi fa! Allora avanti, cosa aspettate? CONTATTATEMI!!!!!!! ^_^


NOTA BENE: L'INDIRIZZO EMAIL è CAMBIATO. POTETE SCRIVERMI A: lerecensionidichiara@gmail.com

venerdì 23 settembre 2011

The Most Beautiful Sentence

Ragazzi miei è VENERDI'! Adoro questo giorno della settimana, voi no? ^_^
Vi auguro buon weekend lasciandovi con la vincitrice del sondaggio "The Most Beautiful Sentences" del mese di Settembre: Complimenti Enza!!!

Enza ha proposto una bellissima frase da "L'Allieva" di Alessia Gazzola: "...Purtroppo sono i dettagli a colpirmi e in genere sono sempre i dettagli a commuovermi. Così, in Giulia, i piedi scalzi un po’ piatti mi inteneriscono fino alle lacrime. E il bracciale sottile, colorato e usurato comprato in chissà quale bancarella, mi ricorda che dentro quel cadavere c’era una vita tutta da vivere...".

Il prossimo appuntamento con questa rubrica è per giovedì 13 ottobre!


Immagine liberamente tratta dal web

mercoledì 21 settembre 2011

Le mille luci di Parigi di Anna Davis

Le mille luci di Parigi” è un romanzo che cattura. Immaginate una Parigi degli anni '20, con gli abitini corti alla charleston, le cloches, gli artisti che popolano Montparnasse, scrittori, pittori, poeti, e poi prendete un genio delle scarpe di nome Paolo, Paolo Zachari. Lui crea delle scarpe perfette e uniche per le donne più ricche di Parigi. Le fa camminare avanti e indietro a piedi nudi così che possa riuscire a cogliere la loro essenza: la forma delle caviglie, il collo e le dita del piede, in modo da creare una scarpa unica e inimitabile.
Genevieve, una nobile fuggita dall'Inghilterra, dai suoi genitori freddi e distanti, ma che per questo motivo ha imprigionato se stessa in un matrimonio senza amore (da parte sua), si innamora perdutamente di Paolo. Lei che colleziona scarpe da quando era bambina.
Fino a quel momento non aveva mai tradito il marito, Robert, ma complici la monotonia del matrimonio e la sua bizzarra amica Lulu con i suoi discorsi, finisce nella trappola e va a letto con un poeta e poi con Zachari.
Genevieve è un personaggio che a me ha suscitato ben poca simpatia, nonostante venga fuori un suo terribile e angoscioso segreto. È troppo superficiale e immatura, non affronta come dovrebbe i problemi con il marito che, ahimè, è fin troppo dolce nei suoi confronti.
Mi sono innamorata, invece, delle descrizioni delle scarpe create da Zachari, personaggio tra l'altro ispirato da un calzolaio realmente esistito, Pietro Yanturni; sono rimasta abbagliata dalle mille luci di Parigi, ma io sono un po' di parte, perché è una città che adoro, dove sono stata già due volte ma dove vorrei tornare ancora e ancora.
Il racconto è scorrevole, ben scritto, le vere protagoniste sembrano essere le scarpe, descritte nei minimi dettagli. E’ un romanzo che consiglio a chi ama la Parigi bohemienne, a chi ama le scarpe e le storie un po’ malinconiche.

In quel momento, mentre indossava le sue scarpe nuove perfette e guardava la madre ridacchiare con un attraente americano, Genevieve decise che quello era il giorno più bello della sua vita. chiuse gli occhi, agitò le dita dei piedi dentro le Mary Jane ed espresse un desiderio”.

Immagini liberamente tratte dal web

venerdì 16 settembre 2011

"The Most Beautiful Sentences" di Settembre


Buon venerdì pomeriggio!! Siete contenti che la settimana sia quasi finita vero? Io sìììììì ^_^
La settimana scorsa vi avevo proposto una rubrica mensile sulle frasi che più vi hanno colpito in un libro che avete appena finito di leggere o che state leggendo. Sembra che l'idea vi sia piaciuta, anche se ho le frasi che ho raccolto sono solo 4. Ma sono sicura che la prossima volta sarete più numerosi, vero?
Ed ecco a voi le 4 frasi:

1) Enza propone un estratto da "L'Allieva" di Alessia Gazzola: "...Purtroppo sono i dettagli a colpirmi e in genere sono sempre i dettagli a commuovermi. Così, in Giulia, i piedi scalzi un po’ piatti mi inteneriscono fino alle lacrime. E il bracciale sottile, colorato e usurato comprato in chissà quale bancarella, mi ricorda che dentro quel cadavere c’era una vita tutta da vivere..";

2) Loredana propone un estratto da "L'amore quando c'era" di Chiara Gamberale: "Si può diventare orrendi, a stare insieme. Nessuno rischia di farci esprimere la nostra bassezza e la nostra volgarità come cho può considerare un'abitudine vederci nudi.[...] Perchè l'amore, Fumi, sarà senz'altro meglio quando c'è. Ma per persone come noi diventa perfetto solo quando c'era";

3) Marianna propone un estratto da "La ventesima moglie" di Indu Sundaresan: "Fra le braccia di Asmat, avvolto in un vecchio cencio, era adagiato un piccolo bimbo perfetto. "Nostra figlia". Asmat porse la bambina a Ghias. Era bellissima, con braccia e gambe ben formate, una testolina coperta da folti, luminosi capelli neri e ciglia nere, lunghe e curve, chiuse su guance delicate. "Hai pensato a un nome?", chiese alla moglie. "Sì...", rispose Asmat esitante. "Mehrunnisa". "Mehrunnisa", ripeté Ghias lentamente. "Sole delle Donne. È un nome adatto per questa bellissima bambina".

4) Mirtilla propone un estratto da "Prenditi cura di lei" di Kyung-Sook Shin: "Pensi che mi sarà concesso il tempo di capire mamma, di ascoltare le sue storie e di consolarla per i suoi vecchi sogni sepolti da qualche parte nelle pagine del tempo? Se potessi avere anche solo poche ore le direi che amo tutto ciò che ha fatto, che la amo, amo mamma, che è stata in grado di fare tutto ciò che ha fatto, che amo la vita di mamma che nessuno ricorda".

Come potete vedere sulla home page del mio blog ho creato un sondaggio proprio per far sì che possiate scegliere la frase più bella tra queste 4! Avete tempo UNA SETTIMANA! VOTATE VOTATE VOTATE!!!!!!!!! 

giovedì 15 settembre 2011

I CLASSICI: Jane Eyre di Charlotte Brontë

Ciao a tutti e bentrovati!
Ho una sorpresa in serbo per voi, ma ve ne parlerò più in là... 
Intanto un’altra piccola novità del blog. Una volta al mese posterò una recensione su un classico della letteratura a mia scelta, che ne dite? Ne ho letti talmente tanti all’università (e anche dopo) che vorrei condividerli con voi.
Non posso che iniziare con uno dei miei romanzi preferiti in assoluto: "Jane Eyre" (1847). Alzi la mano chi non lo ha mai letto!!! Ahi ahi ahi se non l’avete ancora fatto dovete assolutamente rimediare! Un capolavoro!
La piccola Jane, orfana dei genitori, viene accolta da alcuni parenti che però la trattano malissimo. Viene quindi affidata a una scuola di carità, dove i bambini sono votati alla sofferenza, al lavoro e ai sacrifici. Ma Jane fin da bambina, si dimostra forte e coraggiosa. Crescerà in questo istituto dove poi si affermerà come istitutrice. Grazie al suo lavoro trova un’occupazione presso la dimora di Thornfield Hall, il cui proprietario è il misterioso Mr. Rochester. La vita di Jane scorre tranquilla, dedicandosi all’educazione di Adele, figlia adottiva del padrone di casa. Finché un giorno Mr. Rochester si presenta a casa e la vita di Jane verrà sconvolta. Nasce immediatamente uno stretto rapporto tra i due, anche se tormentato, fino a quando Rochester (che doveva inizialmente sposarsi con un’altra) chiede la mano di Jane.
Ma Thornfield Hall nasconde un segreto, che verrà svelato proprio il giorno delle nozze e la vita di Jane ne uscirà distrutta.
Adoro questo romanzo perché il personaggio di Jane è positivo: è una ragazza indipendente, autonoma, forte e volitiva. Un esempio per tutte le donne. Non si lascia abbattere dalle immense tragedie che pure le accadono intorno, a cominciare dalla morte dei genitori. Quando finalmente trova l’amore, sorgono altri problemi apparentemente insormontabili, ma lei va avanti.
Mr. Rochester, in una bellissima scena romantica la descrive così: “... essere strano e quasi soprannaturale”.

Sicuramente qualcuno di voi ha visto i diversi film che hanno girato basandosi sul romanzo. Uno di questi che ho visto non so quante volte, mi piace molto: è del 1996, con William Hurt e Charlotte Gainsbourg. I personaggi sono interpretati magnificamente da questi due bravissimi attori e la trama non si discosta troppo dal libro, tranne per alcuni particolari.
Chi di voi l’ha letto o ha visto il film? Quale dei due vi è piaciuto di più? :-)



lunedì 12 settembre 2011

A un passo da te di Marcello Affuso e Jessica Mastroianni

Allora cari lettori! La rubrica mensile ha ricevuto dei consensi positivi a quanto pare, anche se le partecipazioni sono state esigue, ma sono fiduciosa del fatto che il prossimo mese sarete tutti pronti per condividere le frasi più belle che vi hanno colpito dei libri che avete o state leggendo.
La mia frase era questa: 
Tra le pieghe delle notti più nere c’è la possibilità di essere felice. Prima di conquistarla devi saperla riconoscere: la troverai in un sorriso incontrato per caso o in qualche parola accennata appena. Magari in quegli occhi che già hai scrutato, anche solo di sfuggita, oppure sono ogni giorno lì, al tuo fianco. O forse... nel cuore della persona che cercavi. A un passo da te c’è il senso di tutto”.


Non vi avevo svelato né il titolo né l’autore del libro, perché volevo fosse una sorpresa! Ed eccola qui!
Il 3 luglio ho ricevuto una mail che mi ha sorpresa ed emozionata. Marcello mi chiedeva, avendo visto il mio blog, se avevo voglia di aiutare lui e la sua amica Jessica a pubblicizzare il loro romanzo edito da una piccola casa editrice, Linee Infinite: “A un passo da te”. Come potevo rifiutare una proposta del genere condividendo la stessa passione di questi ragazzi per la scrittura? Allora mi son data immediatamente da fare, ho scaricato il file in pdf che mi avevano inviato e l’ho inserito nella libreria dell’iPhone così da averlo sempre con me e poterlo leggere con tutta la calma e l’attenzione possibile.
Sono subito rimasta piacevolmente colpita dallo stile impegnato e profondo di questi due ragazzi. Vi racconto brevemente la storia, anzi, questa volta lascio che siano i due scrittori a parlare: “Lo stridere delle ruote sull’asfalto scivoloso. La pioggia che cade incessantemente. Buio. Silenzio. L’inizio e la fine si confondono nella stessa notte. È trascorso un anno da allora e gli echi del passato continuano a risuonare imperterriti. Gli esami di maturità sono appena terminati per Cristian e Valentina.
Due storie parallele, le loro vite, unite da un assurdo e beffardo destino, i cui fili si sfiorano costantemente senza toccarsi mai davvero. Si accarezzano, si cercano, si perdono, ma non s’incontrano. Non ancora, è troppo presto… e loro potrebbero non essere pronti. Lui gioca con le proprie illusioni per non cadere nel pozzo senza fondo della realtà. La traveste da fantasia per avere la meglio e non farsi schiacciare. Lei, invece, è una sognatrice con i piedi per terra ma in perenne bilico. Finge di avere una forza che non ha per non soffocare nella solitudine. Quella solitudine imposta dal mondo per chi non ha abbastanza coraggio di farsi strada da sé.
Li aspetta un lungo viaggio attraverso i confini della ragione e, solo una volta vinta l’estenuante battaglia contro il nemico più terrificante che esista, la mente umana, potranno finalmente respirare aria pura e godere di un brivido di felicità”.
Sono due le voci narranti nel romanzo, quelle di Cristian e Valentina. Due ragazzi che hanno vissuto esperienze terribili nonostante la loro giovane età, esperienze che li hanno fatti crescere velocemente. 
Non ho molto da aggiungere, se non che l’ho letteralmente divorato. Ho riso, mi sono commossa, ho vissuto insieme ai protagonisti sensazioni di paura, solitudine, sollievo. Questi due giovani autori hanno un futuro come scrittori davanti a loro.
Ora qualche comunicazione di servizio per chi fosse interessato ad acquistare il libro, cosa che consiglio vivamente. Il romanzo è disponibile in libreria su prenotazione (anche se, a quanto mi dicono gli autori, la tiratura è al momento terminata, bisognerà aspettare 2-3 settimane); è disponibile anche online su Amazon (http://www.amazon.it/passo-te-Sincronizza-battito/dp/886247072X/ref=sr_1_3?ie=UTF8&qid=1314545685&sr=8-3), su Bol ((http://www.bol.it/libri/passo-da-te.-Sincronizza/Marcello-Affuso-Jessica-Mastroianni/ea978886247072/), su libri.it (http://libri.dvd.it/narrativa-italiana/a-un-passo-da-te-sincronizza-il-battito/dettaglio/id-3449584/), colibri (http://www.colibrigds.com/prodotti.asp?shop=140&intProdID=21732) e libreriauniversitaria (http://www.libreriauniversitaria.it/passo-te-sincronizza-battito-mastroianni/libro/9788862470728).

Inoltre, Marcello e Jessica hanno già presentato la loro opera a Napoli e Lamezia e saranno a Ferrara il 23 settembre (Sala Agnelli della Biblioteca Ariostea, Via delle Scienze ore 17.00) e a metà ottobre nuovamente a Napoli. Vi terrò informati su ulteriori date. Mi raccomando, non fatevi sfuggire questo bellissimo capolavoro!

venerdì 9 settembre 2011

RUBRICA

Ehiii ragazziiiiii non fate i timidi!!! La rubrica mensile (del secondo giovedì del mese) non è scaduta, potete ancora partecipare! Su su! Quando sarete a casa non dovrete far altro che prendere il libro che è accanto a voi sul comodino, cercare la frase che vi è rimasta impressa, che per voi ha un qualche significato oppure che vi ha commosso e scriverla nel commento al post "Rubrica Mensile"! Forza e coraggio!!! Vi aspetto!

giovedì 8 settembre 2011

Rubrica Mensile

Ed eccoci giunti alla PRIMA EDIZIONE della rubrica mensile che istituisco quest'oggi! 

Allora, ogni primo lunedì del mese ci divertiremo con la rubrica THE MOST BEAUTIFUL SENTENCE.


In cosa consiste? Dunque, ognuno di voi, me compresa, scriverà nei commenti al post la frase più bella, la frase che più vi ha colpito del libro che state leggendo o che avete appena finito di leggere. Accanto alla frase dovrete scrivere da quale libro è stata tratta (io oggi non lo farò perché il libro che citerò non l’ho ancora recensito ed è una sorpresa!). Dopodiché sceglierò la frase più bella secondo il mio modesto parere ^_^ Che dite, vi piace l’idea? Se non avete domande possiamo dare il via all’iniziativa! Ecco la frase che ho scelto:

Tra le pieghe delle notti più nere c’è la possibilità di essere felice. Prima di conquistarla devi saperla riconoscere: la troverai in un sorriso incontrato per caso o in qualche parola accennata appena. Magari in quegli occhi che già hai scrutato, anche solo di sfuggita, oppure sono ogni giorno lì, al tuo fianco. O forse... nel cuore della persona che cercavi. A un passo da te c’è il senso di tutto”.

mercoledì 7 settembre 2011

Quasi quasi cambio vita

Buongiorno a tutti miei cari lettori! E’ un giorno speciale questo, non trovate? Perché direte voi? Beh, siamo arrivati a 90 followers, incredibile!!! Non ci posso credere! Grazie mille a tutti per il vostro sostegno e i vostri commenti, sempre interessanti e costruttivi! Naturalmente, quando arriveremo a 100 sostenitori ci sarà un altro giveaway! Perciò, amici della blogosfera, cosa aspettate? ISCRIVETEVI! :-)

Immagine liberamente tratta dal web

Questa mattina volevo rendervi partecipi della prima recensione riguardante il mio libro “Quasi quasi cambio vita” che mi è giunta prontamente il 16 agosto, non appena sono rientrata dalle ferie. L’autrice della recensione è Laura di MatematicaEcucina che ringrazio con tutto il cuore. Ho resistito alla tentazione di leggerla subito, perché volevo farlo insieme a voi non appena l’avessi pubblicata, ed eccoci qui! Sono proprio curiosa!


Quasi quasi cambio vita. Lo avremo detto tutti tante volte. Ma Sabrina, la protagonista del romanzo, lo fa davvero sconvolgendo le sue certezze e dando vita reale ai suoi sogni.
Sabrina è una ragazza come tante oggi. Ha una laurea in lingue ma non ha trovato lavoro nel suo campo. Quindi, si accontenta di fare la segretaria in uno studio notarile dove i titolari la considerano anche incapace di spedire delle raccomandate. Ma il lavoro, seppure non gratificante, le permette di essere indipendente economicamente e, tutto sommato, la sua vita trascorre serena in compagnia delle amiche fidate, Laura e Chiara, e del fidanzato Paolo, con cui convive.
Paolo, come tanti ragazzi di oggi, è immaturo. Sta ore ad allenarsi in palestra e poi è talmente stanco da non preparare neanche la cena per Sabrina, che torna a casa dopo di lui e fa stressanti tragitti con i mezzi pubblici. Ma a Sabrina questo rapporto, in cui lei è anche un po’ mamma, sta bene perché Paolo è un ragazzo bellissimo e la fa sentire unica ed amata.
La vita di Sabrina viene sconvolta da una inattesa proposta di lavoro a Parigi e dal tradimento di Paolo che lei scopre insieme ad un’altra addirittura nel loro letto.
Senza più certezze, al ritorno da un viaggio a Berlino fatto con le amiche, Sabrina decide di cambiare radicalmente la sua vita. In che modo lo scoprirete leggendo il romanzo che è scritto in modo allegro e fresco e che consiglio a tutti quelli che vivono una vita accontentandosi, ma che hanno tanti sogni nel cassetto. Talvolta quel cassetto conviene aprirlo!”.

Un grazie infinite a Laura per la sua bellissima recensione! Ora attendo con ansia la recensione dell’altra vincitrice del mio primo giveaway: Tati!

lunedì 5 settembre 2011

Something Borrowed di Emily Giffin


Come promesso, eccomi qui a parlarvi di nuovo di libri! Prima però volevo segnalarvi un’iniziativa molto simpatica del sito il mio libro, tramite il quale ho pubblicato il mio romanzo (a proposito, grazie Ale per le tue bellissime parole!): diventa talent scout! Potete leggere in anteprima le prime pagine di tantissimi romanzi di autori esordienti e non. Alla fine dell’anteprima potete decidere se diventare talent scout, a quel punto vi iscrivete al sito in maniera totalmente gratuita e potrete leggere gratuitamente il romanzo per intero. Alla fine dovrete scrivere una recensione e le più belle verranno pubblicate sulla prima pagina del sito. Attualmente sto leggendo “Non chiudo mai la porta a chiave” di Elena Lo Muzio che recensirò anche qui non appena lo finisco.
Ma veniamo a noi: perché ho scritto il titolo originale di questo romanzo della Giffin? Beh l’ho letto in inglese.. l’ho comprato all'aeroporto di Washington perché volevo acquistare almeno un libro in lingua originale, ma dopo le prime pagine ho capito che l’avevo già letto in italiano: “Piccole confusioni di letto”. Pazienza! In originale è tutta un’altra cosa!
Le protagoniste sono Rachel e Darcy, due quasi trentenni completamente diverse, ma amiche per la pelle fin da bambine. Darcy sta per sposarsi col bellissimo Dex che le è stato presentato proprio da Rachel, perché pensava che sarebbero stati perfetti l’uno per l’altra. Fino al giorno del trentesimo compleanno di Rachel. Dex riaccompagna la festeggiata a casa e... finiscono a letto insieme. Il giorno dopo si convincono del fatto che è stato un errore e che non dovrà ripetersi mai più, purtroppo, però, non riescono a stare lontani. Nel frattempo Rachel deve aiutare Darcy nei preparativi del matrimonio in quanto damigella d’onore, ma è combattuta tra due fuochi.
Come andrà a finire? Non ve lo dico! ;-) Sono rimasta combattuta per tutto il tempo della lettura del romanzo, perché il tradimento è una faccenda che proprio non digerisco, per me non esistono scuse di alcun genere che possano giustificare un'azione di questo tipo. Dall’altra parte, però, se due persone si accorgono che sono fatte l’una per l’altra, che sono sempre state innamorate ma non se ne erano rese conto, come ci si deve comportare in questi casi? E’ più importante l’amore o l’amicizia? A voi l’ardua sentenza.

venerdì 2 settembre 2011

Domandone

Buongiorno a tutti! Come va la vostra giornata? Spero meglio della mia ;-) Non mi sono ancora del tutto ripresa dal ritorno al lavoro, anzi, è stato piuttosto traumatico, ma il vostro calore nell'accogliermi nuovamente tra voi mi ha dato la forza per affrontare questi giorni!
Ho qualche piccola novità per voi, anche se, a essere sincera, non ho letto molto quest'estate, perché è stato un viaggio itinerante e la sera eravamo talmente distrutti che non c'era proprio la forza per leggere!
Quindi, per ora, interrogo voi! Allora, cari lettori, cosa avete letto quest'estate? E soprattutto, se qualcuno di voi ha letto qualche libro consigliato dalla sottoscritta, si è poi ritrovato nella recensione o la pensa del tutto diversamente da me? Sono curiosa ^_^
A presto!

immagine liberamente tratta dal web