martedì 10 aprile 2012

Il gioco della seduzione

Buongiorno a tutti, miei cari lettori! Avete trascorso una Pasqua serena? Spero proprio di sì.. a parte il tempo che ha fatto i capricci, anche a me è andata piuttosto bene, mi sono riposata e ho mangiato taaaanto! ^_^


Oggi vi parlo di un romanzo edito da Leggere Editore, di Susan Elizabeth Phillips, una delle più famose scrittrici di romanzi femminili che ha riscosso grandissimo successo in America e in Germania, ora sbarcata anche in Italia.
Il gioco della seduzione” è un romanzo piuttosto lungo, ma non dovete farvi spaventare dalle 464 pagine perché scorrono piacevolmente.
Phoebe Somerville non ha mai avuto un buon rapporto con il padre, il quale, però, nel suo testamento, la nomina proprietaria della sua squadra di football, i Chicago Stars. Lei pensa che, per l’ennesima volta, suo padre voglia dimostrarle che è un’incapace e che non riesce a portare a termine niente nella sua vita, a suo dire, dissoluta.
Phoebe accetta e si trasferisce a Chicago insieme alla sorellastra, Molly. Cerca di instaurare un rapporto di fiducia con la ragazza, la quale invece fa di tutto per farsi odiare.
Nel frattempo, Phoebe, all’apparenza una bambolona sexy senza cervello, è alle prese con il coach della squadra di suo padre, Dan Calebow, dal quale si sente subito attratta.
I due, però, non fanno altro che litigare, ma i poli opposti si attraggono e i due finiscono per innamorarsi, seguendo un gioco, come dice il titolo, di seduzione, lento e struggente.
Come vi dicevo, la lettura è scorrevole e piacevole. Non mancano scene di sesso bollente, ma l’autrice è bravissima nel descrivere certe situazioni in maniera forte e delicata allo stesso tempo, senza scadere mai nel volgare.
Dipinge molto bene la psicologia dei personaggi. Il lettore imparerà ad amare Phoebe, la quale si ostina ad apparire come un’oca senza cervello, quando in realtà ha un altissimo quoziente intellettivo ed è una persona dolce e sensibile. Dan invece è rude, forte, maschio, ma sa essere attento e premuroso con la donna che ama. Entrambi hanno un passato non facile, ma superate le incomprensioni, alla fine riescono ad affrontare la vita insieme.
Il football ha un ruolo importante nel romanzo. Sebbene io non ne sappia nulla e all’inizio mi sia un po’ annoiata a leggere nomi per me incomprensibili, mi sono comunque appassionata al gioco di squadra nonché ai giocatori, con i quali Phoebe cerca di instaurare un rapporto umano e sincero tanto che alla fine loro si affezionano a quest’affascinante e dolce ragazza.
Insomma, un libro molto molto bello, ragazzi, ve lo consiglio. E voi? Siete convinti che i poli opposti si attraggano?

Abbassò il capo e subito dopo si ritrovò a sfiorarle il collo con il naso, trovando un punto morbido appena sotto il suo orecchio. Non la strinse tra le braccia, ma le punte dei seni di Phoebe sfiorarono il suo petto. Poi la sentì sospirare: "Io e te non ci piacciamo". "Quello non è necessario, tesoro. Questa non è una relazione permanente. E' attrazione animale".”


COLLANA NARRATIVA
ANNO 2012
PAGINE 464
PREZZO € 10,00
ISBN 978-88-6508-140-2
TRADUTTORE Arianna Gasbarro

16 commenti:

  1. Non so, questo Dan a me non piace..
    Comunque che gli opposti si attraggano è un'esagerazione, secondo me. O due fingono di essere opposti, ma in fondo non lo sono, oppure non sono davvero attratti come dicono..
    Oppure non lo so, che è meglio va ;)
    Comunque a me l'opposto non attrae di solito mi irrita, e l'irritazione raggiunge i livelli massimi quando qualcuno a quel punto mi dice chi disprezza compra. Io rispondo che sarei proprio scema a comprare qualcosa che non mi piace, ma se posso evito di partire con la tirata sulle persone che non sono oggetti da comprare ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti ispira l'uomo rude?? :P La penso come te.. alla fin fine forse gli opposti non sono poi così opposti come sembra!

      Elimina
  2. Trovo molto bella la copertina del libro, la rosa-gonna che avvolge queste lunghe gambe è davvero seducente! Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, la gonna fa un bell'effetto!!

      Elimina
  3. SAi che inizialmente non mi attirava molto? ma dopo la tua recensione forse ci farò un pensierino...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me è piaciuto molto devo dire la verità.. se lo leggi fammi sapere cosa ne pensi!

      Elimina
  4. No so nei film sembra funzionare ma nella vita reale credo che alcuni punti in comune siano fondamentali.. Be però dalla frase che hai pubblicato mi sembra abbastanza piccante o no??
    Un bacioooone smack!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' moooolto piccante cara ;-)
      Hai ragione, nei film e nei libri sembra così facile e fila tutto liscio, ma nella realtà se due persone non si possono proprio vedere la vedo difficile che possano innamorarsi!

      Elimina
  5. Ciao, rieccomi dopo qualche giorno di assenza :-)
    Io sinceramente sono convinta che la virtù stia nel mezzo (come in tutto): ci vogliono delle cose in comune. Non troppe, per non annoiarsi, ma l'attrazione degli opposti secondo me nei rapporti sentimentali non dura...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehiii bentornata ^_^ Hai ragione, qualcosa in comune bisogna averlo sennò non si va avanti!

      Elimina
  6. Ciao!
    Grazie mille per il complimento, sono contenta che ti piaccia il mio blog. Do un'occhiata alle tue recensioni perché vedo che leggiamo roba diversa e potrei scoprire qualche nuovo libro. :D

    RispondiElimina
  7. Ciao!
    Io sono convinta che i due protagonisti siano opposti solo quando recitano il loro ruolo di coach e "bambola senza cervello". In realtà, scorrendo le pagine, si capisce che i due sono più simili di quanto vogliano lasciare intendere. Per questo il loro amore può funzionare.
    Ps. Ho trovato il libro appassionante, non banale e, perché no, molto sensuale senza scadere nella volgarità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anonimo, posso sapere il tuo nome?
      Anch'io non ho trovato il libro banale, assolutamente e molto sensuale!

      Elimina
  8. Libro sensualissimo confermo!

    RispondiElimina
  9. Il libro mi ha fatto trovare tramite delle ricerche questa roba: magnetismosociale.it/come-imparare-a-rimorchiare ma vi rendete conto del materiale che c'è in rete?

    RispondiElimina

Abbuffiamoci di parole!!!