mercoledì 19 settembre 2012

Cioccolato, Parigi, Amore


pag. 8: “La teobromina l’avvolse come una coperta calda che proteggeva dal gelo. Il cacao le pervase i sensi. Era come un abbraccio. [...] La vetrina era abbellita da riproduzioni di fave di cacao giganti spaccate a metà che, sparse anche in vari punti del negozio, conferivano teatralità all’atmosfera. Immaginava la mano che le aveva modellate, una mano mascolina, forte, quadrata, dalle dita lunghe, capace di delicatezza e precisione”.

Il 13 settembre è uscito, per Leggereditore, “Ladra di cioccolato”, di Laura Florand. 
Avrete capito già dal titolo le parole chiave di questo romanzo: Cioccolato, Parigi, Amore. Tre parole che, mescolate insieme, avrebbero dovuto dar vita a una mistura magica ed esplosiva.
Ormai ne avrete fin sopra ai capelli di sentirmi dire che amo Parigi con tutta me stessa, fosse per me ci andrei ogni mese e ogni volta sarebbe una scoperta, una nuova emozione. Quindi, non potevo lasciarmi sfuggire questo libro, dato che era ambientato in questa meravigliosa città, con addirittura un ingrediente in più, il cioccolato.
Cade Corey è la figlia del proprietario della Corey, la più grande produttrice americana di barrette al cioccolato. Cade ha un sogno tutto suo, conquistare l’Europa, partendo da Parigi, comprando il nome del più famoso chocolatier francese: Sylvain Marquis.
Sylvain è, naturalmente, sexy, bello, affascinante, scontroso, arrogante e irrestistibilmente presuntuoso, perciò non accetta la proposta di Cade, ma si sente attratto da lei. Cade, dal canto suo, cerca di impossessarsi dei segreti del famoso cioccolatiere, entrando di soppiatto nel suo atelier. Inizia un gioco di seduzione perverso ed eccitante, fatto di sfuriate, litigi, sesso folle e tenerezze. Alla fine Cade sarà posta di fronte a una scelta: rimanere a Parigi, sottraendosi alle sue responsabilità e scegliendo Sylvain oppure tornare a dirigere l’azienda di famiglia insieme al padre.
Non vi svelo altro, anche se l’happy ending, l’avrete capito, è inevitabile.
E’ un libro che scorre con facilità, sebbene non mi abbia colpito particolarmente, non so, speravo in qualcosa di più, quel qualcosa che ti fa innamorare follemente dei protagonisti e della storia. Sylvain è troppo pieno di sé per i miei gusti, per quanto abbia delle attenzioni per Cade che fanno intravedere il suo lato romantico, e Cade non ha un carattere degno di nota, a parer mio. E’ molto approfondita la sfera sessuale, i loro giochi erotici, la loro attrazione è ben descritta, tanto che, alla fine di tutto, mi sembra che ci sia soltanto attrazione fisica tra loro, niente di più.
E Parigi... non sono riuscita a immedesimarmi nel suo spirito, nei suoi colori e profumi, né tantomeno, mi sono appassionata ai cioccolatini di Sylvain, almeno tanto quanto mi ero innamorata dei cioccolatini delle sorelle Park
Nonostante tutto, consiglio il romanzo a chi ha bisogno di letture spensierate, senza impegno, che scivolano via facilmente (ma che comunque non si lasciano ricordare).

COLLANA: NARRATIVA
ANNO: 2012
PAGINE: 336
PREZZO: € 10,00
ISBN: 9788865081877
TRADUTTORE: Sabina Terziani

Sito dell’autrice: http://www.lauraflorand.com/

18 commenti:

  1. Dal titolo mi sembrava in effetti una di quelle letture senza troppi impegni in cui a volte mi lancio, ma la recensione mi ha fatto capire che non ne vale la pena. Pazienza, aspetterò qualche suggerimento più entusiastico! Buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, devo dire che avevo diverse aspettative su questo libro, ma può succedere, a volte, che queste vengano deluse. Ciò non toglie che rimanga un romanzo leggero e spensierato!

      Elimina
  2. mmmm non fare esaltare Parigi è davvero un delitto! almeno i film tratti dai libri di Rosamunde Pilcher, a cui questo libro sembra ispirarsi, riescono ad essere tollerabili perchè mettono in risalto in maniera sublime la Cornovaglia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... un delitto, hai detto bene! E' vero, i paesaggi sono splendidi in quei film che comunque assolvono al loro scopo, distrarre piacevolmente! :P

      Elimina
  3. Mi sembra molto bello, grazie del consiglio!

    RispondiElimina
  4. a proposito, molto bello il nuovo template...l'hai fatto tu?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti piace? Sono contenta.. magari l'avessi fatto io, invece è stata la bravissima Claudia: http://labottegadeitemplates.blogspot.it/

      Elimina
  5. abbiamo la stessa passione. Ti aspetto da me. Mi aiuterestiad abbellire il mio blog? Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Stefania, benvenuta nel mio blog! Passo a trovarti..
      Mi piacerebbe aiutarti con il blog, ma non è opera mia quel che vedi (a parte le foglioline, ma quelle le trovi nel layout!). Se n'è occupata Claudia: http://labottegadeitemplates.blogspot.it/

      Elimina
  6. La copertina è accattivante, ma dopo la tua recensione non so se comprerei il libro, anche se in questo periodo avrei proprio bisogno di letture leggere:-)!
    Bella la grafica nuova!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, guardando la copertina, ti sciogli al pensiero di quel cioccolato nero e vellutato, ma poi la sostanza rimane povera purtroppo! Però, serve al suo scopo, in quanto lettura molto leggera! ;-)
      Ps: sono contenta ti piaccia la nuova grafica! ^_^

      Elimina
  7. Carissima Chiaretta, le tue recensioni sempre precise e senza mezze parole sono un piacere per i miei occhi.
    In questo momento ( della mia vita, della mia età, della vecchiaia che avanza???)so che a malapena ricordo i libri che mi sono piaciuti, quindi evito accuratamente quelli che scivolano via come acqua fresca.
    Pensa che ieri sera ho terminato un libro ( scritto con uno stile che mi è piaciuto molto), ma , in realtà, la trama me la sono un pò persa ( non! Non sto diventando demente è che leggo e mi addormento e poi mi perdo dei passaggi!!).
    Il tuo blog inizia a diventare ancora più prezioso per me, perchè oltre agli ottimi consigli di lettura , trovo anche graditi suggerimenti per evitare acquisti inutili! ;)

    ciao loredana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mmmmm cara Lori, mi fai preoccupare! Cos'è questa storia che non ricordi quel che leggi?? ihihih scherzo naturalmente! Capita anche a me che, quando leggo la sera (di rado, in effetti) mi si chiudono gli occhi per la stanchezza e il giorno dopo devo rileggere le ultime pagine perché non ricordo nulla! Quindi, non stai invecchiando, tranquilla!
      Mi fa piacere che apprezzi la mia onestà, ho sempre cercato e cerco di essere sincera nelle mie opinioni, personalissime naturalmente! :D
      un bacione

      Elimina
  8. :OOOOOOO NO che delusione ed io che pensavo meraviglie, come "Le mille luci di Parigi" :(!!! e vabbè accantoniamolo allora smack ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava, hai colto il punto! Speravo anch'io, e invece... :-( Pazienza! ♥

      Elimina
  9. Avevo proprio bisogno di una lettura leggera,qualcosa di non troppo impegnativo. Mi sa che mi faccio un giro in libreria per leggere una pagina o due per vedere se mi piace.
    Grazie mille per il suggerimento!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere che questa recensione ti sia stata utile! ^_^

      Elimina
  10. A parte il fatto che la copertina fa venire voglia di andare al primo supermercato aperto, comprare una tavoletta di cioccolato da sciogliere a bagnomaria e uccidersi usando come arma del delitto un cucchiaino, penso che una lettura spensierata, leggera, faccia sempre bene.
    Buon weekend, cara omonima!

    RispondiElimina

Abbuffiamoci di parole!!!