mercoledì 17 ottobre 2012

Senza di te di Teresa Di Gaetano

Buon mercoledì a tutti!
Vi piacciono le zucchette che cadono dal cielo? Adoro questo ortaggio, è arancione, bello, allegro, tondeggiante e ottimo da mangiare! E poi mi piace la festa di Halloween.. so che l’abbiamo importata, ma è una festa simpatica e paurosa O.O E a voi piace? I vostri bambini si mascherano e vanno per le strade a chiedere “dolcetto o scherzetto”? Prima o poi andrò in America il 31 di ottobre, sarebbe emozionante! *.*
Beh, veniamo a noi!! Ho appena finito di leggere il breve racconto di Teresa Di Gaetano, “Senza di te”, edito dalla Butterfly Edizioni. Questo romanzo fa parte della collana Coccinelle, pensata appunto per testi brevi, ma densi di emozioni. Non è meravigliosa la copertina?


La protagonista è la giovane Nina, una giornalista alle prese con la sua vita e la sua carriera. E’ circondata da colleghi e amici che le vogliono bene, soprattutto il suo migliore amico Leo. Ma dopo che è stata lasciata dal suo fidanzato Pietro, il mondo le è crollato addosso, si sente svuotata, persa, sola, non vuole essere consolata da nessuno e rifiuta i pretendenti che gli amici le presentano.
Teresa racconta la quotidianità di una persona normale che deve affrontare la solitudine e la perdita di una persona cara, un’esperienza che, chi più chi meno, abbiamo vissuto tutti, quindi il lettore potrebbe immedesimarsi nella protagonista, sebbene ognuno reagisce in maniera diversa quando si tratta di sentimenti. Dico “potrebbe”, perché, a essere sincera, io non sono riuscita a immedesimarmi in Nina: le sue reazioni mi sono sembrate eccessive, come iniziare a fumare, a bere, il racconto poi è alquanto ripetitivo, posso capire la volontà della scrittrice di descrivere il lento passare dei giorni senza avere accanto la persona che si ama, ma sembra che si susseguano sempre le stesse scene, le stesse battute e questo tipo di racconto non mi coinvolge, preferisco i frequenti cambi di scena e di situazioni.
E’ interessante l’idea della Butterfly di proporre questo tipo di racconti che, in questo modo, hanno visibilità e potrebbero anche svilupparsi in maniera più elaborata, ma, mi dispiace dirlo, non è questo il caso, secondo il mio modesto parere naturalmente!

Buona giornata a tutti miei cari lettori! :-)

13 commenti:

  1. Adoro le tue zucchette ed adoro halloween, anche io sogno di andare in una di quelle cittadine americane con le villette a schiera e giardini tutto in torno per vedere questa bella festa!
    Nel mio palazzo l'anno scorso i bimbi sono venuti da me a pronunciare la tipica frase "dolcetto? scherzetto?" mi hanno trovata al quanto impreparata ma quest'anno vado a comprare subito i cioccolatini così posso renderli gioiosi ^_^ un bacione smack

    RispondiElimina
    Risposte
    1. iii hai visto che carine? Avevo paura che fossero troppe e dessero fastidio, ma mi piacciono da morire ^_^ Magariii, andiamo in USA?? :'(
      Da me non so se vengono, semplicemente perché tanto sto sempre al lavoro fino a tardi :-/ baciii

      Elimina
  2. Belle le zucchette!!
    Anche a me piacerebbe un giorno o l'altro partecipare alla sfilata di Halloween a New York, che divertimento!

    RispondiElimina
  3. Le zucchette sono davvero simpatiche. A me, però, non piace il Halloween. Da noi non soltanto è una festa importata ma anche stà sostituendo una nostra festa legata al giorno di Ogni Santi. Puoi guardare questo mio post dell'anno scorso per saperne di più: http://lapprendistaditaliano.blogspot.com.es/2011/10/ognissanti.html. Buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, mi dispiace che Halloween stia sostituendo una vostra festa, questo non mi piace. Vado a leggere il tuo post! Buona giornata a te!

      Elimina
  4. Bah, Halloween ;) E come sei romantica! Parlo della copertina del libro, che in effetti è carina, se non fosse collegata ad un libro che non rende bene l'idea dell'amore (che finisce).. l'approssimazione o la ripetitività non vanno bene!
    Oddio, c'è pure il gatto nero!
    Però l'idea della collana di racconti mi piace, così uno non è obbligato a scriverne una raccolta intera per vedersi pubblicato :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :D Di solito non amo questo tipo di copertine, ma il rosa antico lo adoro :P
      ihihih sììì pure il gattino nero, so' proprio "spaventosa" eh?
      L'idea della collana di racconti brevi piace anche a me!

      Elimina
  5. Ogni volta che si tocca l'argomento Halloween, si scatenano polemiche...a me piace, mi diverto e migodo le tue zucchette e anche il gatto nero...la prossima settimana ci sarà un intero menù a tema sul blog !
    Ho già chiesto al maritino di tirare giù la scatola dellgli addobbi ;) da queste parti non esiste solo Natale!

    Come dire...l'hai stroncato! Meglio duri che pietosi! ;)

    ciao loredana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero e sinceramente non capisco perché! L'anno scorso andai a Messa il 1° novembre e il prete si mise a predicare contro la festa di Halloween, cioè... @_@
      Anch'io mi diverto e viva gli addobbi!!
      Baciii

      Elimina
  6. Ma... sbaglio o abbiamo di nuovo saltato la citazione mensile???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eeeeehm sei l'unica che ci ha pensato!! In effetti sì... mi hai beccata! Non sono ancora entrata nell'ottica della rubrica :-/ in realtà ero anche un po' indecisa se riproporla, vediamo un pochino.. :">

      Elimina
    2. Ah, ok. Eh, eh, si vede che l'unica che si era presa così bene ero io!

      Elimina

Abbuffiamoci di parole!!!