martedì 4 dicembre 2012

I ricordi della casa sul lago

Buongiorno a tutti, come state?
Io ho trascorso un weekend casalingo, dato che mio marito ha avuto la febbre :-/ Mi sono data alla cucina, ma non vi posto le foto perché sono inguardabili! Sappiate però che per il mio dolce maritino ho preparato dei muffin al cacao con le mele (che lui adora) seguendo la ricetta di Dolci a gogo, ma non avendo lo stampo da plumcake ho optato per i muffin! Buonissimi, ve lo garantisco! Domenica invece ci siamo dedicati alla pizza, utilizzando una farina biologica di tipo 2, arricchendola con patate e con salame piccante, buonissima, anche se ci è venuta un po’ troppo alta a mo’ di focaccia... la prossima volta andrà meglio! ;-)
Ma veniamo a noi. Come vi dicevo l’altra volta, quando un libro mi prende fin dalle prime pagine sono la donna più felice del mondo. E’ il caso di una nuova uscita di Leggereditore (in libreria dal 26 luglio), “I ricordi della casa sul lago” di Rosie Thomas.


Il titolo originale mi piace di più e lo trovo maggiormente rispondente alla trama: “The Kashmir Shawl” (“Lo scialle kashmiro”).
Il libro è lungo, la trama complessa, ma vi assicuro che non vi darà respiro. Amo i libri che parlano di India, questo stato lontano da noi, eppure così affascinante e attraente e qui ci immergiamo totalmente nella sua atmosfera, soprattutto nella regione del Kashmir, piena di colori, profumi e speranza: il racconto si svolge su due piani narrativi, uno al presente, dove vediamo Mair che dopo la morte del padre riesuma vecchi ricordi nella sua casa, tra cui uno scialle bello e prezioso, una ciocca di capelli e una foto che ritrae tre donne sorridenti, tra cui sua nonna, Nerys.
Il secondo piano narrativo - quello principale e più coinvolgente - si basa sui racconti che vedono come protagonista appunto Nerys, moglie di un missionario, che svolge il loro lavoro in India negli anni ‘40. Il marito a un certo punto vuole proseguire la missione da solo, inoltrandosi nei villaggi più impervi, lasciando così la moglie in compagnia di una coppia di inglesi diretti a Srinagar, Myrtle e Archie. Qui Nerys, non abituata a una vita di agi, si darà da fare insegnando inglese ai bambini poveri, facendoli giocare e cantare. Le due amiche aiuteranno una ragazza, Caroline, sposata a un soldato ma incinta di un altro uomo, a partorire in gran segreto una bella bimba, Zahra. Il prezioso scialle lavorato dagli abitanti del luogo è la sua eredità. Nel frattempo Nerys si innamora non solo della bambina ma anche di un uomo affascinante e pieno di misteri, Rainer Stamm.
Parallelamente vediamo Mair indagare sulla storia della nonna di cui non ricorda quasi nulla, parte così per un viaggio in India alla scoperta delle radici della sua famiglia. Durante il suo viaggio incontrerà una coppia di turisti, Karen e Bruno, con cui farà amicizia. Riuscirà Mair a ricostruire la storia della sua famiglia?
Ragazzi mi devo fermare, mi sono dilungata abbastanza. Come ho già acccennato, la parte che riguarda la nonna di Mair è la più affascinante, avventurosa e romantica del libro. La scrittrice, essendo una grande appassionata di escursioni e viaggi, è stata in questi luoghi che descrive perciò così bene tanto che mi sembrava di essere lì, con i protagonisti, al club insieme a Myrtle e Nerys, o sulla casa galleggiante di Myrtle, oppure in viaggio con Mair. Il racconto è pieno di dettagli mai noiosi né ripetitivi, sempre sorprendenti e affascinanti. E’ inevitabile provare simpatia e compassione verso Nerys, che cerca in tutti i modi di far funzionare il suo matrimonio e rimane comunque fedele al marito e alla sua missione. Il parallelismo tra le due storie, della nonna e della nipote, è evidente, ma serve per far provare al lettore un’affinità con i protagonisti, che sono ben descritti, anche quelli minori, come Rainer, attraente e misterioso, diviso tra la sua personalità di illusionista e quella di alpinista, Archie, il marito di Myrtle, con l’animo combattivo da soldato, come anche il violento marito di Caroline o i bambini della missione, ai quali vi affezionerete.
Consigliatissimo, commovente, straziante, bello, una storia di amicizia, amore e avventura.

Accarezzò lo scialle con la guancia. Il tessuto era così fine da stare racchiuso nelle sue mani. Improvvisamente, sentì un lieve odore di spezie [...] La prima cosa che notò quando la aprì furono dei meravigliosi colori. Il blu argentato e le varie tonalità di verde le balzarono agli occhi, come un distillato di acqua di lago e cieli primaverili, uniti a un’esplosione di fiori di un intenso color lavanda e vermiglio. Esaminò il tessuto da vicino e notò la complessità del ricamo, le sontuose figure a forma di lacrima con le punte arricciate, i rami ricoperti di felci, i gambi e i minuscoli fiori a cinque petali. Mentre Mair accarezzava la morbida lana, l’unico suono nella stanza era il belato angosciante delle pecore. Il tessuto era talmente luminoso che sembrava fluttuare nell’aria”.


COLLANA NARRATIVA
ANNO 2012
PAGINE 528
PREZZO € 14,00
PREZZO EBOOK € 9,90
ISBN 9788865081747
TRADUTTORE Tania Spagnoli

17 commenti:

  1. Quanto hai ragione è un libro che ti porta via con sé dalla prima all'ultima pagina! Seguire Nerys, solo apparentemente debole, ma in realtà dotata di una forza d'animo ed un coraggio pari solo alle donne forti e combattive, e le sue amiche è stato davvero emozionante! Secondo me sarebbe davvero un bel regalo di Natale! Un bacione cara ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero sì, ci si perde completamente! E Nerys è una vera e propria eroina!
      Hai ragione, è uno splendido pensierino per Natale!
      baciii ♥

      Elimina
  2. che w.e. casalingo pieno di bontà!
    la pizza con la farina bio la trovo molto più buona! e che condimento gustoso!!
    anche io trovo che il titolo originale sia molto più bello, e mi capita spesso di trovare più belli i titoli originali, anche per i film
    buona lettura ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, ogni tanto mi piace dedicarmi alla casa e alla cucina ^_^
      A chi lo dici! Spesso e volentieri i titoli originali sono più rispondenti al contenuto e più belli!

      Elimina
  3. La descrizione del libro mi ha incuriosita, trovo solo che il titolo - come segnali tu - e la copertina non siano affatto pertinenti rispetto al contenuto. Che strano!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero? In effetti anche la copertina poco c'azzecca ;-)

      Elimina
  4. Chiara complimenti, il tuo blog è molto carino e io adoro leggere. Ti seguirò molto volentieri. eleonora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Eleonora, benvenuta nel mio blog e grazie per i complimenti!! Ti seguo anch'io! ^_^

      Elimina
  5. Sono sicura che i tuoi dolcetti erano buonissimi!!!

    RispondiElimina
  6. Chissà se piacerebbe alla mia adolescente, per natale mi ha chiesto un barattolone di N....lla ;) e un paio di scarpe con i tacchi ( da 12 in su, ovviamente), ma a me piacerebbe regalarle anche un bel libro e questo mi sembra molto bello!!

    Le baguette di oggi sono state fatte con la macchina del pane, ma da oggi in poi mai più a mano!!! ;)

    RispondiElimina
  7. Ci metto sempre qualche minuto a gustare le scelte di Chiara, sono sempre al confine di ciò che leggerei, ma devo dire che grazie a questo blog il confine si allarga :)

    RispondiElimina
  8. ciao Chiaretta
    grazie per esserti unita!
    penso che prenderò spunti dalle tue recensioni..io ahimè leggo solo atti e codici (!).
    questo libro l'ho visto in alcune librerie ed ero davv curiosa!
    vaty

    RispondiElimina
  9. @Loredana: wowww la tua bella adolescente non ha dubbi sui suoi desideri.. niente più libri? ;-) Scherzo, questo romanzo secondo me è splendido, potrebbe piacerle! Direi "mai più a mano"! Sai che fatica? bacissimi

    @Giorgia: grazie, mi fa piacere!

    @Vaty: Ciao Vaty, benvenuta nel mio blog! Oddio nooo solo atti e codici? Susu, allarga le tue vedute!

    RispondiElimina
  10. Cavoli, 500 pagine.. mi piacerebbe leggere dell'India, non ne so nulla, e se questo romanzo è così affascinante e avventuroso.. e me lo segno, e quanti ne ho segnati? non vedo l'ora che sia il 15 dicembre, vacanze di natale, e di potermi dedicare a uno, dieci, centomila libri in italiano!
    Esagerata..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì cara, ma scorrono che è un piacere!
      Quant'è lunga questa lista? ;-) Hai bisogno di vacanze eh? Dai che il 15 è arrivato!! bacioniii

      Elimina
  11. Ciao! bellissime le tue recensioni, amo leggere... ti seguirò! Luisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luisa, benvenuta nel mio blog! Sono contenta che ti piaccia! A presto!

      Elimina

Abbuffiamoci di parole!!!