martedì 30 aprile 2013

Dimmi che ti dispiace


Buooongiornooo come andiamo ragazzi?
State facendo tutti ponte eh? Io venerdì scorso ho lavorato, ma ho preso due giorni di ferie il 2 e il 3 maggio e con mio marito stavamo pensando di andare un po’ al mare, cosa ci consigliate? La Sicilia? Eeeehm sì, ancora non abbiamo prenotato, ci piace proprio organizzare le cose all’ultimo momento :P

Bene, oggi vorrei parlarvi di un’autrice che già conoscete e che io ho avuto modo di apprezzare in passato, Dawn French, autrice di “La meraviglia delle piccole cose”, romanzo controverso, con opinioni discordanti, ma che in generale mi sembra di capire che sia piaciuto più o meno a tutti.
Il 28 marzo è uscito in Italia, sempre per Leggere Editore, il suo ultimo romanzo, “Dimmi che ti dispiace” (Titolo originale - sempre più azzeccato dei nostri - “Oh Dear Silvia”).


Nella stanza numero 5 del reparto di terapia intensiva, giace Silvia Shute, in coma a causa di una brutta caduta da un balcone. 
Durante tutto il romanzo le fanno visita i familiari, l’ex marito, la sorella un po’ eccentrica, la figlia, la sua migliore amica e anche la donna delle pulizie.
Nel frattempo, l’efficiente infermiera Winnie si prende amorevolmente cura della paziente, con dolcezza ed esperienza.
Tutti le parlano, cercano di starle vicino in ogni modo, e da quello che dicono e raccontano il lettore viene a sapere cosa c’è dietro quella caduta - rivelazione sconvolgente -, ognuno scava a fondo nel proprio animo, nei propri sentimenti, e scopriamo che tutti hanno dei conti in sospeso con Silvia. Una donna forte, egoista, che ha abbandonato i figli, costringendo il maschio di casa ad arruolarsi nei marines per sfogare la rabbia; la figlia è arrabbiata con lei perché l’ha abbandonata quando ha saputo che era incinta, nonostante fosse piccola e avesse un disperato bisogno della mamma.
Anche l’ex marito è amareggiato, l’ha amata, ha messo tutto se stesso nel loro matrimonio, ma a quanto pare non è stato sufficiente. Ed è un uomo buono, onesto e dall’animo sincero, ha sofferto molto, ma saprà trovare la sua strada ed essere di nuovo felice.
E poi c’è la misteriosa e arrogante Cat, la sua migliore amica, ambigua così come ambigua è la loro relazione. Cat è aggressiva e possessiva, senza la sua amica si sente perduta e infatti perderà la testa.
C’è un segreto che aleggia in quella stanza, un segreto terribile che il lettore sospetta e che verrà presto alla luce.
E’ un romanzo intrigante, commovente e anche - nonostante la situazione - esilarante, condito anche da un po’ di mistero.
Devo dire la verità, quando ho capito la situazione e cioè che la storia si sarebbe svolta tutta all’interno della stanza d’ospedale ero indecisa se andare avanti: insomma, un romanzo claustrofobico e sicuramente noioso - ho pensato io - e invece no, mi son dovuta ricredere e sono felice di aver proseguito nella lettura, non me ne sono pentita, anzi, non riuscivo più a smettere di leggere.
Le scene di Jo, la sorella eccentrica di Silvia, sono divertentissime, perché cerca in tutti i modi possibili e immaginabili di svegliare la sorella: con la terapia degli animali ad esempio, oppure degli angeli o con la musica. Le infermiere sono sempre in allerta quando c’è Jo nei paraggi, perché ne combina di tutti i colori.
La donna delle pulizie, Tia, è fortissima: nonostante la situazione continua ad andare a fare le pulizie a casa della signora Shute e quando la va a trovare in ospedale le tiene compagnia leggendole i giornali di gossip: "Ah, questa è grossa! ‘Jordan compra casa a LA per undici milioni!’ Wooo! Lei dare bel calcio in faccia a Peter Andre! Ma con chi vivere figli? Nessuno dire questo. Perché? Loro tutti pigri leccapassere. Prossima grande notizia è: ‘Ho sposato il mio stalker di centosettanta chili’. Eh eh! Guardalo, signora Shit! Come fare a essere stalker? Come fare a seguire qualcuno? Impossibile nascondersi in cespuglio, lei vede in un attimo! E perché lei sposa? Meglio solo uscire, bere qualcosa, parlare, andare a film. No sposare. Cazzone."

Le scene con l’ex marito invece sono quelle un pochino più noiose ma funzionali alla trama, grazie alle sue chiacchiere scopriamo la storia del loro matrimonio.
Insomma, un libro consigliatissimo, che fa riflettere sui veri valori della vita, l’amore, la famiglia e l’onestà. Un romanzo ben scritto, una storia originale e coinvolgente che vi farà ridere e commuovere!

Auguro a tutti un bel 1° maggio!! Vi abbraccio forte e mi raccomando, non perdete l'appuntamento con la rubrica “The Most Beautiful Sentencelunedì 6 maggio!

"Se ne sta lì seduto con la sensazione di essere osservato, nonostante sia lui l’osservatore. Gli altri sono usciti, anche se solo per qualche istante, lasciandolo improvvisamente – spaventosamente – solo con lei. È strano non sentire voci, lì. Nessun suono, se non il respiro di due esseri umani. Ed è in quel momento che, per la prima volta da moltissimo tempo, si rende conto di sentirsi irrefutabilmente più vivo di lei. Lei, che non manca mai di fare in modo che tu sappia quanto sia piena di vita. Così ingombrante, così rumorosa."

COLLANA
NARRATIVA
ANNO
2013
PAGINE
304
PREZZO
€ 14,00
ISBN
978-88-6508-304-8
TRADUTTORE
Laura Liucci

10 commenti:

  1. aahahah Sei sempre la solita cominci a guardare i posti un mese prima e poi non decidi fino all'ultimo istante! Ma sai che ti dico FAI BENE chissene andrai dove ti porterà la macchina ^_^ ajajaj!
    Passando al libro questa autrice non mi entusiasma.
    infatti, il suo primo libro mi è piaciuto solamente in parte, non so se è il suo modo di scrivere o la descrizione degli eventi che non mi attira BO Vai a saperlo! Comunque ti auguro un buon lungo ponte e ci vediamo Lunedì Smack ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah :"> eeehm che faccio sempre così? ahahah ma sììì ma che c'importa :P
      Sì, mi ricordo che non ti aveva entusiasmato il suo primo libro, ma questo è diverso, credimi, profondo e molto molto bello.
      Bacissimiii ♥

      Elimina
  2. niente ponte, dalle mie parti non so come sia possibile ma il venerdì e il giorno prima della festa si scatenano tutti con mille cose da fare e mille problemi da risolvere
    qualche giorno al mare sarebbe bellissimo!!!! la Sicilia assolutamente si!!! troppo bella e in questo periodo la immagino con un clima perfetto e non troppo caotica, anche la riviera marchigiana non è male ;)
    anche io decido sempre all'ultimo minuto, mi mette ansia sapere troppo tempo prima cosa devo fare, magari cambio idea o capita qlc imprevisto e così sempre all'ultimo :)
    e che dire del libro, mi hai fatto ritornare in mente quel reparto in ospedale e mio fratello che dormiva senza riuscire a sentirmi...poi si è svegliato e sai una cosa erano proprio questi i giorni in cui era lì in quel letto
    ti abbraccio forteeeee!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. acciderbolina Mi dispiace che si siano svegliati tutti adesso :-/
      In realtà è il mio capo che mi ha costretto a prendere le ferie, ne ho troppe arretrate!
      Amo la Sicilia, ma era troppo lontana. Devo dire che anche il Cilento merita veramente, tanto verde, acqua meravigliosa e cibo squisito ^_^
      Figurati che mentre mio marito guidava (il 1° maggio) io cercavo un albergo su internet :P
      Mi dispiace leggere di tuo fratello, dev'essere stata davvero dura, anch'io ho un fratello che amo e posso solo immaginare la sofferenza che hai provato.
      L'importante è che si sia svegliato :-)
      Un abbraccioneeeee

      Elimina
    2. si l'importante è quello :-) grazieeeee Chiaretta sei un tesoro!!!!
      si la sicilia un pò lontana, e il cilento è una terra meravigliosa poco presa in considerazione, per cui hai fatto un'ottima scelta!!
      un abbraccio!!!

      Elimina
    3. Figurati, grazie a te per aver condiviso con noi un momento così duro della tua vita...
      E' vero, il Cilento così come la Basilicata passano un po' inosservate ma hanno tanto da offrire!

      Elimina
  3. Brava, hai messo la traduttrice :) bella la tabella finale, con l'isbn per chi lo vuol comprare, così si fa copia e incolla e via. Io ho preso La meraviglia delle piccole cose da regalare, con la promessa che mi sarebbe stato prestato dopo, ma visto che ora sono qui, il prestito è fermo (la lettura non saprei). Metto in lista anche questo, così poi li leggo assieme..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eeee il copia-incolla ahahah
      Se lo leggerai fammi sapere cosa ne pensi, son curiosa!
      PS: ma quant'è lunga 'sta lista? :P
      bacioni

      Elimina
  4. Magari impiegherò due anni ad acquistarlo e leggerlo, ma prima o poi accadrà come con il romanzo che precede questo ;)
    Allora vacanze in Sicilia?...io credo che mi sposterò in Emilia! ;)

    Porcaccia, sto leggendo come una forsennata, ma non ho neanche una bella frase...vado a scartabellare il libro che sto finendo, magari trovo qualcosa!

    Buon riposo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah non è mai troppo tardi per un libro cara ahahah
      Come leggerai niente Sicilia, troppo lontana! Mi sono rilassata taaanto tanto, ma tornare è veramente brutto :'(
      Spero che anche tu sia stata bene, un bacione grande e aspetto la tua frase, susu!

      Elimina

Abbuffiamoci di parole!!!