martedì 18 giugno 2013

I CLASSICI: Il grande Gatsby

Buongiorno a tutti miei cari lettori, come state?
Il caldo è arrivato e la gente sta già uscendo fuori di testa tra litigi e male parole scambiate sui mezzi, se cominciamo così non so cosa potrebbe succedere ad agosto! @.@
Ma veniamo a noi, che è meglio!!
Oggi vorrei parlarvi di un grande classico, scritto da Francis Scott Fitzgerald e pubblicato nel 1925, "Il Grande Gatsby"; titolo originale “The Great Gatsby” (per fortuna stavolta la traduzione italiana è fedele all'originale!).


Nick Carraway si trasferisce a West Egg, lontano dalla città dove lavora, New York. Il suo vicino è il misterioso Jay Gatsby che abita, a differenza di Nick, in una enorme e splendida villa, spesso illuminata e piena di gente e di musica. Le feste di Gatsby sono famose e a una di queste viene invitato anche Nick ed è qui che conosce il padrone di casa.
Diventano amici, ma Gatsby ha anche un secondo fine, rivedere Daisy, cugina di Nick, che solitamente trascorre le vacanze insieme al marito, Tom, a East Egg.
Con un espediente Nick invita la cugina a casa sua dove si fa trovare anche Gatsby. I due si rivedono dopo cinque anni, lui non ha mai smesso di amarla e nemmeno lei l'ha dimenticato. 
Nel frattempo seguiamo anche la storia piuttosto platonica tra Nick e un'amica di Daisy, Jordan, nonché il tradimento da parte del marito di Daisy con la moglie di un meccanico, Wilson, la quale morirà in un incidente stradale.
Wilson, spinto da Tom, crede che a ucciderla sia stato Gatsby con la sua auto gialla, ma alla guida c'era invece Daisy. Sconvolto dal dolore si reca a casa di Jay e lo uccide, poi si suicida.
La trama è abbastanza complessa, nonostante la brevità del romanzo. Non l'avevo mai letto, ma tornato alla ribalta con il film di Di Caprio e spinta anche dal prezzo vantaggiosissimo del libro, l'ho acquistato e letto tutto d'un fiato.

Mi è piaciuto molto, il personaggio di Gatsby mi ha scossa nel profondo, è un eroe tragico e romantico, rimasto fedele fino alla fine al suo sogno, un sogno di nome Daisy. Daisy in realtà è una ragazza frivola e superficiale, ma Gatsby spera fino alla fine che lei lasci il marito per stare con lui e coronare così la loro storia d'amore.
Il tratto distintivo del personaggio principale, fin dalla sua apparizione, è la sua solitudine. Nonostante si circondi di tanta gente durante le sue feste lui non si fa mai vedere, stringe amicizia con Nick, ma anche quando è insieme a lui la sua emarginazione, il suo isolamento sono palpabili, fino alla fine, fino al giorno della sua morte. Nick si dispera alla ricerca di qualcuno che venga al suo funerale, ma presenzieranno soltanto il padre e un tizio che andava sempre alle sue feste e puntualmente si ubriacava.
Il titolo del libro fa riflettere, aleggia intorno al personaggio di Gatsby un alone di mistero e di potenza, potere che deriva dai soldi, dalla sua fama di contrabbandiere e di "assassino", ma in fondo è una persona fragile e romantica, alla perenne ricerca del suo amore perduto.

Prima di parlarvi del libro ho voluto vedere il film del '74 con Robert Redford e Mia Farrow. Ero curiosa di vedere come fosse stato rappresentato il personaggio del Grande Gatsby, ma nonostante ammiri Redford il film mi ha parecchio delusa.


Ho letto in seguito che nella trasposizione italiana sono stati tagliati alcuni pezzi, Dio solo sa il perché, ma questi tagli si vedono e la trama ne risente. La solitudine di Gatsby non è tangibile, né si intravede il legame particolare che lega Nick e Jay, insomma, deludente. Avrei voluto vedere il film con Di Caprio, ma non ci son riuscita. Ho letto diverse recensioni e a parte lodare la bravura di Leonardo, anche questa trasposizione sembra non sia stata apprezzata.
Forse la grandezza di Gatsby e di Fitzgerald risiede proprio nel fatto che nessuno riesce a rappresentarli sullo schermo.
Voi cosa ne pensate? Avete letto il libro o visto uno dei film? ^_^

"E mentre meditavo sull'antico mondo sconosciuto, pensai allo stupore di Gatsby la prima volta che individuò la luce verde all'estremità del molo di Daisy. Aveva fatto molta strada per giungere a questo prato azzurro e il suo sogno doveva essergli sembrato così vicino da non poter più sfuggire. Non sapeva che il sogno era già alle sue spalle, in quella vasta oscurità dietro la città dove i campi oscuri della repubblica si stendevano nella notte. Gatsby credeva nella luce verde, il futuro orgastico che anno per anno indietreggia davanti a noi. C'è sfuggito allora, ma non importa: domani andremo più in fretta, allungheremo di più le braccia ... e una bella mattina... "

24 commenti:

  1. Il libro è piaciuto tantissimo, ma, secondo me, è difficile riuscire ad interpretare un ruolo come quello di Gatsby, perchè lo scrittore è riuscito, in pochissime parole, a descrivere magistralmente la solitudine e l'ambizione di un giovane povero che si fa da sè solo per amore della donna che ama e che ha idealizzato a tal punto da perdere il contatto con la realtà!
    Per quel che riguarda il film, io salverei solo Radford e Waterston (Nick Carraway)perchè, presi singolarmente, vestivano i panni dei protagonisti perfettamente, ma in coppia un disastro.
    Mia Farrow la boccio su tutta la linea non mi è piaciuta per niente.
    La Costumista, poi, BOCCIATA, BOCCIATA, BOCCIATA gli abiti erano più anni 70 che anni 20!!!
    P.S. Sorry per il papiè ;) :* smack

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il libro mi è x_x ho saltato mi :">

      Elimina
    2. Sì hai ragione, è un ruolo complicato, ma quanti ce ne sono stati nella storia del cinema? Il tutto parte dagli sceneggiatori che probabilmente non riescono a rendere l'idea del personaggio e della storia.
      Lasciamo poi perdere la questione costumi nel film del '74, pantaloni a zampa di elefante e cappelli a tesa larga, horror O_O
      baciii

      Elimina
  2. ciao Chiaretta!
    sai che ho comprato il libro qlc settmana fa! e proprio qst edizione, così economica era un pò che non ne vedevo!! non amo vedere i film prima di aver letto il libro e così tra i libri da leggere ora ho anche qst, prima il profumo del pane alla lavanda o prima qst?! grazie per i tuoi suggerimenti preziosi e le bellissime recensioni
    baciiii

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao carissima!
      Ma dai, anche tu hai trovato questa edizione economica eh? Beh, non potevamo perdercela!
      A me solitamente le trasposizioni cinematografiche dei libri non piacciono, quindi o leggo il libro o vedo il film, stavolta ho voluto provare tutt'e due le cose, ma non è andata bene :-/
      Beh sono davvero contenta che i miei consigli ti siano d'aiuto! Questo romanzo è piuttosto breve, ma anche l'altro si legge tutto d'un fiato, dipende comunque tutto dal tuo stato d'animo!!
      bacioni

      Elimina
  3. Io lo lessi anni fa.. senza capirlo.. forse non ero pronta per i classici. Volevo rileggerlo ora che è uscito quest'altro film, ma ce l'ho in Italia. La storia come la racconti tu non la ricordavo affatto, direi che devo rileggerlo. Siccome le trasposizioni non mi piacciono molto, sul film ero indecisa e ancora lo sono, ma non vederlo non mi sembra grave come non ricordare di cosa parla il libro!
    Buona settimana :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh dai, direi che ora sei prontissima a buttarti sui classici, ma probabilmente non ti piacerà comunque, chi lo sa! Però eccooo la trama è quella che ho raccontato, anche se in maniera concisa.. non è che ti confondi con qualche altro libro?? :P
      Buona settimana a te!

      Elimina
  4. ciao! sono andata ieri sera a vedere il film al cinema e devo dire che mi è piaciuto moltissimo! i personaggi, i costumi, le luci, la colonna sonora, l' ho trovato semplicemente perfetto. il libro invece l' ho comprato un paio di settimane fa sempre dalla newton e l' ho iniziato ieri sera
    la cosa che mi è piaciuta di più è che sono riuscita a far vedere il film anche alla mia famiglia (interamente allergica ai classici) ed è piaciuto moltissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Davvero ti è piaciuto? Mi risolleva un po' il tuo commento perché amo Di Caprio e Baz Luhrmann e quando uscirà in dvd voglio vederlo!
      Wowww sei riuscita a riunire la famiglia e il film è pure piaciuto, complimenti!! :D

      Elimina
  5. Io ho letto il libro e devo ancora vedere entrambi i film, devo dire che il libro io l'ho letteralmemte amato! Il personaggio di Gastby é descritto magistralmente, tanto che sembra di averlo di davanti agli occhi e di sentire nell'anima tutta la sua sofferenza, la sua ingenuità, e tutto il rammarico quando dice: lei è sempre appartenuta a tutto questo, come a voler giustificare il mondo frivolo e fatto di nulla della sua amatissima Daisy.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero? Si percepiscono la sua solitudine, la sua sofferenza e la sua speranza!
      Bellissima la frase che hai citato! *__*
      bacioni

      Elimina
  6. l'ho letto molto tempo fa, è uno di uei romanzi che vorrei rileggere.
    concordo sul film con Redford, tecnicamente bellissimo ma di una noia insopportabile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'hai visto il film con Redford? Mah direi che è stato montato male, i costumi - nonostante abbiano vinto l'Oscar - a mio modestissimo parere erano pessimi e la storia ne ha risentito!

      Elimina
  7. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  8. è bello poter confrontare i libri con i film, partendo sempre dal libro al film, ma anche viceversa, a volte, non guasta ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è vero, anche se spesso - anzi, quasi sempre - rimango delusa dal film tratto dal libro :P
      bacioniii

      Elimina
  9. Né ho letto il libro né ho visto il film, però per quello che dici non mi accingo a correre verso il cinema...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, il film con Di Caprio non l'ho visto, ho soltanto letto varie recensioni, quindi non so darti un'opinione personale, però potresti leggere il libro, ti piacerebbe!!
      baciii

      Elimina
  10. Ho visto il film di Baz Luhrmann e l'ho trovato splendido. Però non mi è venuta la fregola di leggere il libro. Mi è solo venuta una gran voglia di rivedere Romeo+Julietta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti è piaciuto? Wowww un'altra opinione positiva! Dovrò proprio vederlo!!
      Oddio non farmi pensare a "Romeo+Giulietta" *___* ADOROOOOOO

      Elimina
  11. Ultimamente (con un bimbo di 9 mesi) la sera è dura aprire un libro ma anche solo due righe leggo la sera: è come dedicare un attimo della giornata solo a me stessa! La tua recensione mi ha insuriosita e poi visto il prezzooooooo ... quasi quasi :) vado a comprarlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Solitamente, benvenuta nel mio blog!
      Posso immaginare che non sia facile trovare tempo per te stessa, ma fai bene a concederti qualche minuto la sera.. anche se io non ce la faccio, mi viene sonno se mi metto a leggere a letto :P
      Il prezzo è ottimo!! Fammi sapere cosa ne pensi se lo leggi!
      Ciaooo

      Elimina
  12. ciao
    complimenti per il blog molto bello.
    Ho letto questo libro e anche perchè molto breve l'ho letto parecchio in fretta, il personaggio di Gasby è ricco di sfaccettature e l'autore è riuscito a dare il meglio di se in questo romanzo.
    Ho visto il film vecchio con Redford ma non mi è piaciuto molto e adesso sono curiosa di vederlo con Di Caprio anche se penso come dite voi che sia parecchio difficile interpretare un ruolo del genere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Leonie, benvenuta nel mio blog e grazie mille per i complimenti!
      Anche a me è piaciuto tanto il libro, ma il film con Redford proprio no.
      A me piace tanto Di Caprio, quindi son curiosa di vedere il suo Gatsby, chissà! E' vero comunque, quello di Gatsby è un ruolo molto difficile da interpretare!
      Ciao, a presto

      Elimina

Abbuffiamoci di parole!!!