venerdì 28 giugno 2013

Tregua nell’ambra

Buondì cari lettori, tutto bene?
Com’è il meteo dalle vostre parti? Qui a Roma l’aria si è rinfrescata parecchio e di questo siamo grati, ma chissà quanto durerà.. intanto ci godiamo l’aria frizzantina della mattina e dormiamo sonni tranquilli, senza agitarci e alzarci ogni cinque minuti per bere l’acqua! ^_^
Oggi vorrei parlarvi di un libro di un’autrice quasi esordiente, Ilaria Goffredo, di cui avevo già recensito un romanzo in passato, “Il cavaliere d’Africa”.
Ilaria ha voluto dare vita a una sorta di protesta editoriale contro le case editrici medio-grandi. Il suo nuovo romanzo, “Tregua nell’ambra”, è arrivato finalista al concorso nazionale ilmioesordio, edizione 2012, ma nonostante questo successo nessuna casa editrice si è fatta avanti.


Così Ilaria ha deciso di mettere a disposizione il suo libro per il download gratuito ed è riuscita in questo modo a raggiungere circa 8.000 lettori.
Di cosa parla “Tregua nell’ambra”?
Siamo nel gennaio 1943, a Martina Franca, in Puglia. L’Italia è in guerra da tre anni e la popolazione sta soffrendo sempre di più la fame. Protagonista è la diciottenne Elisa, anche lei vive una vita di stenti insieme al padre e al fratello.
Un giorno conosce un ragazzo bellissimo, Alec, dagli occhi di ambra. E’ il figlio di una sua cara amica che le fa un po’ da mamma. Intorno ad Alec aleggia un alone di mistero, ha un accento strano e dice di vivere e lavorare al Nord. Tra lui ed Elisa sboccia subito l’amore, ma il ragazzo dovrà presto andare via.
Ilaria ci racconta, grazie ai suoi studi approfonditi e le testimonianze di persone anziane, delle attività fasciste e antifasciste e dei campi di concentramento. Una storia di guerra e di amore.
Il romanzo mi è piaciuto soprattutto nella parte iniziale, dove Ilaria racconta la vita della povera Elisa, della sua famiglia e dei loro amici. Il lettore assapora la disperazione dei protagonisti, disperazione dovuta alla fame, alla ricerca di un momento di felicità, di tregua, tregua che per Elisa arriva insieme all’arrivo del misterioso Alec e da qui purtroppo il libro diventa un romanzo d’amore. Mi è sembrato di tornare ai tempi de “Il cavaliere d’Africa”.
Stesse frasi, più o meno stessa differenza di età dei protagonisti, stesse identiche dichiarazioni d’amore ripetute all’infinito, un infinito che dopo un po’ stanca.
A un certo punto Elisa, per ritrovare il fratello, viene catturata e portata in un campo di concentramento. Per fortuna riesce a salvarsi da una morte certa, grazie al suo cavaliere che in maniera piuttosto semplice riesce a portarla via dal campo e sembra che lei si riprenda quasi subito dalle umiliazioni subite, mentre poi più avanti nel libro sembra ricordarsi di aver sofferto le pene dell’inferno che elenca al suo salvatore.
Verso la fine del libro poi l’autrice si concentra sul racconto della vita nel castello Svevo di Bari, adibito a caserma per le truppe inglesi e americane, dove Alec porta in salvo Elisa. Alec deve poi ripartire per una missione e lascia l’amata nelle mani di un suo collega, che naturalmente si innamora di lei. Ecco, questa parte l’ho trovata noiosa e ripetitiva e devo dire che il fatto che tutti gli uomini si innamorino di Elisa non ha aiutato.
Insomma, la parte storica mi è piaciuta davvero tanto e avrei voluto che il romanzo continuasse così, non dico che non doveva esserci una storia d’amore, ci poteva stare, ma raccontata in maniera diversa, perché alla fine sembrava - mi dispiace davvero dirlo, ma è la sensazione che ho avuto - un romanzo Harmony.

Per chi fosse interessato al libro visitate il sito dell’autrice per tutte le info: http://treguanellambra.blogspot.it/

Auguro a tutti un meraviglioso weekend! ^_^

5 commenti:

  1. Mi piace questa recensione, sicuramente sarà interessante l'idea di questo romanzo, la ricerca storica che ne è alla base, anche se le storie d'amore non sono proprio le mie preferite.

    Buon we a te, Chiaretta, anche qui è decisamente fresco, anche troppo, per fortuna che sono costretta a stare in casa, così non mi viene la voglia di mare.

    Da domani lascio una stampella...con una mano libera chissà cosa riuscirò a combinare!!! ;)

    RispondiElimina
  2. Purtroppo è così, quando si vuole dare troppa enfasi all'amore poi, inevitabilmente, si finisce per scadere nella "banalità" e tutto il lavoro di ricerca viene vanificato...
    Buon WE TESORINA! cià ♥

    RispondiElimina
  3. Io sono fra quelli che l'hanno scaricato dal sito dell'autrice, ma ancora non l'ho letto. Fortuna che la parte storica ti sembra buona, altrimenti avrei sprecato volume di dati scaricabile per nulla (no, mica è tutto gratis, si paga in qualche modo anche per il download gratuito se non si ha una connessione infinita..)
    Buon fine settimana ChiarettA, io spero da lunedì di riprenderti da questa ultima settimana da urlo :)

    RispondiElimina
  4. ottima recensione, avevo sentito parlare di questo libro e mi sembra parecchio interessante

    RispondiElimina
  5. Un'ottima recensione, come sempre. Sono un po' stufa di tanti romanzi sulla guerra mondiale, però è vero che dalle mie parti non arrivano molti libri ambientati nell'Italia della seconda guerra mondiale e questa potrebbe essere un'occasione di prendere l'argomento da un altro punto di vista. Grazie, cara!

    RispondiElimina

Abbuffiamoci di parole!!!