martedì 15 ottobre 2013

Fermate gli sposi!!!

Buooongiorno a tutti miei cari, come state?
Io abbastanza bene, a parte i muscoli doloranti dalla testa ai piedi :-/ Il tennis è uno sport faticosissimo, lo sapevate?? Ho dovuto iniziare a prendere il guaranà e a mangiare carboidrati quando ho lezione (solitamente durante la settimana li evito!) e finalmente ho trovato un po’ di energia, altrimenti non riuscirei a sostenere l’allenamento. Devo dire che il problema è che fino alla settimana scorsa facevo tutto di fretta perché uscivo tardi dal lavoro, devo prendere due metro e quindi arrivavamo pelo pelo, ci cambiavamo di corsa e via ad allenarsi! Che dopo che ti sei svegliata alle 6 di mattina non è il massimo! Adesso però le cose sono cambiate, dopo 6 anni di lavoro in questo studio i capi hanno acconsentito - su nostra richiesta - di ridurre la pausa pranzo (la mia era di due ore e mezza!) a me e alla mia collega, così usciamo un po’ prima! Un grande traguardo!

Bene, e ora veniamo al nuovo libro della Kinsella: “Fermate gli sposi”.


La trama è la seguente: Lottie è convinta che Richard abbia organizzato un pranzo speciale perché le chiederà di sposarla, ma naturalmente non va così e i due addirittura si lasciano.
Fliss, la sorella di Lottie, è terribilmente preoccupata perché ogni volta che Lottie si lascia commette qualche enorme sciocchezza, come aderire a una setta o farsi un tatuaggio, ma stavolta le cose vanno al di là di ogni fervida immaginazione: Lottie sposa un suo ex, Ben, conosciuto quindici anni prima su Ikonos, un’isola greca che per entrambi ha significato molto. Fliss farà di tutto per evitare che i due consumino il loro matrimonio e vola a Ikonos dove i due si sono recati per il viaggio di nozze insieme a Lorcan, il migliore amico di Ben che lo insegue per motivi di lavoro; perfino Richard si imbarcherà sul volo per la Grecia per tentare di riconquistare Lottie, ma non sarà facile per nessuno di loro mettere a punto il proprio piano.
Il romanzo, a differenza dei precedenti, è strutturato in maniera diversa: ogni capitolo è scritto in prima persona, ma in uno abbiamo il punto di vista di Lottie, mentre in un altro possiamo leggere invece il punto di vista di Fliss e questo espediente narrativo mi è piaciuto molto. Ma, sì stavolta c’è un ma, la storia non mi ha preso più di tanto e - ahimè - non ho riso tanto quanto faccio solitamente con i romanzi della Kinsella.
Chi mi conosce ormai sa che adoro questa scrittrice e che non mi delude mai. Ogni volta che leggo le sue storie esilaranti piango dalle risate e alcune volte capita che sono in mezzo alla gente quando scoppio a ridere :”> 
Chi l’ha letto prima di me mi ha assicurato che mi sarebbe piaciuto molto e che avrei riso tanto, ma non è successo e sì, sono un po’ delusa. Le parti riguardanti Lottie le ho trovate noiose e ripetitive: si trattava solo di scoprire come e perché lei e il marito non riuscivano a fare sesso ed entrambi si sentivano frustrati per questo, perché era da quando si sono rivisti che non vedevano l’ora di farlo! Per carità! 
Ho trovato le parti di Fliss più interessanti e divertenti, con i suoi disperati tentativi di fermare la sorella, il suo rapporto conflittuale con l’ex marito e la sua relazione controversa con Lorcan. Anche il figlio di Fliss, Noah, è molto dolce e strappa qualche sorriso, soprattutto perché gli adulti trovano modi sempre nuovi e divertenti per tradurre “fare sesso”, visto che lui è ancora molto piccolo.
Il finale è più che scontato in tutto e per tutto: sia chiaro, amo gli happy ending, ma qui ho trovato il tutto troppo smielato e facilone.
E’ un romanzo tuttavia scorrevole e spensierato se si vuole passare qualche ora piacevole è il libro giusto.
So che molti mi troveranno ipercritica nei confronti di questo libro, ma può succedere che i nostri autori preferiti a volte ci deludano e stavolta è successo a me. Continuerò a comprare i libri della mitica Sophie, sperando che torni a farmi ridere e a sognare!

Auguro a tutti una buona settimana! ^_^

“No, io non sono ossessionata. E no, non l’hanno fatto.” Il suo umore migliora all’istante. 
“Fatto che cosa?” domanda Noah.
“Messo la salsiccia nella pagnotta” risponde Lorcan, finendo il caffè. 
“Lorcan!” ribatto seccamente. “Non dire certe cose!”
Noah scoppia a ridere. “La salsiccia nella pagnotta!”
Meraviglioso. Fulmino Lorcan con lo sguardo, che mi fissa impassibile. E comunque “la pagnotta”... mi giunge proprio nuova.

16 commenti:

  1. Non sei la prima che non ha particolarmente apprezzato questo libro, peccato! Io ho riso tanto.. forse sarà perchè prima avevo letto un libro davvero pesante e triste, e avevo bisogno di svagarmi un po'

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Daiii pensavo di essere l'unica sai? Non so che dirti, ma appena ho iniziato a leggerlo ho sentito che c'era qualcosa di diverso in questo romanzo, non so... mi è sembrato che fosse un po' sottotono rispetto agli altri. Comunque resta sempre un ottimo svago ;-)

      Elimina
  2. A me sinceramente è piaciuto, ho trovato, come te, più interessante la parte di Fliss, ma non ho trovato così felicione il finale. Anche se non è il più divertente libro della Kinsella che abbia mai letto l'ho trovato davvero carino e divertente.
    A big Kiss e godiamoci il nostro meritatissimo orario "ridotto"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, sicuramente un libro carino, ma non mi è sembrato al livello dei precedenti! Pensa che alcune parti le ho trovate noiose, e non voglio dirlo a voce alta perché mi sembra di offendere la mia amata Sophie, anche perché non mi era mai successo prima e li ho letti tutti :">

      PS: Evviva noiiiiiiiii smackkk

      Elimina
  3. Io non sono per niente d'accordo con la tua recensione, trovo che invece la Kinsella come al solito sia riuscita a rendere esattamente quello che voleva rendere, e cioè il personaggio di Lottie insicuro fragile e avventato, che sembra in contrasto con la sorella forte e sicura di se che invece rivela tutta la sua fragilità, un libro scritto divinamente e con un finale decisamente azzeccato! D'altronde i finali della Kinsella sono così! Sorry per la franchezza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma Bisogna essere franchi nei commenti, così come lo sono io nelle recensioni ;-)
      Però sinceramente non l'ho trovato al livello dei precedenti, ho notato una scrittura "stanca" e ripetitiva. Comunque è bello confrontarsi con chi l'ha letto e discutere dei propri dubbi e delle proprie opinioni! Baciii

      Elimina
  4. Io ho riso tantissimo, certe volte stavo per rotolare giù dalla sedia ahaha xD Peccato non ti sia piaciuto al 100% :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vanessa, è un piacere averti qui! Quello che è capitato a te con questo romanzo a me è capitato con gli altri libri della scrittrice, mi è successo di sbellicarmi dalle risate perfino sul treno o sulla metro :">

      Elimina
  5. Ciao Chiara! :)
    Peccato che ti abbia un po' deluso: la trama sembrava carina! Non conosco questa autrice, ma di certo non comincerò da questo libro.
    A rileggerti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara!
      Sì, purtroppo son rimasta davvero delusa stavolta, ma può capitare, son sicura che il prossimo mi piacerà! ^_^
      A presto

      Elimina
  6. Ciao, io l'altro giorno lo guardavo da lontano in libreria e alla fine non l'ho comprato... In tante persone lo hanno descritto come un libro scontato, e anche tu lo hai confermato... Non so se lo comprerò, boh! Un abbraccio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ila!
      Come dicevo a Monica, pensavo di essere l'unica a non aver particolarmente apprezzato questo romanzo, invece sembra di no. Se decidessi di comprarlo e leggerlo fammi sapere cosa ne pensi, mi raccomando!
      Un bacione, a presto ^_^

      Elimina
  7. finalmente riesco a passare :)
    sto trascurando molto la lettura dei blog amici ma ci sono periodi che in cui non riesco proprio a sedermi al pc...
    mi fa piacere che tu e Marianna avete finalmente l'orario ridotto
    ma come farà Troll?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laura, è un piacere ritrovarti qui ^_^ Avevo letto che eri super impegnata, non preoccuparti!
      Finalmente dopo quasi 6 anni abbiamo ottenuto qualcosa e Troll... beh, se n'è "quasi" fatto una ragione ;-)
      ti abbraccio forte

      Elimina
  8. E meno male, una pausa pranzo di due ore e mezza non l'avevo mai sentita! :)
    Chiaretta, ma devi mangiare, i muscoli hanno bisogno di energia :D
    Resisti è tutto ad iniziare, poi vedrai che non riuscirai più a fare a meno dell'esercizio fisico, anzi divetìnterà una specie di droga!

    Continuo a dire che devo leggere la Kinsella, ma ancora non mi decido.

    ps Ho risposto al sondaggio!

    baci cara e buon we, in anticipo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara!
      Infatti tutti quelli a cui raccontavo della pausa pranzo di due ore e mezza rimanevano a bocca aperta!
      Eeeehm lo so che devo mangiare, ma ormai ero abituata a toccare la pasta solo il fine settimana! (Non che mi dispiaccia riniziare a mangiarla gli altri giorni eh :P)
      Io ho sempre amato lo sport, ma da quando ho iniziato a lavorare ne ho fatto a meno.. ai tempi dell'università andavo in palestra 5 giorni a settimana ^_^'

      Non so se la Kinsella potrebbe piacerti, ma sicuramente è un'ottima lettura per distrarti!

      Grazie per aver risposto al sondaggio, finora la situazione è di parità su 3 risposte aiut @.@

      Un bacione, grazie e buon weekend anche a te in anticipo!

      Elimina

Abbuffiamoci di parole!!!