lunedì 13 gennaio 2014

The Most Beautiful Sentence

Buongiorno a tutti e buon lunedì! Come state?
Oggi a Roma fa taaanto taaanto freddo brrr quest'anno il tempo è davvero strano, non trovate? Giorni piovosi, caldi, sole, freddo, non si capisce più nulla! In ufficio da me stanno tutti male :-/ io ho avuto un po' di raffreddore, ma niente di che, anche se sto ancora combattendo con il colon, uff, non ne esco viva! Dovrò fare qualche analisi, vi terrò aggiornati, probabilmente si tratta di qualche allergia alimentare.
Beh, come promesso, per non saltare la rubrica più amata del blog, l'ho spostata al 13 gennaio ed eccoci qui.
Un riassuntino per chi non ha mai partecipato e magari vuole iniziare con il nuovo anno.


La rubrica The Most Beautiful Sentence consiste in questo: ognuno di voi, me compresa, scriverà nei commenti al post la frase più bella, la frase che più vi ha colpito del libro che state leggendo o che avete appena finito di leggere. Accanto alla frase dovrete scrivere da quale libro è stata tratta, dopodiché sceglierò la frase più bella secondo il mio modesto parere :-)

Ecco la mia frase, tratta da "La testa sul piatto" di Chiarella Ghini:
"[...] Talora penso che chi afferma di doverci amare tutti l'un con l'altro, non sia mai stato in posti come una stazione, un aeroporto e una metropolitana". Le sembrava un pregiudizio anche l'amore, così prepotente nel proporsi come il migliore, l'unico. Lei si avviliva di non saperlo maneggiare con destrezza."


E ora a voi, miei cari lettori! Annuncerò il vincitore (che non vincerà niente :P) su facebook e twitter, seguitemi! Noi ci rivediamo in settimana con l'inaugurazione della nuova rubrica dedicata ai più piccini. Stay tuned ^_^

17 commenti:

  1. Eccomi, questa volta ci sono ^^ la frase è tratta da "Diciannove Minuti" di Josi Picoult, un libro molto difficile che ho appena terminato " I ragazzi popolari non hanno amici; stringono alleanze. Stavi al sicuro fino a che nascondevi la tua fiducia, perchè in qualsiasi momento gli altri potevano decidere di renderti ridicolo, sapendo che in ogni caso nessuno avrebbe riso di LORO"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Monica, grazie per essere passata :-)

      Elimina
  2. Philip Roth - Lo scrittore fantasma. Dialogo fra Nathan Zuckerman e un insoddisfatto E.I. Lonoff.

    - No, - disse lui, - non si caccia via una donna dopo trentacinque anni perché preferiresti vedere una faccia nuova sopra il tuo succo di frutta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!
      Amo Philip Roth, grazie per la frase :-)

      Elimina
  3. Eccomi!
    dal libro "Fai bei sogni" di Massimo Gramellini
    "Se un sogno è il tuo sogno, quello per cui sei venuto al mondo, puoi passare la vita a nasconderlo dietro una nuvola di scetticismo, ma non riuscirai mai a liberartene. Continuerà a mandarti dei segnali disperati, come la noia e l'assenza di entusiasmo, confidano nella tua ribellione.
    Buona settimana e buoni sogni!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lauretta!
      Questo libro ha riscosso molto successo, mi sa proprio che devo leggerlo ^_^ bellissima frase!

      Elimina
  4. "Le storie più belle sono notti d'amore. Sorgono al tramonto e si spengono all'alba, bruciando sotto le stelle..." T seguo ogni notte - Luca Bianchini

    baciiiii Chiaretta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Chiaretta, grazie per la frase ^_^ baciooo

      Elimina
  5. "I libri davano consigli molto più sensati se si consideravano regole apparentemente contradditorie ome suggerimenti alternativi." Dal bellissimo Il libro dell'ignoto. Storie di trentasei giusti di Jonathon Keats, traduzione di Silvia Pareschi.
    Chiaretta, entro la mezzanotte arrivo anche io!! E ti consiglio vivamente questo bellissimo, delicatissimo, romanticissimo, verissimo libro!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aaaa eccoti, cominciavo a preoccuparmi che non saresti passata :P grassie per il consiglio, ne farò tesoro ^_^ smack

      Elimina
    2. Gli spiriti girano (e leggono) di notte ;)

      Elimina
  6. La donna si diresse verso lo scaffale dei giornali vicino alla porta.Vatanen vide subito che aveva anche una bella figura, anzi, forse era il suo lato migliore. Una gioia immensa riempì il cuore stanco di Vatanen e quando la ragazza tornò al tavolo, Vatanen prestò attenzione ai suoi fianchi, ancheggiavano come la nave dei sogni. Bene. Magnifico.
    L'anno delle lepre Arto Paasilina - Iperborea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!
      Grazie mille per essere passato di qui :-)

      Elimina
  7. Ciao,sono nuova! Mi sembra un'idea troppo carina :)

    "Mi sono stancato di vivere odiando qualcuno, disprezzandolo, portandogli rancore. Mi sono stancato di vivere senza amare nessuno. Non ho un amico, nemmeno uno. E soprattutto non posso amare me stesso. Sai perché? Perché sono incapace di amare gli altri. Ed è soltanto amando gli altri, ed essendo amati, che si impara ad amare se stessi. Ma non sto dicendo che è colpa tua se sono così. Penso che anche tu sei vittima come me. Penso che nemmeno tu sappia cosa significa amare se stessi. Sbaglio?" da 1Q84 di Haruki Murakami

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Viola, benvenuta!
      Mi fa piacere che partecipi a questa piccola rubrica, grazie per aver condiviso la tua splendida frase ^_^

      Elimina
  8. “...Leggere mette in moto tutto dentro te: fantasia, emozioni, sentimenti. È un'apertura dei sensi verso il mondo, è un vedere e riconoscere le cose che ti appartengono e che rischiano di non essere viste,
    fa scoprire l'anima delle cose. Leggere significa trovare le parole giuste, quelle perfette per esprimere ciò a cui non riuscivi a dare forma. Trovare una descrizione a ciò che tu facevi fatica a riassumere. Nei libri le parole degli altri risuonano come un'eco dentro di noi, perché c'erano già.”
    Dal " Il tempo che vorrei" di Fabio Volo

    ::: finalmente partecipo anche io!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Alice, frase meravigliosa ^_^
      bacioni

      Elimina

Abbuffiamoci di parole!!!