lunedì 12 maggio 2014

Sognando vintage

Carissimi lettori, come state?
Anche per voi è duro alzarsi il lunedì?? Credo che per me sia il giorno più brutto della settimana, perché si torna al lavoro e poi perché, non so voi, ma io mi sento rimbambita e a nulla valgono caffè, integratori o ginseng, niente, sto in stato catatonico tutto il giorno :-/
Pazienza! Come avete trascorso il weekend? Mio marito e io sabato abbiamo fatto compagnia alla mia nonnina e alla cagnolina, perché i miei erano andati ad Assisi per il weekend, mentre ieri, per festeggiare il compleanno di mia suocera ci siamo diretti a Capodimonte, in provincia di Viterbo. Non ci ero mai stata e devo dire che mi è piaciuta molto. Prima abbiamo passeggiato per Montefiascone, poi giretto sul lungolago di Capodimonte, pranzo a base di pesce e via alla volta di Orvieto. Il tempo non era dei migliori, tirava un po' di vento e il sole faceva capolino ogni tanto tra le nuvole, l'importante comunque è che non ha piovuto e che siamo stati in piacevole compagnia! Magari metterò qualche foto su fb tra oggi e domani :-)

Ora passiamo ai libri. Vi ricordate che tempo fa passando davanti alla vetrina di una libreria avevo visto questo romanzo (Vintage dream di Erica Stephens)? Beh, non potevo lasciarmelo sfuggire, la copertina mi ha attratta come una calamita così come la trama.


Amanda ha un negozio di abiti vintage a Manhattan, ma l'orrida padrona di casa sta per sfrattarla. Anche la sua vita amorosa non è delle migliori, dato non riesce a uscire da una storia con un uomo sposato. Nel frattempo si sta dedicando agli splendidi abiti di un'anziana signora che se ne vuole disfare, aiutata dall'affascinante nipote. Durante la sua ricerca trova un diario nascosto tra le cuciture di un manicotto, se ne impossessa (confessandolo comunque al nipote della donna) e inizia a leggerlo.
Scopriamo così la storia di Olive, una ricca ragazza vissuta a New York agli inizi del '900. Dopo la morte del padre Olive si ritrova povera e sola, decide così di trovare un lavoro, determinata a fare carriera in un grande magazzino.
La storia di Olive aiuterà Amanda a trovare il coraggio di fare delle scelte che cambieranno la sua vita, mentre il lettore viaggia attraverso una Manhattan di fine '800 che fa sognare.

               


Mi è piaciuto? Sì. Entusiasmato? Non particolarmente. Non mi dispiacciono le storie intrecciate su due piani temporali diversi, soprattutto se la storia "passata" è reale. In ogni caso c'è sempre un racconto che prende il sopravvento sull'altro nell'animo del lettore e per me in questo caso è stata la storia di Olive. Sarà che amo le ambientazioni di fine '800 - inizi '900, sarà che ho trovato la vita di Olive molto più interessante di quella di Amanda. La prima è alle prese con un mondo difficile, ostile verso le donne e deve lottare alacremente per la sua indipendenza, l'ho trovata una donna forte, intelligente e onesta, quasi un'eroina, mentre Amanda è un po' più fragile e insicura, ma la storia del diario le dà lo spunto per migliorarsi e lottare per uscire dal pantano in cui si trova, regalandoci anche un finale "a sorpresa", che comunque si riesce a intuire già verso la fine. Se il romanzo fosse stato incentrato solo su Olive probabilmente l'avrei apprezzato di più :P
Essendo poi molto pignola, ho trovato tanti errori ortografici che, secondo me, una casa editrice come la Garzanti non deve permettersi. E, tanto per cambiare, il titolo non l'ho capito! :-/
E' comunque un romanzo piacevole da leggere, scorrevole per passare qualche ora in compagnia della sempre affascinante Manhattan e di abiti vintage!

Auguro a tutti un buon (per quanto possibile!) lunedì ^_^ un bacione

25 commenti:

  1. Devo dire che le storie "vintage" piacciono molto anche a me, quelle che si intrecciano però se non sono scritte a puntino non mi entusiasmano. Ma potrei dargli una possibilità. Io ho appena acquistato Maledetta Primavera, se ne parla tanto, vediamo un po'. Buon lunedì e a presto. =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah guarda, non è male, semplicemente ho letto più piacevolmente una storia piuttosto che l'altra, però è scorrevole, anche commovente.
      Ho letto la trama del libro che hai citato, sembra "forte".. leggerò la tua recensione!
      Buona giornata :-)

      Elimina
  2. bella la tua recensione ... ed e' bene che tu sia cosi' pignola ... io, personalmente mi sono fermata alle emozioni e alle sensazioni che restano dopo questa bella lettura ... al coraggio di fare scelte da adulti semplicemente lasciandosi immergere in una bellissima storia di riscatto sociale di una donna del passato .... alla pagina aperta di un amore che nasce lasciandoci immaginare il lieto fine ... ma la recensitrice sei tu ed e' bene che ci faccia notare anche le piccole cose .... altrimenti senza condivisione e senza critica non si cresce nella lettura ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao carissima, grazie, sei sempre molto gentile.
      Ti sei lasciata trasportare dalle emozioni, è giusto così, solo che è più forte di me, se trovo un errore, anche piccolo, mi "arrabbio" :P
      La storia comunque è interessante e piacevole da leggere.
      A presto cara, un bacione :*

      Elimina
  3. Chiaretta cara grazie per la gradita visita. Il tuo blog è bello e interessante. Tornerò con calma perchè sto andando dove sai.. ahahahah!!! il monopattino mi sta aspettando. ciaooooo Bruna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Bruna! ahahah tranquilla, vaiiii e divertiti :-)

      Elimina
  4. Chiaretta questo me lo segno, mi sembra divertente e leggero nonostante gli erroriortografici :-) Grazie come sempre per tutti i consigli che ci dai! Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara!
      Sì, devo dire che è una lettura leggera e spensierata, adatta a chi vuol passare qualche ora piacevolmente :-)
      Grazie a te per essere passata a trovarmi, baciiii

      Elimina
  5. E' uno dei libri che voglio leggere anche io prossimamente...tra l'altro anche mia cugina ha da poco aperto un negozio vintage e credo proprio che presto avrà una visita da parte della sottoscritta! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buondì carissima!
      Avevi questo libro in lista? Allora poi verrò a leggere la tua recensione ;-)
      Daiii che bella idea ha avuto tua cugina, magari puoi postare qualche foto, soprattutto dei "danni" che combinerai in negozio! Allora le faccio un enorme in bocca al lupo, un bacione a te

      Elimina
  6. Anche io avrei sicuramente aprezzato di più l'ambientazione tra Otto e Novecento, Amanda e tutte le protagoniste insoddisfatte hanno rotto le palle!
    Scheeerzooo! :D
    Ma.. gli errori di ortografia? L'autrice è italiana o tradotta? Qui sta andando tutto in sfacelo. Io ho trovato un romanzo che non è di nessuno e allora ho deciso di prenderlo ;) Piccoli limoni gialli lo conosci? Il titolo non mi è nuovo, ma non so se perché ne hai parlato tu.. qui sulla barra laterale c'è Piccole storie indaco e anche questi titoli tutti simili hanno rotto le palle!
    Buona settimana Chiara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehm... è probabile che tu mi abbia riconosciuta, ma te lo dico lo stesso: questa matta qua sopra, che ha pure sbagliato una doppia, sono io.. ho cambiato pc e sono apparsa con un altro account che non sapevo nemmeno di avere, ma di cosa mi stupisco, poi, oggigiorno basta avere un indirizzo e-mail e automaticamente hai TUTTO IL RESTO anche se non lo sai..
      Buona settimana anche a me, dai ;)

      Elimina
    2. ahahah ciao spiritello!!! Ti avevo riconosciuta, è un tuo vecchio account, mi ricordo della foto con i fiori! Internet è una sorta di grande fratello, non trovi? E' un po' inquietante che Google sappia tutto di noi O.O
      Concordo con te, hanno tutti rotto le palle ahahah ma non ti stai rilassando in vacanza?? :P
      A parte gli scherzi, ho sentito parlare anch'io di "Piccoli limoni gialli" ("Piccole storie indaco" è già sparito dalla barra laterale :-/), forse me l'avevano consigliato, ma non l'ho letto né recensito ancora, probabilmente te l'avrà suggerito qualcun altro :-)
      Riguardo a questo romanzo l'autrice è stata tradotta, ma sono i correttori di bozze che evidentemente non hanno fatto un buon lavoro, vabbè che c'è la crisi, ma chi è che controlla i refusi??? Mah

      Carissima, ti mando un abbraccio e buona settimana anche a te :D ♥

      Elimina
    3. Se posso intromettermi, Piccoli limoni gialli è davvero carino, questo è quel poco che avevo scritto quando lo avevo letto:
      Il primo di Kajsa Ingemarsson, autrice Svedese che con il suo romanzo, Piccoli limoni gialli, mi ha portato nella sua Svezia ma anche riportato in Italia eh già perchè in questo piccolo ristorante si cucina Italiano, con qualche spunto mediterraneo e con il profumo di questi limoni... una storia tenera e frizzante molto piacevole.
      Buona giornata!

      Elimina
    4. Certo che puoi "intromettermi", scherzi? E' fatto apposta il blog, per scambiare idee e suggerimenti, che sono sempre ben accetti!
      Oddio quanti libri devo leggere ^_^' Eh sì, "Piccoli limoni gialli" è tra questi, anche perché adoro i romanzi che parlano anche di cucina :-)

      Elimina
  7. Lo comprerò sicuramente!! Mi ispira molto :)

    RispondiElimina
  8. Eccolo qui tra le mie mani, me lo ha appena portato mio marito dalla biblioteca, ora finisco la serie di mary kay andrews che trovo divertentissima (li hai letti?) e poi lo comincio :-), buone letture cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma daiii carino tuo marito, spero ti piacerà questa lettura gradevole :-)
      No, non ho letto i libri che hai citato, ma ho letto la tua recensione e ovviamente ho messo in lista, perché mi hai incuriosita, dai sempre degli ottimi spunti ;-)
      bacioni

      Elimina
    2. Per delle lettrici compulisve come noi, ogni titolo ha il suo fascino o quasi e devo dire che i tuoi gusti di lettura rispecchiano molto i miei :-)
      Baci

      Elimina
    3. E' vero, sì, andiamo d'accordo sui gusti letterari, è sempre un piacere scambiare opinioni e consigli tra lettrici compulsive (hai detto bene!).
      PS: per caso potresti inviarmi il link del post in cui parlavi della serie di Mary Kay Andrews? Non lo trovo!! Grazie mille ^_^

      Elimina
  9. Chiara non li ho ancora recensiti, avevo messo solo le fotografie delle copertine su fb ma appena finisco il primo finisce sul blog, il prossimo post sarà tutto dedicato ai libri e presumo tanti altri post nei prossimi mesi :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uuu mi ricordavo che in un post avevi dato diversi consigli di lettura tra cui questi libri, forse ricordo male, perdonami :-/
      Allora aspetto la recensione vera e propria, grazie :D

      Elimina
    2. No no avevo messo le copertine su fb ma devo dire che il primo "Una memorabile scenata" è divertente e promettente :-)
      Baci

      Elimina
    3. Che testa, non farci caso @_@ ahahah
      Bene, me lo segno :*
      grassieeee

      Elimina

Abbuffiamoci di parole!!!