martedì 11 novembre 2014

I love shopping a Hollywood

Buongiorno carissimi, come state?
Spero tutto bene :-) Io purtroppo non sono sfuggita ai malanni di stagione, mi sono beccata un bel mal di gola, ma lieve, non posso lamentarmi!
Volevo ringraziarvi per aver accolto calorosamente la nuova veste del blog, sono davvero contenta che vi piaccia ^_^

Ora però torniamo a parlare del nostro argomento preferito: i libri. Ho finito di leggere qualche tempo fa l'ultimo romanzo di Sophie Kinsella, il settimo della serie I love shopping, questa volta si intitola I love shopping a Hollywood.


Quando avevo letto che era uscito un altro libro sulle avventure della vulcanica protagonista Becky ero al settimo cielo e mi sono subito precipitata ad acquistarlo. 
Leggendo poi la recensione, purtroppo abbastanza negativa, della mia amica Monica, ho avuto paura che stavolta il libro non mi sarebbe piaciuto e così è stato.


La trama in breve: Becky si è trasferita con il marito Luke e la piccola Minnie a Hollywood per via del lavoro di lui. Luke dovrà curare l'immagine di una famosa attrice, Sage Seymour. Becky non sta nella pelle, per lei Hollywood è un sogno che però viene rovinato dalla sua antica nemica, Alicia, ammirata e amata da tutte le mamme dell'asilo dove ha iscritto Minnie, nonché moglie del proprietario di un famoso centro di meditazione. Anche la sua migliore amica Suze la raggiunge insieme al marito. Becky però è alle prese con il suo nuovo sogno, diventare personal stylist di Sage.

 

  Trama classica, Becky sempre alle prese con la sua mania dello shopping, vuole "disintossicarsi" ma non ci riesce, insegue l'ennesimo sogno e inevitabilmente combina casini. Non ce l'ho con la trama in sé, anche se l'ambientazione hollywoodiana e lo star system di contorno con tutte le sue magagne, falsità e inganni non mi è piaciuto affatto.
Il problema è che forse è ora di lasciare andare Becky, è infantile, troppo, ha una famiglia a cui pensare, mentre invece durante il libro la vediamo cambiare totalmente, diventare egoista, voltare le spalle a marito, figlia e amici per il successo. Non mi è piaciuto. Tra l'altro l'autrice ha inserito diverse trame all'interno della trama principale: l'arrivo di Suze e del marito Tarkie che vuole ritrovare te stesso lontano da tutti; come se non bastasse arriva in California anche il padre di Becky, alla ricerca di un suo vecchio amico col quale è invischiato in affari non meglio precisati e che scapperà insieme a Tarkie.

ATTENZIONE ANTICIPAZIONI:
Come finisce il romanzo? Luke perdona per la milionesima volta le pazzie di Becky, loro due insieme a Suze - che perdona per la milionesima volta Becky - e ad Alicia partono alla ricerca dei due fuggitivi e udite udite? La Kinsella ha deciso di scrivere anche l'ottavo libro della serie! No te prego no! (scusate il romanesco)

Le serie o saghe o come volete chiamarle non mi hanno mai attratta, l'unica serie che ho letto in vita mia è questa, ma credo che l'autrice si sarebbe dovuta fermare al sesto romanzo, con I love mini shopping.
Purtroppo questa autrice, sia sotto pseudonimo che con i romanzi firmati col suo vero nome, Madeleine Wickham, ultimamente mi sta deludendo, e non poco. Mi dispiace dirlo, ma credo che io e la mia ex amata Sophie abbiamo chiuso, per ora. Ho passato bei momenti grazie alla sua scrittura ironica, frizzante, fresca, ma forse ha perso quel tocco magico che dava ai suoi libri un'impronta inconfondibile, o forse sono soltanto io che sono stanca di lei.

Alla prossima ragazzi e mi raccomando, domani sintonizzatevi su Ryar Web Radio 
Alle 16.30, ospite della trasmissione La Giovane Italia la scrittrice Mara Roberti; alle 17.20 andrà in onda la rubrica Lo scaffale di Chiara, non perdetela ^_^


10 commenti:

  1. Concordo su tutto! Ho riscontrato le stesse pecche! Questa volta ha proprio esagerato facendo scelte troppo commerciali! E' ha completamente snaturato Becky...invece di crescere con i suoi libri è regredita! Fino alla prima parte dove lei cercava - o meglio si illudeva di cercare - di smettere di fare shopping era ancora divertente poi il degenero più totale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, la Kinsella ha proprio esagerato, Becky era irriconoscibile!! L'ho trovata infantile all'eccesso, viziatissima ed egoista, cosa che non è mai stata.
      Sì, l'inizio era abbastanza promettente, divertente, ma poi è crollato tutto!

      Elimina
  2. Ciao Chiara! Innanzi tutto colgo l'occasione per complimentarmi con te per la scelta del nuovo abito del blog. Hai completamente cambiato veste, l'impatto è notevole, ma molto rilassante.
    Proprio grazie alla recensione di Daniela e di Cecilia non ho comprato questo libro. La Kinsella mi è sempre piaciuta, ma a quanto pare i suoi romanzi non sono all'altezza delle aspettative. Sono rammaricata ma non credo che perderò del tempo. Speravo in una tua recensione positiva per accendere una piccola speranza, invece no. Ok pazienza!!
    A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Salvia :-)
      Grazie, mi fa davvero piacere che ti piaccia :D Sì, ho voluto cambiare totalmente, sentivo il bisogno di qualcosa di più rilassante, hai detto bene.
      Hai fatto bene a non comprare questo romanzo, mi piange il cuore dirlo, ma è così. Io speravo in qualcosa di divertente e invece, per carità! Penoso!
      Baciii

      Elimina
  3. Non me l'aspettavo...ma sai cosa c'è? che la lunga serialità quasi sempre alla fine stufa. A me succede sia con i libri che con le serie tv. Già la Kinsella avrebbe potuto risparmiarsi "I love shopping con mia sorella" e passare direttamente ad "I love shopping per il baby" , visto che la storia della sorella illegittima ritrovata mi è sempre sembrata un raschiare il fondo del barile....vabbè, comunque proverò, poi vedremo.intanto mi preparo....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tiziana :-)
      Hai ragione, la serialità può stancara, anche con i telefilm, direi che 6 stagioni bastano e avanzano in genere!
      Per me doveva fermarsi al "baby", quello della "sorella" non mi era dispiaciuto, ma ora basta, anche l'ottavo vuole scrivere?? Nooooo
      Ok, allora aspetto impaziente la tua recensione.
      Ciaoooooo

      Elimina
  4. Delusione massima per questo libro ç_ç Sophie fai un favore a tutti noi (e soprattutto a te stessa) lascia andare Becky, perchè se me la devi completamente snaturare io non mi diverto più!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo con te, Monica, un'amarissima delusione :'(
      Il problema è che anche gli altri ultimi romanzi di Sophie non mi erano piaciuti, qui è giunta al culmine, perciò per ora io dovrò lasciare andare la Kinsella :-/ Peccato!
      baciii

      Elimina
  5. ciao Chiara, finalmente riesco a scrivere un commento... non ho letto nessun libro della Kinsella, non mi piace il genere. Penso che alcuni autori dopo un esordio di successo scrivano altri libri/episodi con gli stessi protagonisti solo per sfruttare l'onda della fama e non perché hanno realmente una storia da raccontare.
    Concordo con Salvia sull'aspetto del blog, anche se io mi ero affezionata alla signorina che leggeva seduta al tavolino di un bar, mi sembrava di rivedermi! un abbraccio e a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lauretta, è sempre un piacere averti qui ^_^
      Hai ragione, spesso gli autori sfruttano la fama dei personaggi creati da loro per vendere di più, ma in questo caso la Kinsella non ne ha nemmeno bisogno, ha scritto tanti altri romanzi di successo.. Comunque secondo me doveva lasciare andare Becky, il suo tempo è finito!
      Sono contenta che ti piaccia il nuovo layout, credimi, anch'io ero affezionata al precedente header ma avevo voglia di cambiare!
      Grazie, un bacione a te :-)

      Elimina

Abbuffiamoci di parole!!!