martedì 25 novembre 2014

Le sorelle Soffici

Buongiorno miei cari lettori, com'è cominciata la vostra settimana?
Il mio pc fa i capricci da quando c'è stato quel forte temporale a Roma, emette un ronzio forte e continuo, quindi sappiate che ci sono e non ci sono in questi giorni, perché purtroppo lo rimetteranno in sesto la prossima settimana, ma vi penso sempre ragazzi e, soprattutto, continuo a leggere ^_^
Chi mi segue su facebook sa già che la scorsa settimana mi sono iscritta alla prova gratuita di 30 giorni di Kindle Unlimited.
Si possono caricare 10 ebook alla volta e non ci sono limiti di tempo per leggerli.
Per ora ho caricato sul mio Kindle: Non c'è niente che non va, almeno credo di Maddie Dawson; Il Club dei Suicidi di R. L. Stevenson; Tutta colpa di New York di Cassandra Rocca (lettura natalizia) e il romanzo di cui vi parlerò oggi, Le sorelle Soffici di Pierpaolo Vettori.
Vi parlerò approfonditamente di Kindle Unlimited dopo la prova gratuita, e vi farò sapere se sottoscriverò l'abbonamento a 9,99€ al mese :-)

Prima di parlare del romanzo volevo annunciare una bellissima iniziativa, creata in collaborazione con Ryar Web Radio: il giorno 14 dicembre, presso la sede della radio in Viale di Trastevere 112 a Roma, sarà nostra ospite l'autrice del meraviglioso romanzo L'ultimo battito del cuore, Valentina Cebeni. Presto vi darò i dettagli dell'evento, spero che molti di voi riuscirete a partecipare, sarei davvero felice di conoscervi ^_^ 

Ora veniamo al romanzo di Vettori. Avevo già sentito parlare di questo libro e la copertina mi incuriosiva molto, quindi ho deciso di leggerlo.





Veronica Soffici viene da un'importante famiglia di industriali che producono, da generazioni, la famosa marmellata Soffici. Veronica però è una ragazza un po' particolare, parla con gli scrittori defunti, vede esseri strani che popolano la casa e soprattutto sa di essere l'unica in grado di proteggere la sorella Cecilia dal mondo esterno. Veronica scrive ogni giorno sul suo diario ciò che accade intorno a lei, il viavai di politici, avvocati, personaggi dello spettacolo che la confondono, passioni e intrighi che si consumano sotto i suoi occhi e troverà un modo tutto suo per cercare di sopravvivere a tutto questo.


Non sapevo cosa aspettarmi da questo romanzo, non sapevo a cosa sarei andata incontro, perciò è stato una sorpresa, mi sono trovata di fronte a una storia spiazzante, assurda, irreale, quasi incomprensibile, ma forse proprio per questo intensa e coinvolgente.
Veronica viene definita una ragazza con dei problemi, stupida, ma chi può dire che la sua realtà non sia vera tanto quanto quella degli altri protagonisti? La sorella, Cecilia, sembra un essere indefinito, etereo, delicato. E' impossibile non voler bene alle sorelle Soffici.
Il libro è stato finalista e segnalato dalla giuria alla XXIV edizione del Premio Calvino.
Un romanzo di un autore italiano che merita di essere letto, vissuto e amato. 


"Allora mi spavento e copro lo specchio con un telo come i vampiri. Non lo sopporto. Io ho bisogno di capire come sono. Ho bisogno di qualcosa di vero. Altrimenti è come essere morti."



"[...] anche Emily Brontë giocava coi soldatini. E' stata lei che mi ha suggerito di scrivere questo diario. Me lo ha detto in biblioteca. Anche Cecilia lo ha sentito. Noi possiamo parlare con i libri."


Casa editrice Elliot
Collana Scatti
pp. 177
€ 13,60
Gennaio 2012
ISBN 9788861922440

8 commenti:

  1. Libro stranissimo, ma fascinoso. Esordio notevole, a dir poco.
    Non vedo l'ora di leggere il nuovo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo. Esordio notevole!
      Anch'io non vedo l'ora il nuovo romanzo :-)

      Elimina
  2. Ciao Chiara! Sono tornata finalmente!!!! Ho visto questo libro proprio al bookcity e stavo per prenderlo, mi aveva colpito la Cover ma anche la sinossi mi ha incuriosita. Se poi si parla di persone "stravaganti" entriamo nel mio mondo. Sono curiosa e penso che lo leggerò; anche se assurdo! Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao carissima, grazie per essere passata di qui ^_^
      Uuu perché non l'hai preso allora? Secondo me ti piacerà, poi mi farai sapere :-)
      baciiii

      Elimina
  3. Che libro strano...però mi intriga! Ci faccio un pensierino!!! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero un libro particolare, ma intenso, pensaci :-)

      Elimina
  4. Mi piace il titolo. Sia perché è bello, sia perché è legato strettamente al contenuto. L'idea della marmellata mi suona nuova, niente cioccolata, niente cannella, niente pasticcini: marmellata. Interessante. Ieri stavo per comprare un e-book di un libro che cartaceo ancora non è disponibile, e mi hanno detto che è bellissimo, si chiama Il mondo di Sofia, lo conosci? Aspetto che recensisci l'abbonamento Kindle ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero? Il titolo è adorabile e sicuramente è legato alla trama, o almeno ai personaggi.
      ahahah hai ragione, la cannella ormai è onnipresente, ma qui l'autore si è distinto :P
      Non conosco Il mondo di Sofia, me ne parlerai tu... il titolo però mi incuriosisce, ora sbircio in rete :D
      Okay cara, a presto baciii

      Elimina

Abbuffiamoci di parole!!!