venerdì 2 novembre 2018

Una questione di cuore

Buongiorno a tutti carissimi lettori, siete sommersi dalla pioggia? Non se ne può più!
Spero abbiate trascorso una serena festa di Ognissanti, magari avete fatto anche ponte? 

In questo uggioso venerdì di novembre vorrei parlarvi di un libro che ho finito di leggere da poco, si intitola Una questione di cuore di Karen Swan, edito da Newton Compton.


Francesca Hackett lavora come guida turistica a Roma. Una sera, nella spazzatura sotto casa, trova una borsa costosa con dentro una misteriosa lettera. Scopre che appartiene alla viscontessa Elena Damiani, che vive proprio vicino casa sua. Una volta conosciuta Elena la sua vita cambierà per sempre. Francesca diventerà la sua biografa ufficiale, scopre che Elena, americana di origine, ha avuto una vita apparentemente felice, nata e cresciuta in una famiglia molto ricca, è conosciuta come la ragazza più fortunata d'America. Eppure si sposa tre volte, conduce una vita dissoluta, a ventisei anni incontra la sua anima gemella, ma né la sua fama né la sua ricchezza a quanto pare possono darle la felicità.

La storia si svolge su due piani, la vita attuale di Francesca e i flashback della vita della viscontessa, Elena Damiani. Ho sempre amato i romanzi in cui si intrecciano storie presenti e passate e, solitamente, le storie per così dire "antiche" sono quelle che esercitano su di me un grande fascino. Così è stato anche in questo caso.
Elena è un personaggio ambiguo, contorto, dalle mille sfaccettature e per questo molto interessante. Fin da subito, quando ci viene raccontata la sua infanzia, il lettore comprende che non è tutto oro quello che luccica, è ricca, ma non è felice. Dai 16 anni in poi la sua vita amorosa è a dir poco rocambolesca, fino a quando sembra trovare stabilità sposando un noto rappresentante dell'aristocrazia romana. In realtà il suo cuore appartiene a qualcun altro che però non può avere.
La storia di Francesca invece è la storia di una ragazza inglese, ex avvocato, trasferitasi a Roma a seguito di un mistero oscuro che la perseguita e che si verrà a scoprire soltanto alla fine. Si trova di fronte a un personaggio molto particolare e difficile da inquadrare, Elena. Il suo fiuto di avvocato le dice che dietro l'aria apparentemente serena della viscontessa, si nasconde qualcosa e lei è decisa a scoprire la verità.

La trama non è complessa come può apparire. Certo, forse è difficile stare dietro alle storie d'amore e di vita di Elena, ma è un personaggio che ti cattura e che in qualche modo senti di compatire, perché nonostante sembra abbia avuto tutte le fortune del mondo, non riesce a trovare la felicità. Il suo bisogno d'amore è talmente forte che la spinge a rifugiarsi nelle braccia degli uomini sbagliati.
Il romanzo, nel suo insieme, mi ha piacevolmente colpita. L'inizio stenta un po' a decollare, ma poi il tutto scorre più fluidamente.
Non ho apprezzato i continui riferimenti al fatto che Francesca sia un bravo avvocato, addestrata a fiutare le bugie e a capire quale sia la verità. Questa cosa viene ripetuta un po' troppo spesso per i miei gusti. Così come il mistero che avvolge la sua vita, la causa che l'ha costretta a scappare dall'Inghilterra. Alla fine viene il mistero fuori in maniera rapida e indolore, un fatto grave che però viene liquidato con due righe, togliendo la suspense che in tutta onestà non ha mai particolarmente catturato la mia attenzione.
Sicuramente la vita di Elena fornisce spunti più interessanti come vi dicevo, anche se la sua vita appare piuttosto complicata. Alla fine c'è anche un colpo di scena che non vi racconterò.

È un libro che consiglio, anche se volete conoscere un po' meglio Roma. La città eterna è una città meravigliosa (con tutti i suoi difetti) ed è una delle protagoniste di questo romanzo, è descritta con amore e affetto. E la storia di Elena vi terrà sicuramente col fiato sospeso!

Buon weekend a tutti ^_^

Se vi va di leggere un racconto purtroppo molto attuale seguite questo link, supportate il racconto e ditemi cosa ne pensate :-)

6 commenti:

  1. Ciao Chiara, non ho letto il libro anche se quasi quasi....mi ispira. Qui con il maltempo per due giorni è stato un macello come mai ho visto in vita mia: alberi abbattuti su auto distrutte, tetti volati via che manco ne "Il mago di Oz", case danneggiate in vario modo, alcuni feriti, per fortuna qui a Brescia nessun morto. Ti dico solo che mi sono tappata in casa e, complice il fatto delle scuole chiuse, non sono uscita nemmeno per prendere il giornale per paura che mi arrivasse qualcosa in testa. H avuto davvero paura.
    Un abbraccio forte e buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tiziana,
      mamma mia davvero? Anche a Roma strade allagate e alberi caduti, ma non a questi livelli, mi dispiace.
      Ti capisco, la paura è tanta perché può succedere di tutto, hai fatto bene a stare in casa.
      Un abbraccione a te :-)

      Elimina
  2. Ciao chiara, non conoscevo questo libro anche se ho già sentito parlare di questa autrice. Se lo consigli tu è da prendere in considerazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao :-) Sono contenta che ti sia utile il mio suggerimento ^_^

      Elimina
  3. Ciao chiara! Mi ispira tantissimo questo romanzo perché ho da poco finito di leggere un libro di Kate Morton, Una lontana follia, che parte proprio con il ritrovamento di una lettera misteriosa!
    Diciamo che leggere libri ch mischiano misteri del passato e storie d'amore tragiche, si va sul sicuro:)
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  4. Ciao :-)
    Anche a me piacciono molto romanzi di questo genere, ora mi segno anche "Una lontana follia" :D

    RispondiElimina

Abbuffiamoci di parole!!!