mercoledì 12 settembre 2018

Si ricomincia!

Miei cari fedelissimi lettori,
sono passati circa due anni da quando scrissi l'ultimo post su questo blog, un'esperienza che mi ha dato tanto ma che a un certo punto ho voluto e dovuto lasciare. I perché sarebbero tanti, o forse sono solo scuse, probabilmente mi ero solo stancata. In questo periodo la passione per i libri non ha subito cedimenti, è sempre stata lì, annidata nel mio cuore. Ho letto tanto, sempre, un po' meno nell'ultimo anno perché ho avuto la fortuna di avere un bel bimbo, quindi capirete che il tempo per leggere è stato davvero poco.
Ho riaperto il blog perché ho sentito la necessità di condividere con voi le mie letture, spero vogliate intraprendere con me questo incredibile nuovo viaggio tra le parole.



Vorrei ricominciare con l'ultimo romanzo di Cinzia Giorgio. Autrice lucana, laureata in Lettere moderne e Lingue, collabora con diverse riviste.
La piccola bottega di Parigi (edito da Newton Compton) parla di Corinne Mistral, avvocatessa romana apparentemente felice e realizzata, nel lavoro e nella vita privata, è fidanzata con un avvocato ed è prossima alle nozze. Sulla sua strada però incontra degli ostacoli, il peggiore di tutti viene dal suo passato e si chiama Leonardo Ferrari, il suo primo vero amore, quello che le ha fatto battere il cuore e che non ha mai dimenticato. La morte della nonna Anna lo riporterà inaspettatamente nella sua vita. Come eredità la nonna paterna le ha lasciato il suo atelier a Parigi. Corinne scoprirà che Anna è stata grande amica di Coco Chanel e scoprirà anche che la sua vita non è così perfetta come poteva sembrare.

"Aveva imparato sulla sua pelle che la vita è come una rappresentazione teatrale senza prove generali. Si calpesta il palcoscenico senza avere la minima idea di quale sia il copione. E si recita."


La scrittura di Cinzia è fluida, scorrevole. Riesce a rendere le ambientazioni interessanti, è come sentirsi a casa, sia Roma che Parigi ci appaiono splendide come dovrebbero essere due capitali importanti.
Anche i protagonisti sono resi in maniera vivida. Corinne ci appare in tutta la sua fragilità quando deve affrontare il suo doloroso passato, tutte le donne un po' insicure si ritroveranno in lei, anzi, Corinne ci dà la forza per tirarci su e combattere per conquistare autonomia e indipendenza.
Gli altri due personaggi interessanti sono le nonne. Nonna Anna, nonostante sia morta, è molto presente nel libro grazie alle lettere che ha lasciato alla nipote, così veniamo a scoprire di una donna che durante la sua giovinezza ha conosciuto la grande Chanel e nonostante la sua timidezza e il suo carattere dolce è riuscita a entrare nelle sue grazie. Nonna Elena, completamente diversa da Anna, è una donna altera e rigida, che si è presa cura della nipote vista l'assenza dei genitori, ma in qualche modo è riuscita a soffocarla, non lasciandole spazio per crescere.
Anche il primo amore di Corinne è descritto molto bene e ci fa anche capire che molto spesso idealizziamo le persone e i fatti del nostro passato, un passato che a volte dobbiamo affrontare per poter andare avanti serenamente.
Libro quindi consigliatissimo.
Lo trovate in formato Kindle a 2,99€ mentre il cartaceo viene 8,50€ su Amazon.

Il titolo fortunatamente azzeccato, mentre nel prossimo post vi parlerò di un libro intitolato La piccola casa dei ricordi perduti, titolo che vi assicuro non c'entra niente con il contenuto del romanzo.

A presto e buone letture :-)

19 commenti:

  1. Chiara Ciao!!! Che bello rileggerti dopo tutto questo tempo, bentornata. il libro che hai letto è molto carino, non conoscevo l'autrice e devo dire di essere stata piacevolmente colpita. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao ti ringrazio :-)
      È un piacere anche per me ritrovare "vecchi amici"!
      Io Cinzia la conoscevo e non mi ha mai deluso ^_^

      Elimina
  2. Ciao Chiara e bentornata! Sono passata incuriosita dal tuo commento sul mio blog e ho visto giusto!! Ho questo ebook quasi in cima alle mie prossime letture. Adesso so che non mi deluderà :) A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per essere passata a salutarmi ^_^
      A me è piaciuto molto, credo proprio che ti innamorerai anche tu di questo libro!

      Elimina
  3. ciao chiara :) pensa che il mio blog è stato fermo quasi cinque anni :) che ne pensi degli audiolibri magari uniti alla lettura classica? intanto ti lascio una poesia di antonia pozzi (le sto spargendo un po' ovunque). puoi trovarle tutte nel volume parole edito da garzanti o feltrinelli (se già non la conosci). Se puoi rispondimi sul blog ché con tutti questi commenti sparsi non capisco più le notifiche :) A presto

    Fuga
    Gracili volti porgono i narcisi
    alla ventata.
    Mani di bimbi:
    e siepi
    improvvise s'aggrappano ai cancelli.
    Il respiro si strugge
    alla mia corsa:
    sguardi
    alle cose gettati
    – vani ponti –
    mi divora l'abisso fragoroso.
    10 maggio 1935

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao benvenuto nel mio blog :-)
      Anch'io sono stata ferma qualche anno, ma eccomi di nuovo qui piena di energia! Prima o poi vorrei provare con gli audiolibri, ho anche l'abbonamento Amazon Prime quindi tante letture sono gratis. Penso siano un ottimo mezzo alternativo alla lettura normale.
      Grazie per la poesia ^_^

      Elimina
  4. ben ritrovata!!! e auguri per il tuo bimbo :)))
    continuerò con piacere a seguire i tuoi consigli di lettura!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laura, che bello ritrovarti!! Grazie per gli auguri ^_^
      Anch'io ti seguirò di nuovo volentieri :-)

      Elimina
  5. Che bella sorpresa Chiara! sono felicissima che tu sia tornata, mi sei mancata! Adesso che so che scrivi ancora verrò sempre a leggerti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tiziana, è un piacere ritrovarti, grazie ^_^ e grazie per gli auguri!
      Ti seguirò di nuovo anch'io, molto volentieri :-)

      Elimina
  6. A proposito, auguri per il tuo bimbo!

    RispondiElimina
  7. Sono felicissima di sapere che stai bene, ero un po' preoccupata perché proprio tu eri sparita (sono cose che facevo io quando ero spiritello!), e mi fa piacere sapere che ti era "solo" passata la voglia (come non capirti?) e sono felicissima per il tuo bambino (che oramai sarà maggiorenne, io arrivo con calma). Bentornata!!
    (pensa che stavo riordinando i miei scritti e sono incappata in quella specie di fiaba che avevo scritto per il tuo compli-blog, e così sono tornata qui e... ci sei!!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciaooo ma che bello ritrovarti e grazie!! Sai che ti pensavo proprio qualche tempo fa? ^_^ Io ricordo il romanzo che avevi scritto e che mi era piaciuto molto.. diciamo che in teoria ero tornata, ma come vedi non scrivo da settembre. Niente, ho provato a ritrovare la passione di una volta, ma non c'è stato verso. Però continuo a leggere :-) Ho visto che hai un nuovo blog, molto originale!

      Elimina
    2. Grazie. Il nuovo blog è un'idea dell'Alligatore che è ancora in vita grazie a lui, che non è tipo da mollare tutto e sparire (quella sono io). Sto imparando a gestire l'ansia e il perfezionismo. Il romanzo lo sto riscrivendo decentemente e alterno alla riorganizzazione dei miei vecchi blog spariti, altro vecchio progetto, basta avere le idee più chiare. La passione non torna, non ci sono le condizioni per avere di nuovo tutto come prima e nemmeno noi siamo più le stesse.
      (la mia parola dell'anno è consapevolezza ihihih)
      Un abbraccione!

      Elimina
    3. Wow ma sei diventata super saggia! Ma dai, stai riscrivendo il romanzo? Ne sono felice, era scritto molto bene. Io ogni tanto cerco ispirazione per aprire un nuovo blog, ma puntualmente i miei progetti naufragano. Credo di non aver trovato l'argomento ideale! Bacioni

      Elimina

Abbuffiamoci di parole!!!